Sin­da­ci, non ba­sta il ca­ri­sma per go­ver­na­re una cit­tà com­ples­sa

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Um­ber­to Cu­ri © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Si di­reb­be che è il tem­po dei sin­da­ci. Del sin­da­co di Ve­ro­na, Fla­vio To­si, il qua­le ha spiaz­za­to un po’ tut­ti, ma­ni­fe­stan­do l’in­cli­na­zio­ne a con­ver­ge­re in una fu­tu­ra al­lean­za con Ren­zi, in vi­sta del­le pros­si­me ele­zio­ni po­li­ti­che. Del sin­da­co di Ve­ne­zia, as­sur­to agli ono­ri del­la cro­na­ca, per aver di­mo­stra­to di non co­glie­re al­cu­na dif­fe­ren­za fra un qua­dro di Klimt e una squa­dra di ba­sket, in ba­se al cri­te­rio di quan­to en­tram­bi pos­so­no va­le­re in un’ope­ra­zio­ne di com­pra­ven­di­ta. Del sin­da­co di Pa­do­va, in­fa­ti­ca­bi­le nell’in­ven­ta­re ogni gior­no qual­che pre­te­sto in più per con­fer­ma­re la sua idea di cit­tà ino­spi­ta­le e non ac­co­glien­te. Per non par­la­re di Ma­ri­no. Anzi, per par­la­re pro­prio di Ma­ri­no. Nel fra­stuo­no su­sci­ta­to dal­le di­mis­sio­ni dell’inquilino del Cam­pi­do­glio, è sta­to to­tal­men­te igno­ra­to l’uni­co pia­no di ana­li­si che può con­sen­ti­re di ca­pi­re che co­sa sia ve­ra­men­te ac­ca­du­to, e qua­li in­se­gna­men­ti se ne pos­so­no trar­re an­che per quan­to ri­guar­da i pri­mi cit­ta­di­ni del Ve­ne­to. Per dir­la in estre­ma sin­te­si, si do­vreb­be for­mu­la­re quel­lo che può sem­bra­re un pa­ra­dos­so: Igna­zio Ma­ri­no ha fat­to con­cre­ta­men­te un non tra­scu­ra­bi­le nu­me­ro di buo­ne co­se (an­che se me­no di quel­le da lui ri­ven­di­ca­te) ed è sta­to un cat­ti­vo sin­da­co. Can­cel­la­re una del­le due com­po­nen­ti di que­sta af­fer­ma­zio­ne, so­lo al­lo sco­po di evi­ta­re quel­la che sem­bra una con­trad­di­zio­ne lo­gi­ca, è una scor­cia­to­ia che non porta in real­tà da nes­su­na par­te. Men­tre se si vuo­le ca­pi­re fi­no in fon­do la vi­cen­da ro­ma­na, bi­so­gna ave­re il co­rag­gio di sfi­da­re ciò che sembrerebbe im­po­sto dal buon sen­so, co­niu­gan­do – an­zi­ché con­trap­po­nen­do – la mol­te­pli­ci­tà del­le azio­ni po­si­ti­ve con la com­ples­si­va ina­de­gua­tez­za del la­vo­ro fat­to. Quan­to è ac­ca­du­to a Ro­ma con­fer­ma in­fat­ti una ve­ri­tà di gran­de ri­lie­vo, tut­to­ra igno­ra­ta o frain­te­sa, qua­le è la pra­ti­ca im­pos­si­bi­li­tà di «go­ver­na­re» una real­tà com­ples­sa e stra­ti­fi­ca­ta, qua­le è quel­la di una me­dio-gran­de (e più an­co­ra di una me­tro­po­li), ser­ven­do­si de­gli stru­men­ti tra­di­zio­na­li del­la po­li­ti­ca. Se ci si li­mi­ta sol­tan­to a que­sti, si po­tran­no