Col­tel­lo al­la go­la ra­pi­na l’este­ti­sta

Nel Tre­vi­gia­no, ban­di­to al sa­lo­ne di bel­lez­za. «Dammi i sol­di o ti fac­cio ma­le»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Cit­ter

MIA­NE «Dammi i sol­di o ti fac­cio del ma­le, non è la pri­ma vol­ta che lo fac­cio». Que­ste le parole pro­nun­cia­te bran­den­do un col­tel­lo dal ra­pi­na­to­re che, ie­ri mat­ti­na, ha ag­gre­di­to Cri­sti­na To­non, 38en­ne ti­to­la­re del cen­tro este­ti­co «Iso­la del Be­nes­se­re» in piaz­za Ri­sor­gi­men­to, nel cuo­re del pae­se. Una ra­pi­na in pie­no gior­no ai dan­ni di un’este­ti­sta, ora sot­to choc, che ha scon­vol­to e crea­to mol­ta pre­oc­cu­pa­zio­ne tra i re­si­den­ti, pri­mo fra tut­ti il sin­da­co An­ge­la Col­mel­le­re.

MIA­NE «Dammi i sol­di o ti fac­cio del ma­le, non è la pri­ma vol­ta che lo fac­cio». Que­ste le parole pro­nun­cia­te bran­den­do un col­tel­lo dal ra­pi­na­to­re che, ie­ri mat­ti­na, ha ag­gre­di­to Cri­sti­na To­non, 38en­ne ti­to­la­re del cen­tro este­ti­co «Iso­la del Be­nes­se­re» in piaz­za Ri­sor­gi­men­to, nel cuo­re del pae­se.

Una ra­pi­na in pie­no gior­no ai dan­ni di un’este­ti­sta, che ha scon­vol­to e crea­to mol­ta pre­oc­cu­pa­zio­ne tra i re­si­den­ti, pri­mo fra tut­ti il sin­da­co An­ge­la Col­mel­le­re che pro­prio nel­la stes­sa mat­ti­na­ta ha scoperto un ten­ta­to fur­to in co­mu­ne. Il ra­pi­na­to­re so­li­ta­rio è en­tra­to in azio­ne po­co do­po le 11.30 di ie­ri mat­ti­na. E’ en­tra­to nel sa­lo­ne di bel­lez­za come un nor­ma­le clien­te, ma sul vol­to ave­va ca­la­to un pas­sa­mon­ta­gna che ha su­bi­to fat­to ca­pi­re al­la ti­to­la­re co­sa sta­va suc­ce­den­do. «Era ap­pe­na usci­ta una clien­te, ho sen­ti­to la porta che si apri­va e mi so­no tro­va­ta da­van­ti que­st’in­di­vi­duo che mi ha in­ti­ma­to di dar­gli del de­na­ro. Gli ho det­to che non ne ave­vo. Lui ha ri­pe­tu­to la sua ri­chie­ste al­tre vol­te e io ho sem­pre ri­fiu­ta­to».

Fi­no a quan­do il to­no del mal­vi­ven­te è cam­bia­to e si è fat­to più mi­nac­cio­so: «A quel pun­to ha estrat­to un col­tel­lo e me lo ha sven­to­la­to da­van­ti di­cen­do: dammi i sol­di o ti fa­rò del ma­le, non è la pri­ma vol­ta che lo fac­cio non mi fer­me­rò». A quel pun­to l’este­ti­sta ha ca­pi­to che era me­glio as­se­con­dar­lo e con­se­gna­re i con­tan­ti, po­co più di 600 eu­ro dell’in­cas­so del gior­no pre­ce­den­te. Su­bi­to do­po il ra­pi­na­to­re è scap­pa­to fuo­ri ed è fug­gi­to men­tre lei chie­de­va aiu­to ai ca­ra­bi­nie­ri. L’uo­mo, ha ri­fe­ri­to, par­la­va in ita­lia­no: «Ma si ca­pi­va che era stra­nie­ro e da quel po’ che era ri­ma­sto scoperto dal pas­sa­mon­ta­gna ho vi­sto che ave­va la pel­le scu­ra». E men­tre la ti­to­la­re chia­ma­va i ca­ra­bi­nie­ri in aiu­to, gli stes­si era­no im­pe­gna­ti in mu­ni­ci­pio nei ri­lie­vi di un ten­ta­to fur­to.

Nel­la not­te in­fat­ti, igno­ti han­no pro­va­to a for­za­re la porta del­la sa­la giun­ta: «Un epi­so­dio sgra­de­vo­le e in­spie­ga­bi­le, mi chie­do in­fat­ti co­sa pen­sas­se­ro di tro­va­re in sa­la giun­ta – com­men­ta An­ge­la Col­mel­le­re -. E poi nel­la stes­sa gior­na­ta an­che la ra­pi­na, fat­to mol­to più gra­ve che pre­oc­cu­pa mol­to. Come am­mi­ni­stra­zio­ne stia­mo cer­can­do di met­te­re in cam­po tut­te le ri­sor­se per la si­cu­rez­za, ma la ve­ri­tà è che al­lar­mi e si­ste­mi di vi­deo­sor­ve­glian­za costano e noi non ab­bia­mo i fon­di per fi­nan­ziar­li».

Il pri­mo cit­ta­di­no, che ha ma­ni­fe­sta­to la sua pre­oc­cu­pa­zio­ne an­che sul suo pro­fi­lo Fa­ce­book, au­spi­ca poi che la giu­sti­zia fac­cia il suo cor­so. «Al­me­no quan­do li pren­do­no si ab­bia cer­tez­za del­la pe­na – con­clu­de Col­mel­le­re, per­ché pur­trop­po sem­pre più spes­so si ha la sen­sa­zio­ne che chi ag­gre­di­sce in­ve­ce che es­se­re pu­ni­to, sia più tu­te­la­to del­le vit­ti­me stes­se».

Le in­da­gi­ni I ca­ra­bi­nie­ri a cac­cia di ele­men­ti per da­re un vol­to al ra­pi­na­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.