Ga­lan si porta via ter­mo­si­fo­ni sa­ni­ta­ri e ca­mi­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Al­ber­to Zor­zi

Gli uo­mi­ni del­la Fi­nan­za ci so­no rimasti ma­le. Da vil­la Ro­del­la l’ex go­ver­na­to­re Ga­lan si è por­ta­to via ca­mi­ni, sa­ni­ta­ri e an­che i ter­mo­si­fo­ni spo­glian­do­la del tut­to do­po la con­fi­sca. E’ an­da­to ol­tre? Rischia una de­nun­cia? Il suo le­ga­le mi­ni­miz­za: «Se c’è un equi­vo­co, si­ste­me­re­mo».

VE­NE­ZIA Non è più il pre­si­den­te, ruo­lo che ha te­nu­to fi­no a tre me­si fa, an­che da ar­re­sta­to. Ma Gian­car­lo Ga­lan ha pur sem­pre un pas­sa­to al­la gui­da del­la com­mis­sio­ne Cul­tu­ra, ol­tre che ov­via­men­te da mi­ni­stro del set­to­re, sep­pur per po­chi me­si. Per que­sto quan­do ie­ri i fi­nan­zie­ri che sta­va­no vi­si­tan­do Vil­la Ro­del­la con i fun­zio­na­ri dell’Agen­zia del De­ma­nio han­no aper­to la porta, il pri­mo sentimento è sta­ta la rab­bia. L’or­mai ex di­mo­ra del deputato di For­za Ita­lia ac­cu­sa­to di cor­ru­zio­ne nell’inchiesta Mo­se – per cui ha pat­teg­gia­to una pe­na di 2 an­ni e 10 me­si, con una con­fi­sca di 2,6 mi­lio­ni, da cui na­sce ap­pun­to l’ab­ban­do­no del­la vil­la cin­que­cen­te­sca di Cin­to Eu­ga­neo – era sta­ta spo­glia­ta di tut­to: non so­lo gli ar­re­di, come pre­ve­de la leg­ge, ma an­che ter­mo­si­fo­ni, sa­ni­ta­ri e ca­mi­ni. Tan­to che le fiam­me gial­le han­no av­vi­sa­to il pm Ste­fa­no An­ci­lot­to, a cui mer­co­le­dì po­me­rig­gio era­no sta­te con­se­gna­te le chia­vi do­po il tra­slo­co di lu­ne­dì da par­te di Ga­lan e dei suoi fa­mi­glia­ri, che si so­no spo­sta­ti in affitto in una ca­sa a Ro­vo­lon.

Su­bi­to il ma­gi­stra­to ha con­tat­ta­to l’av­vo­ca­to An­to­nio Fran­chi­ni per chie­de­re spie­ga­zio­ni, di fron­te a un ge­sto che sembrerebbe sta­to qua­si una sor­ta di «ri­pic­ca». «In­ter­pre­ta­zio­ni fan­ta­sio­se - ta­glia cor­to Fran­chi­ni al te­le­fo­no - For­se c’è sta­to un equi­vo­co sulla de­fi­ni­zio­ne di ar­re­di. Se è ne­ces­sa­rio, sa­rà tut­to ri­pri­sti­na­to». Non è det­to pe­rò che il pro­ble­ma fi­ni­sca qui. Vil­la Ro­del­la è in­fat­ti una di­mo­ra di fi­ne Cin­que­cen­to e come ta­le è ov­via­men­te vin­co­la­ta. Le fiam­me gial­le vo­glio­no quin­di ca­pi­re se gli in­ter­ven­ti ese­gui­ti da Ga­lan in que­sti ul­ti­mi gior­ni pos­sa­no es­se­re in­qua­dra­ti tra i la­vo­ri di ma­nu­ten­zio­ne or­di­na­ria, se non ad­di­rit­tu­ra straor­di­na­ria, nel qual ca­so sa­reb­be ne­ces­sa­rio esi­bi­re la ne­ces­sa­ria au­to­riz­za­zio­ne da par­te del­la So­prin­ten­den­za. Se que­sta non ci fos­se, po­treb­be par­ti­re im­me­dia­ta la de­nun­cia al­la pro­cu­ra del­la Re­pub­bli­ca di Ro­vi­go (nel­la cui cir­co­scri­zio­ne ricade il ter­ri­to­rio di Cin­to Eu­ga­neo). E se que­sto av­ve­nis­se in tem­pi ra­pi­di po­treb­be ad­di­rit­tu­ra ave­re del­le ri­ca­du­te sull’udien­za che si ter­rà a bre­ve, il 4 no­vem­bre pros­si­mo, di fron­te al tri­bu­na­le di sor­ve­glian­za di Pa­do­va, in cui Ga­lan chie­de­rà l’af­fi­da­men­to in pro­va ai ser­vi­zi so­cia­li.

Il le­ga­le Ma non scher­zia­mo, se c’è sta­to un equi­vo­co su­gli ar­re­di sia­mo pron­ti a ri­si­ste­ma­re tut­to

Vil­la Ro­del­la Ga­lan il gior­no del tra­slo­co dal­la sua sto­ri­ca di­mo­ra di Cin­to eu­ga­neo. Ora vi­ve a Ro­vo­lon

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.