LE­GA E IN­DU­STRIA­LI DOP­PIO BI­NA­RIO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Front Page - Di Ste­fa­no Al­lie­vi

Gli ap­plau­si de­gli in­du­stria­li ve­ne­ti a Ren­zi non so­no an­co­ra sta­ti di­ge­ri­ti. Il lea­der del­la Le­ga, Sal­vi­ni, ac­cu­sa gli in­du­stria­li di es­se­re fi­lo­go­ver­na­ti­vi con chiun­que: Berlusconi, Mon­ti, og­gi Ren­zi (e, in Ve­ne­to, Za­ia). Come di­re: van­no dove è il po­te­re, cor­ri­vi. Sen­za ca­pi­re che gli in­du­stria­li so­no fi­lo­go­ver­na­ti­vi per­ché han­no bi­so­gno come l’aria di riforme, e le chie­do­no a chi le può fa­re, cioè i go­ver­ni: e, so­prat­tut­to, so­sten­go­no chi le fa dav­ve­ro. Tan­to è ve­ro che la lo­ro pri­ma gran­de ri­bel­lio­ne è av­ve­nu­ta con Berlusconi: uno di lo­ro, che ca­pi­va quel mon­do per­ché ne con­di­vi­de­va i pro­ble­mi, so­ste­nu­to con en­tu­sia­smo per da­re una spal­la­ta all’in­te­ro si­ste­ma di po­te­re del­la pri­ma re­pub­bli­ca. E ab­ban­do­na­to so­lo all’ul­ti­mo, quan­do si è do­vu­to com­pren­de­re che le promesse fat­te non sa­reb­be­ro sta­te man­te­nu­te: che il lin­guag­gio ap­pa­ren­te­men­te li­be­ra­le na­scon­de­va un po­te­re in­ca­pa­ce di es­ser­lo dav­ve­ro, e as­sai più si­mi­le al mon­do che cri­ti­ca­va – la pri­ma re­pub­bli­ca, ap­pun­to – di quan­to il di­scor­so uf­fi­cia­le fa­ces­se pre­sa­gi­re. Con­vin­to an­che il so­ste­gno ini­zia­le a Mon­ti, il tec­ni­co: la cui pro­mes­sa era in­tri­sa di ra­gio­ne­vo­le buon­go­ver­no, e di buo­ne re­la­zio­ni eu­ro­pee. Già con Let­ta il di­scor­so è sta­to di­ver­so: pla­teal­men­te sfi­du­cia­to da Con­fin­du­stria (e, pe­ral­tro, an­che dal sin­da­ca­to e da al­tri) ben pri­ma del­la sfi­du­cia in­ter­na al Pd che ha por­ta­to Ren­zi al go­ver­no al suo po­sto – che è sta­ta più la con­se­guen­za che la causa. Per­ché, no­no­stan­te le buo­ne re­la­zio­ni con il mon­do dell’im­pre­sa, e le buo­ne in­ten­zio­ni – e an­che la sti­ma al­la per­so­na – era il pat­to che so­ste­ne­va Let­ta a ri­ve­lar­si de­bo­le, vec­chio cul­tu­ral­men­te, ina­dat­to ad af­fron­ta­re con la ne­ces­sa­ria ra­pi­di­tà le sfi­de sul cam­po. Per quel­lo, lo slan­cio di un rot­ta­ma­to­re si sa­reb­be ri­ve­la­to più ef­fi­ca­ce. E, fi­no­ra, è sta­to co­sì. Sal­vi­ni del re­sto ha po­co da stu­pir­si, se non en­tu­sia­sma in quel mon­do (o ne en­tu­sia­sma so­lo l’emi­sfe­ro de­stro, la par­te emo­ti­va, le­ga­ta agli istin­ti e al­la pan­cia; men­tre quel­lo si­ni­stro, ra­zio­na­le, lo ri­fiu­ta). Quel­la le­ghi­sta è, dal­le ori­gi­ni, una cul­tu­ra so­stan­zial­men­te an­ti­in­du­stria­le, tal­vol­ta pre-industriale. Il so­ste­gno di tan­ti pic­co­li in­du­stria­li lo si de­ve al­la pro­mes­sa di buon­go­ver­no, di far fun­zio­na­re le co­se al di là del­le ideo­lo­gie, di ra­di­ca­men­to lo­ca­le e quin­di di co­no­scen­za del ter­ri­to­rio (il fe­de­ra­li­smo og­gi mes­so da par­te), di prag­ma­ti­smo (la ri­cet­ta con cui Za­ia del re­sto ha stra­vin­to), non cer­to al­le po­li­ti­che di im­pre­sa e al­la cul­tu­ra li­be­ra­le. Tan­to è ve­ro che, tra le mol­te or­ga­niz­za­zio­ni le­ghi­ste, se ce n’è una che non ha mai de­col­la­to è pro­prio quel­la de­gli im­pren­di­to­ri pa­da­ni.

E le ra­gio­ni ci so­no: gli im­pren­di­to­ri vi­vo­no nel mer­ca­to e di mer­ca­to; la Le­ga, spes­so, dà l’im­pres­sio­ne di vi­ve­re al­tro­ve. Va be­ne fin­ché si trat­ta di pro­te­sta­re, giu­sta­men­te, con­tro le tas­se mal­spe­se a Ro­ma o nel Sud. Già non va più be­ne quan­do non si pa­ga­no le quo­te lat­te: una bat­ta­glia mi­no­ri­ta­ria, cor­po­ra­ti­va, di per sé an­ti­in­du­stria­le, che pe­ral­tro è già co­sta­ta e co­ste­rà an­co­ra mol­tis­si­mo a noi tut­ti. Va an­co­ra me­no be­ne quan­do si pro­met­te una flat tax che non po­treb­be fun­zio­na­re. E va de­ci­sa­men­te peg­gio quan­do si va­gheg­gia l’usci­ta da un eu­ro che per la gran­de mag­gio­ran­za de­gli im­pren­di­to­ri è in­ve­ce una po­liz­za di as­si­cu­ra­zio­ne con­tro i ma­li ita­lia­ni. Ma c’è an­che un pro­ble­ma più am­pio: di visione, di pro­spet­ti­va. Un’eco­no­mia li­be­ra­le ha bi­so­gno di una cul­tu­ra li­be­ra­le che la so­sten­ga, e di una coe­ren­za tra le due. Il pre­mier Ren­zi ha mo­stra­to – for­se per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria re­cen­te d’Ita­lia, non con le parole, ma con i fat­ti e le riforme – di pos­se­der­le en­tram­be; Sal­vi­ni e la sua Le­ga no. Non si può im­ma­gi­na­re di pro­muo­ve­re un’eco­no­mia li­be­ra­le par­ten­do da pre­sup­po­sti il­li­be­ra­li su tut­to: sui di­rit­ti, sulla fa­mi­glia, sull’im­mi­gra­zio­ne. Al­la lun­ga la con­trad­di­zio­ne stri­de. E si fa in­so­ste­ni­bi­le. Per­si­no in un Ve­ne­to che al­la Le­ga sa­reb­be an­co­ra di­spo­sto a da­re fi­du­cia: so­ste­nen­do Za­ia il prag­ma­ti­co, pe­rò, non Sal­vi­ni l’ideo­lo­go. An­che nel­le ur­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.