Rim­pian­to az­zur­ro: «Quell’ul­ti­ma par­ti­ta la vo­le­vo gio­ca­re»

Mau­ro, mi­to Be­net­ton, ri­per­cor­re la car­rie­ra in Na­zio­na­le

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - An­drea Pi­sto­re © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Un pic­co­lo boc­co­ne ama­ro in una sto­ria sfa­vil­lan­te, meritava que­sto epilogo?

Nes­su­na po­le­mi­ca e non vo­glio far­la. Non va svi­li­ta l’ul­ti­ma par­ti­ta, era una co­sa a cui te­ne­vo. Il di­spia­ce­re più che al­tro è per il fat­to­re tec­ni­co e per quel­lo che ave­vo di­mo­stra­to in que­sto mondiale. Ogni co­sa ha il suo tem­po, i pol­ve­ro­ni non ser­vo­no a nien­te.

Il tri­bu­to è ve­nu­to co­mun­que e da tut­to il mon­do del rugby...

Al di la del­la mo­ti­va­zio­ne, ho ap­prez­za­to l’af­fet­to e il so­ste­gno di tut­ti. So­no con­ten­to di quel­lo che i ti­fo­si e i com­pa­gni han­no di­mo­stra­to an­che so­lo con po­che parole. È im­por­tan­te che la sto­ria ven­ga ri­cor­da­ta.

Ades­so come sta?

Un an­no fa ave­vo scel­to di smet­te­re con la va­ria­bi­le del mondiale. Ora mi do un me­se per as­se­star­mi e ri­pren­de­re gli equi­li­bri.

Mau­ro co­sa fa­rà da gran­de?

Ge­sti­sco la M2M, una so­cie­tà di ser­vi­zi al­le azien­de e ai pri­va­ti che la­vo­ra nel­la co­mu­ni­ca­zio­ne con la pro­du­zio­ne au­dio­vi­si­vi.

Nel mon­do del rugby ci re­ste­rà?

Lo col­ti­vo un po’ al­la vol­ta. Ci so­no di­ver­se fi­gu­re che po­trei ri­co­pri­re. Que­sto sport è pas­sio­ne e gio­co. Ho un cam­pus che por­to avan­ti, sia dal pun­to di vi­sta tec­ni­co, sia ge­stio­na­le. Ve­dre­mo.

Un amo­re con la pal­la ova­le sboc­cia­to da bam­bi­no…

Quan­do ave­vo 5 an­ni era uno sfo­go do­po la scuo­la. Nel­la mia zo­na a Ten­ca­ro­la (pri­ma pe­ri­fe­ria pa­do­va­na, ndr) so­no na­ti tan­ti cam­pio­ni. Mio fra­tel­lo, Ales­san­dro Chil­lon, An­drea Mar­ca­to. La co­sa in­cre­di­bi­le è che per me è ri­ma­sta una pas­sio­ne an­che a 36 an­ni.

A pro­po­si­to di suo fra­tel­lo, sie­te ser­vi­ti più voi al rugby o più que­sto sport a crea­re il vo­stro mi­to?

Le co­se so­no sta­te re­ci­pro­che, gra­zie al­la pal­la ova­le una pas­sio­ne è di­ven­ta­to un me­stie­re. Sia­mo sta­ti uti­li a por­ta­re avan­ti l’im­ma­gi­ne del rugby.

Il ri­cor­do più bel­lo

di

voi

due in­sie­me?

Quan­do ab­bia­mo vin­to in ca­sa col Gal­les, nel 2007 e gio­ca­vo al cen­tro in­sie­me a lui.

Cos’è suc­ces­so al­la Na­zio­na­le ne­gli ul­ti­mi an­ni? E la pal­la ova­le ve­ne­ta come sta?

In Az­zur­ro ci so­no sta­ti di­ver­si pro­ble­mi che han­no ral­len­ta­to il pro­ces­so di cre­sci­ta. In Ve­ne­to si sta fa­cen­do un gra n la­vo­ro per ri­por­ta­re in al­to i club.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.