«Me­ti­co­lo­so, severo ed in­te­ger­ri­mo, un mo­del­lo per tut­ti i magistrati ita­lia­ni»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - An­ge­la Pe­de­ri­va © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

TRE­VI­SO Me­ti­co­lo­so, in­te­ger­ri­mo, me­to­di­co. Severo sì, ma an­che se­re­no, so­prat­tut­to nel­la vec­chia­ia tra­scor­sa «a fa­re il con­ta­di­no» nel­la sua te­nu­ta a Rua di Fe­let­to. È il pro­fi­lo di Gian­car­lo Stiz trat­teg­gia­to da quan­ti han­no co­no­sciu­to il ma­gi­stra­to e l’uo­mo, la cui car­rie­ra e la cui vi­ta so­no sta­te ine­vi­ta­bil­men­te se­gna­te dall’istrut­to­ria su piaz­za Fontana, che il giu­di­ce aprì sulla ba­se del­le di­chia­ra­zio­ni di Gui­do Lorenzon. È pro­prio l’ex in­se­gnan­te a rie­vo­ca­re il lo­ro in­con­tro. «Era il 1971 - ri­cor­da - quan­do ven­ni con­vo­ca­to per il pri­mo di una se­rie di in­ter­ro­ga­to­ri. Quan­do en­trai nel suo uf­fi­cio ero tran­quil­lo, per­ché ero si­cu­ro del­le di­chia­ra­zio­ni che ave­vo già re­so in di­ver­se se­di. Ma lui riu­scì a met­ter­mi in im­ba­raz­zo, vo­len­do ri­co­min­cia­re tut­to dac­ca­po. Mi sen­ti­vo dav­ve­ro sot­to esa­me. Col tem­po pe­rò lo ca­pii e ap­prez­zai mol­to il suo sti­le. Tan­to che, al mo­men­to di chiu­de­re il ver­ba­le con­clu­si­vo, Stiz mi dis­se una fra­se che mi por­te­rò sem­pre nel cuo­re: “Lorenzon, io le cre­do”. Poi mi in­gag­giò per as­si­ste­re un ma­re­scial­lo nel­la tra­scri­zio­ne del­le re­gi­stra­zio­ni de­gli in­qui­si­ti: gli ser­vi­va qual­cu­no che ca­pis­se il dia­let­to ve­ne­to, vi­sto che in pre­ce­den­za i na­stri era­no sta­ti sbo­bi­na­ti da un agen­te pu­glie­se...». Il lo­ro ul­ti­mo col­lo­quio ri­sa­le al­le 16.37 del 12 di­cem­bre 2013, an­ni­ver­sa­rio del­la stra­ge, a Pa­laz­zo dei Tre­cen­to a Tre­vi­so, in oc­ca­sio­ne di un di­bat­ti­to col pro­cu­ra­to­re Pie­tro Ca­lo­ge­ro e con lo sto­ri­co Car­lo Fu­mian, che ie­ri se­ra si so­no sen­ti­ti al te­le­fo­no per com­me­mo­ra­re la fi­gu­ra di Stiz. «Que­sto ma­gi­stra­to - af­fer­ma il do­cen­te uni­ver­si­ta­rio - ci la­scia una le­zio­ne di me­ri­to e di me­to­do dav­ve­ro il­lu­mi­nan­te. In­sie­me all’al­lo­ra pm Ca­lo­ge­ro, il giu­di­ce Stiz non si fer­mò di fron­te a nul­la quan­do in­tuì che la ve­ri­tà po­tes­se sta­re da un’al­tra par­te, ri­spet­to a quel­lo che era sta­to det­to fi­no ad al­lo­ra, di­mo­stran­do una libertà di pen­sie­ro e un co­rag­gio nell’azio­ne as­so­lu­ta­men­te im­pa­reg­gia­bi­li». Stiz la­scia la mo­glie Car­la e due fi­gli, il no­ta­io Ada ed il com­mer­cia­li­sta Mi­che­le. «Il suo sen­so del­la ve­ri­tà e del­la giu­sti­zia, no­no­stan­te le mi­nac­ce ri­ce­vu­te, è sta­to un mo­del­lo per tut­ti noi col­le­ghi di tut­ta Ita­lia», con­fi­da il ge­ne­ro Francesco Pe­do­ja, pre­si­den­te del tri­bu­na­le di Por­de­no­ne. Non an­co­ra fis­sa­ti, i fu­ne­ra­li po­treb­be­ro es­se­re ce­le­bra­ti mar­te­dì o mer­co­le­dì a Tre­vi­so.

 Lorenzon Mi sen­ti­vo sot­to esa­me Poi la fra­se che por­to nel cuo­re: «Le cre­do» Fu­mian Di­mo­strò libertà di pen­sie­ro e co­rag­gio di azio­ne sen­za egua­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.