Ber­la­to, la mo­glie e il ge­ne­ro as­sun­ti all’Eu­ro­par­la­men­to «Tut­to in re­go­la, era­no miei as­si­sten­ti»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di Mar­co Bo­net

VENEZIA Do­po il ca­so di Fra­nçois Fil­lon e sua mo­glie Pe­ne­lo­pe, che ha ter­re­mo­ta­to le ele­zio­ni fran­ce­si, il Se­gre­ta­ria­to ge­ne­ra­le del Par­la­men­to Eu­ro­peo e l’Olaf, l’uf­fi­cio an­ti fro­de eu­ro­peo, stan­no pas­san­do al se­tac­cio as­si­sten­ti e col­la­bo­ra­to­ri de­gli eu­ro­par­la­men­ta­ri so­spet­ta­ti di aver as­sun­to in que­sti an­ni, a spe­se del con­tri­buen­te, pa­ren­ti e amici nel lo­ro staff. Nel mi­ri­no ci so­no - pa­ra­dos­sal­men­te - mol­ti espo­nen­ti del fron­te eu­ro­scet­ti­co, da Ma­ri­ne Le Pen a Ni­gel Fa­ra­ge pas­san­do per i ge­mel­li Kac­zyn­ski, men­tre in Ve­ne­to fi­ni­sce sot­to la len­te Ser­gio Ber­la­to, da sem­pre vo­ta­tis­si­mo pa­la­di­no dei cacciatori, og­gi con­si­glie­re re­gio­na­le dei Fra­tel­li d’Italia do­po che già è sta­to as­ses­so­re nel­la giun­ta Ga­lan, ma per tre le­gi­sla­tu­re, dal 1999 al 2014, de­pu­ta­to a Stra­sbur­go sot­to il ves­sil­lo di Al­lean­za Na­zio­na­le, del Po­po­lo del­le Li­ber­tà e di For­za Italia. Da­gli ar­chi­vi di Bru­xel­les, in­fat­ti, emer­ge che Ber­la­to fe­ce as­su­men­te dal Par­la­men­to Ue, per poi as­se­gnar­li al suo staff co­me «lo­cal as­si­stent» (dun­que sen­za ob­bli­go di la­vo­ra­re a Bru­xel­les o a Stra­sbur­go), sia la mo­glie Ni­co­let­ta Bri­ga­to che il ge­ne­ro Vin­cen­zo For­te, ma­ri­to del­la fi­glia Sa­ra, ol­tre all’eter­no brac­cio de­stro Ma­ria Cri­sti­na Ca­ret­ta, presidente di Con­fa­vi. «Tut­to ve­ro - am­met­te Ber­la­to - e tut­to per­fet­ta­men­te in re­go­la. E non sa­reb­be po­tu­to es­se­re al­tri­men­ti, vi­sto che i con­trat­ti re­la­ti­vi all’as­sun­zio­ne de­gli as­si­sten­ti ven­go­no pre­pa­ra­ti e con­clu­si dall’eu­ro­par­la­men­to, pre­via ve­ri­fi­ca del­le in­com­pa­ti­bi­li­tà e sem­pre all’isti­tu­zio­ne spet­ta la ge­stio­ne del­le bu­ste pa­ga. Nel mio ca­so nes­su­no ha mai sol­le­va­to al­cu­na obie­zio­ne ne­gli an­ni pas­sa­ti e non so­no coin­vol­to in al­cu­na indagine nep­pu­re og­gi per­ché l’eu­ro­par­la­men­to per­se­gue chi ha as­sun­to col­la­bo­ra­to­ri fit­ti­zi, che mai han­no dav­ve­ro la­vo­ra­to per gli eu­ro­de­pu­ta­ti. Il che non è il mio ca­so». Ber­la­to spie­ga che la mo­glie «dal lon­ta­no 1989 è la mia prin­ci­pa­le col­la­bo­ra­tri­ce, seguendo tut­ta la par­te so­cial e web del­la mia at­ti­vi­tà, ol­tre ov­via­men­te al­le cam­pa­gne elet­to­ra­li» men­tre For­te «la­vo­ra­va con me da ben pri­ma di spo­sa­re mia fi­glia, co­sa che è ac­ca­du­ta so­lo tre an­ni do­po la sua as­sun­zio­ne. Le di­rò di più: è pro­prio la­vo­ran­do per me che Vin­cen­zo che ha co­no­sciu­to Sa­ra». Nel da­ta­ba­se Par­lT­rack, il ma­xi ar­chi­vio che con­ser­va tut­ti i da­ti dell’at­ti­vi­tà de­gli eu­ro­par­la­men­ta­ri pre­sen­ti e pas­sa­ti, Bri­ga­to e For­te ri­sul­ta­no as­sun­ti dal 2009 al 2014, una cir­co­stan­za smen­ti­ta dal con­si­glie­re re­gio­na­le se­con­do cui la mo­glie fu pa­ga­ta dall’eu­ro­par­la­men­to dal 1999 al 2006 men­tre il (fu­tu­ro) ge­ne­ro dal 2009 al 2014. Quan­to? «La pa­ga era quel­la stan­dard ugua­le per tut­ti gli as­si­sten­ti, 2.700 eu­ro lor­di al me­se per do­di­ci men­si­li­tà». Re­sta da chia­ri­re quan­to al con­trat­to di For­te, e non è pro­prio un det­ta­glio di po­co con­to, il fat­to che pro­prio dal 2009 in avan­ti l’eu­ro­par­la­men­to ha vie­ta­to l’as­sun­zio­ne dei pa­ren­ti (di­vie­to che vi­ge da tem­po, giu­sto a ti­to­lo di cu­rio­si­tà, an­che in con­si­glio re­gio­na­le). «Guar­di, le ri­pe­to: pro­prio il fat­to che sia tut­to pub­bli­co, trac­cia­to, di­mo­stra la mia as­so­lu­ta buo­na fede e la re­go­la­ri­tà di quan­to fat­to. Chi non è in buo­na fede, qui a Venezia co­me a Stra­sbur­go co­me a Ro­ma, sa che fa? Si ac­cor­da con un col­le­ga: tu as­su­mi mia mo­glie e io as­su­mo tua fi­glia, co­sì gli in­cro­ci so­no me­no evi­den­ti. Co­sì fun­zio­na, se uno vuol fa­re il fur­bo». Ber­la­to è con­vin­to che que­ste in­for­ma­zio­ni stia­no tra­pe­lan­do nel ten­ta­ti­vo di de­le­git­ti­mar­lo e in chiu­sa ri­cor­da si­bil­li­no: «Sa chi fe­ci as­su­me­re dall’eu­ro­par­la­men­to in­sie­me a mia mo­glie nel 1999? L’at­tua­le as­ses­so­re al La­vo­ro e all’Istru­zio­ne Ele­na Do­naz­zan...».

Il politico dei cacciatori

Ser­gio Ber­la­to, classe 1959, vi­cen­ti­no, già eu­ro­de­pu­ta­to, og­gi in Con­si­glio re­gio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.