La «ri­vo­lu­zio­ne» stan­ca e di­strat­ta dei se­ces­sio­ni­sti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Emi­lio Ran­don

Il dio fu­ren­te del­la ri­vo­lu­zio­ne in­di­pen­den­ti­sta è mor­to e nean­che i suoi so­ste­ni­to­ri stan­no tan­to be­ne, com­me­mo­ra­zio­ni al po­sto di se­ces­sio­ni, fio­ri al­la me­mo­ria lad­do­ve pri­ma si al­za­va­no le spa­de e su tut­to una pa­ti­na di stan­ca re­to­ri­ca.

CIT­TA­DEL­LA Il dio fu­ren­te del­la ri­vo­lu­zio­ne in­di­pen­den­ti­sta è mor­to e nean­che i suoi so­ste­ni­to­ri non stan­no tan­to be­ne, com­me­mo­ra­zio­ni al po­sto di se­ces­sio­ni, fio­ri al­la me­mo­ria lad­do­ve pri­ma si al­za­va­no le spa­de e su tut­to una pa­ti­na di stan­ca re­to­ri­ca. Il ple­bi­sci­to del 1866 con cui i ve­ne­ti de­ci­se­ro di con­ce­der­si ai Sa­vo­ia – il gra­de im­bro­glio se­con­do Et­to­re Beg­gia­to, sto­ri­co sen­za ac­ca­de­mia - pro­cu­ra an­co­ra qual­che in­vi­to all’au­to­re, ria­ni­ma l’af­fla­to au­to­no­mi­sta del pre­si­den­te del con­si­glio re­gio­na­le Ro­ber­to Ciam­bet­ti e in­du­ce il sin­da­co di Cit­ta­del­la, Lu­ca Pie­ro­bon, a li­sta­re a lut­to la ban­die­ra di San Mar­co sul mu­ni­ci­pio. Ma fuo­ri, nel sa­ba­to di so­le del­la cit­tà più tra­di­zio­na­li­sta, i cit­ta­di­ni man­co se ne so­no ac­cor­ti. Non se ne è ac­cor­to Za­ia che pu­re era a die­ci mi­nu­ti da lì, a fe­steg­gia­re i 50 an­ni del ca­sei­fi­cio San Roc­co di Tez­ze sul Bren­ta.

Chia­mia­mo­li i 150 an­ni del pa­ra­dos­so. I ve­ne­ti­sti, con i na­zio­na­li­sti ser­bi, so­no il se­con­do po­po­lo al mon­do a ce­le­bra­re una scon­fit­ta co­me fos­se una vit­to­ria. Qui ci fu l’umi­lia­zio­ne del ple­bi­sci­to, là la ba­to­sta tur­ca di Ko­so­vo Po­l­je, là cad­de il prin­ci­pe La­ze­re­vic e fu una tra­ge­dia, qui im­pri­gio­na­ro­no Be­pi Se­ga­to e fu una pa­ro­dia: con le do­vu­te pro­por­zio­ni il cul­to del­la scon­fit­ta ha pro­dot­to no­stal­gia ma nes­su­na po­li­ti­ca. Lu­ca Pie­ro­bon, pro­mo­to­re del­lo scan­da­lo­so pen­no­ne, è gio­va­ne, le­ghi­sta e vo­lon­te­ro­so, ma an­che a lui si ad­di­ce il di­sin­can­to più del lut­to: «Ov­vio che le se­ces­sio­ne è un so­gno, è già mol­to se riu­scis­si­mo a con­qui­sta­re l’au­to­no­mia del Tren­ti­no Al­to Adi­ge, un ge­sto co­me il mio è sim­bo­li­co, non of­fen­de nes­su­no, sve­la ca­so mai la su­scet­ti­bi­li­tà dell’esta­blish­ment, mo­stra il ner­vo sco­per­to di un Pae­se uni­to nel­le pa­ro­le ma non nei fat­ti».

Di ner­vo­so Cit­ta­del­la pro­du­ce le rea­zio­ni del­la gen­te quan­do vai a rom­per­gli le bal­le sul ple­bi­sci­to: il ta­bac­ca­ro di fron­te al pen­no­ne non ne sa nien­te, al bar nean­che gli av­ven­to­ri più at­tem­pa­ti e si pre­su­me più amar­cord, so­no di­spo­sti a cam­bia­re di­scor­so, in­te­res­sa­no ban­ca­li, cam­pi e vi­su­re, mol­to il ti­po che pas­sa, che si è be­vu­to il con­to ban­ca­rio di qual­cu­no e sta an­co­ra a pie­de li­be­ro, nes­sun in­te­res­se per i suc­ces­si di Vit­to­rio Ema­nue­le II. Il com­men­to me­glio ar­go­men­ta­to e po­li­ti­ca­men­te più il­lu­mi­nan­te lo dà un na­po­le­ta­no di 35 an­ni a spas­so con la sua bam­bi­na: «Mia fi­glia è na­ta qua, fre­quen­ta un asi­lo do­ve su ven­ti alun­ni so­lo tre so­no ita­lia­ni. Mi con­si­glia­no di scap­pa­re a Bor­go­ric­co, zo­na an­co­ra li­be­ra, non si sa per quan­to. Mac­ché, qui con­tro i ter­ro­ni non c’è più nien­te, il po­sto dei ter­ro­ni l’han­no pre­so gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri». Ec­co spie­ga­te tut­te le mi­ni­se­ces­sio­ni di ca­sa no­stra e per­ché Sal­vi­ni non è più se­ces­sio­ni­sta.