met­te­re in fi­la, nel­la mi­glio­re del­le ipo­te­si, una se­rie di prov­ve­di­men­ti po­si­ti­vi, sen­za tut­ta­via es­se­re mi­ni­ma­men­te in gra­do di mo­di­fi­ca­re l’an­da­men­to rea­le di pro­ces­si la cui mor­fo­lo­gia, e le cui di­na­mi­che, re­sta­no so­stan­zial­men­te in­tan­gi­bi­li, o so­no co­mun­que sot­trat­ti al­le li­mi­ta­te ca­pa­ci­tà di in­ter­ven­to di una fi­gu­ra, qua­le è il sin­da­co. Il ca­so di Ro­ma è, da que­sto pun­to di vi­sta, em­ble­ma­ti­co, ma non uni­co. Nel­la ca­pi­ta­le, come e più che al­tro­ve, la cre­sci­ta del­la com­ples­si­tà so­cia­le, la pro­li­fe­ra­zio­ne di ag­glo­me­ra­ti di in­te­res­si, non sem­pre né tut­ti le­ci­ti, la plu­ra­li­tà di sog­get­ti in gra­do di ge­sti­re quo­te di po­te­re ef­fet­ti­vo, ren­do­no pu­ra­men­te il­lu­so­ria ogni pre­te­sa di “go­ver­no” cen­tra­liz­za­to e vi­si­bi­le, in fa­vo­re di un as­set­to in cui le de­ci­sio­ni sfug­go­no al­le ma­glie stret­te del­la po­li­ti­ca e sca­tu­ri­sco­no dal so­prav­ven­to di sog­get­ti­vi­tà in­for­ma­li, che re­sta­no in lar­ga mi­su­ra oc­cul­te, o che co­mun­que non «ri­spon­do­no» a chic­ches­sia del po­te­re ef­fet­ti­va­men­te eser­ci­ta­to. Di qui il dif­fon­der­si e il per­pe­tuar­si di una si­tua­zio­ne nel­la qua­le l’il­le­ga­li­tà non è il frut­to del­la de­vian­za set­to­ria­le e cir­co­scrit­ta di al­cu­ne in­di­vi­dua­li­tà iso­la­te, ma coin­ci­de piut­to­sto col mo­do di es­se­re e di fun­zio­na­re del si­ste­ma in quan­to ta­le. La pa­ra­bo­la di Ma­ri­no, sa­li­to al Cam­pi­do­glio con l’in­ten­to pro­gram­ma­ti­co di mo­ra­liz­za­re la vi­ta po­li­ti­ca ro­ma­na, e poi tra­vol­to da un’on­da­ta mo­ra­liz­za­tri­ce, è pa­ra­dig­ma­ti­ca del­lo scac­co a cui è in­trin­se­ca­men­te espo­sta una po­li­ti­ca che in­ten­da mi­su­rar­si con una real­tà eco­no­mi­co-so­cia­le che sfug­ge ad ogni pos­si­bi­li­tà di con­trol­lo o di con­di­zio­na­men­to eso­ge­no. Di qui un’im­pli­ca­zio­ne de­ci­si­va: per es­se­re all’al­tez­za dei pro­ble­mi rea­li di una cit­tà mo­der­na, una pro­po­sta po­li­ti­ca non può esau­rir­si nel­la fi­gu­ra di un can­di­da­to più o me­no prov­vi­sto di ca­ri­sma, ma do­vreb­be in­clu­de­re prin­ci­pal­men­te un pro­get­to det­ta­glia­to, capace di re­sti­tui­re al­la po­li­ti­ca una con­cre­ta pos­si­bi­li­tà di in­ci­den­za rea­le. Al­tri­men­ti, sa­rà ine­vi­ta­bi­le che, chiun­que sia, an­che il pros­si­mo sin­da­co di Mi­la­no e Ro­ma o del­le cit­tà ve­ne­te, pre­sto o tar­di fi­ni­sca per con­di­vi­de­re la sor­te del po­ve­ro Ma­ri­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.