Tro­via­mo Za­ia in ca­mi­ce bian­co men­tre sop­pe­sa for­me di gra­na den­tro il sanc­ta sanc­to­rum del ca­sei­fi­cio San Roc­co, una spe­cie di Fort Knox del ca­glio, nel bel mez­zo di un di­scor­so che ha a che fa­re con i con­fi­ni ma so­lo per ne­gar­li: «La Se­re­nis­si­ma non ne ave­va, una re­pub­bli­ca fat­ta da mer­can­ti non po­te­va ave­re con­fi­ni per sua na­tu­ra, era qua e dap­per­tut­to nel Me­di­ter­ra­neo do­ve la lin­gua del­la di­plo­ma­zia era il ve­ne­to». In­som­ma, di che an­nes­sio­ne stia­mo par­lan­do? Sia­mo noi che ab­bia­mo as­sor­bi­to i sa­bau­di, non lo­ro noi, si trat­ta so­lo di sa­per­lo. Due scuo­le, due pen­sie­ri. Ciam­bet­ti in mez­zo tie­ne il pun­to: «Non mi di­ca che ab­bia­mo fal­li­to, non mi di­ca che dob­bia­mo ri­nun­cia­re al so­gno. Se tren­ta an­ni fa in Ve­ne­to esi­ste­va que­sta sen­si­bi­li­tà, que­sta sen­si­bi­li­tà esi­ste an­co­ra. Sia­mo quat­tro no­stal­gi­ci? Be­ne, ri­mar­re­mo ta­li».

A suo so­ste­gno Fio­ren­zo Ri­go­ni, pre­si­den­te del con­sor­zio for­mag­gi dell’Al­to­pia­no: «Nel 1866 i set­te Co­mu­ni di Asia­go man­da­ro­no una de­le­ga­zio­ne a Vien­na per chie­de­re con­to all’Au­stria e pro­te­sta­re con­tro l’an­nes­sio­ne». Di quel tem­po re­sta una di­ver­ten­tis­si­ma can­zon­ci­na in cim­bro, la più sporca che c’è e che il for­mag­gia­ro ci can­ta, di cui non pos­sia­mo tra­dur­re il te­sto ma il cui ri­tor­nel­lo fa co­sì: «Dar Hat’Ze Ge­bu­ch». Chi è in gra­do di ca­pir­la può dir­si se­ces­sio­ni­sta a buon di­rit­to.

In­con­tram­mo Be­pi Se­ga­to un pa­io d’an­ni do­po l’as­sal­to al cam­pa­ni­le di San Mar­co nel­la sua ca­sa di Bor­go­ric­co. Era tut­to fi­ni­to, i suoi era­no in ga­le­ra. L’am­ba­scia­to­re che do­ve­va trat­ta­re la re­sa del­lo Sta­to ita­lia­no al­le ri­chie­ste dei Se­re­nis­si­mi era ma­la­to e da lì a po­co sa­reb­be mor­to, ma non sem­bra­va sco­rag­gia­to, an­zi: cre­de­va di ave­re il ven­to del­la Sto­ria dal­la sua par­te, non ave­va al­cun dub­bio che sa­reb­be so­prav­vis­su­to nei li­bri e che il so­gno di un Ve­ne­to in­di­pen­den­te sa­reb­be sta­to la real­tà dei suoi ni­po­ti. Sor­ri­de­va ma­li­zio­so, al­lu­de­va a qual­co­sa di ter­ri­bi­le che sa­reb­be pre­sto suc­ces­so, qual­co­sa di ir­re­pa­ra­bi­le e i suoi oc­chi lam­peg­gia­va­no co­me quel­li di un pro­fe­ta.

Non era il so­lo a cre­der­lo, nel 1977 i ser­vi­zi di in­for­ma­zio­ne ita­lia­ni era­no os­ses­sio­na­ti dal­lo spet­tro ri­cor­ren­te nel­la sto­ria del no­stro pae­se do­po l’Uni­tà d’Ita­lia co­me ha ben scrit­to ie­ri Mar­co Bo­net sul no­stro gior­na­le, quel­lo di un pro­ble­ma ir­lan­de­se pian­ta­to nel­la co­sto­la bas­sa dell’Eu­ro­pa.

Lo spet­tro non c’è più, se ne fan­no le com­me­mo­ra­zio­ni.

Ban­die­re a lut­to in mu­ni­ci­pio a Cit­ta­del­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.