«Io non met­te­vo tas­se ma non fa­rò più po­li­ti­ca Me ne an­drei a pe­sca­re in Flo­ri­da tra i cai­ma­ni»

FUO­RI MI­CRO­FO­NO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Al­ber­to Zor­zi © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA Ec­co­ci qui pre­si­den­te.

«Non par­lo, ci so­no i miei av­vo­ca­ti», ta­glia cor­to lui, che ar­ri­va al­la Cit­ta­del­la del­la giu­sti­zia di Ve­ne­zia con i suoi av­vo­ca­ti An­to­nio Fran­chi­ni e Nic­co­lò Ghe­di­ni. Ma le do­man­de dei gior­na­li­sti ar­ri­va­no a raf­fi­ca e Gian­car­lo Ga­lan, è evi­den­te, si mor­de la lin­gua.

Che co­sa di­ce del­la con­dan­na del­la Cor­te dei Con­ti?

«Nien­te»

Non sem­bra di­ma­gri­to.

(Ga­lan squa­dra il cro­ni­sta che gli ha fat­to l’osservazione)

«Tu men­ti e sai di men­ti­re»

Di­co­no che la­sce­rà l’Ita­lia...

«Di­co­no tan­te co­se» (La sce­na si spo­sta all’in­ter­no dell’au­la di udien­za)

«An­co­ra? Non par­lo»

Ma lei ha sem­pre det­to che vo­le­va par­la­re, spie­ga­re.

«Quan­do sa­rà pos­si­bi­le par­le­rò, di­co­no che la giu­sti­zia trion­fa sem­pre»

Ora non è il mo­men­to?

«Me­glio che non lo fac­cia» (Lo sguar­do va ver­so la gior­na­li­sta Rai, che lo in­cal­za)

«Nean­che se stai lì con quel mi­cro­fo­no per 14 gior­ni»

(Un fo­to­gra­fo gli fa no­ta­re che al­le sue spal­le c’è la scrit­ta “usci­ta te­sti­mo­ni”) «Quin­di de­vo usci­re?» (La gior­na­li­sta Rai in­cal­za) «Sei di coc­cio, io con­ti­nuo a non ri­spon­de­re»

Cam­bia­mo di­scor­so, par­lia­mo del­la Pe­de­mon­ta­na.

«Che cos’è?». (Sguar­do sor­nio­ne)

Ma lei l’avreb­be mes­sa la tas­sa per com­ple­tar­la?

(Gli oc­chi bril­la­no, l’or­go­glio sa­le. Il to­no si fa so­len­ne)

«Io non ho mai mes­so una tas­sa nel­la mia vi­ta e l’uni­ca che ho mes­so poi l’ho tol­ta. Era quel­la per ri­pia­na­re i de­bi­ti sul­la sa­ni­tà, l’ho tol­ta do­po un an­no e mez­zo».

Ha rim­pian­ti per le co­se fat­te da pre­si­den­te?

«Tan­tis­si­mi. Ma so­prat­tut­to per le co­se non fat­te».

Per esem­pio?

«Ades­so ba­sta»

Gli ami­ci In tan­ti han­no per­so il mio in­di­riz­zo ma de­vo di­re co­mun­que che mi so­no sta­te vi­ci­ne più per­so­ne del pre­vi­sto Le ri­cor­de­rò

Ma stia­mo par­lan­do di po­li­ti­ca, non di pro­ces­si.

«Ades­so ba­sta, io di po­li­ti­ca non me ne oc­cu­po più».

(Suo­na la cam­pa­nel­la, esco­no i giu­di­ci. Ga­lan sa­le sul­lo scran­no, par­te la di­scus­sio­ne sul­la sua po­si­zio­ne giu­ri­di­ca e i giu­di­ci si ri­ti­ra­no. I cro­ni­sti lo riav­vi­ci­na­no)

L’han­no in­da­ga­ta di nuo­vo.

«Io non ne so nien­te».

Tor­nia­mo al­la po­li­ti­ca.

«Non me ne oc­cu­po più. Non la fa­rò più. Mi oc­cu­po di co­se più fri­vo­le, per esem­pio dell’edu­ca­zio­ne di mia fi­glia».

Non di­ca co­sì...

«Ie­ri ho fat­to le di­vi­sio­ne a due ci­fre. Si ri­cor­da le re­go­le?»

Co­sì su due pie­di non tan­to. Ma la Pe­de­mon­ta­na...

«Che cos’è?»

Chi le è sta­to vi­ci­no in que­sto pe­rio­do?

«Mah, han­no per­so qua­si tut­ti il mio in­di­riz­zo, ma al­me­no di­stin­gui i ve­ri uo­mi­ni. Co­mun­que mi so­no sta­te vi­ci­ne più per­so­ne del pre­vi­sto»

Con Chis­so vi sie­te visti?

«Chis­so chi?»

Beh, al fu­ne­ra­le di Flo­ria­no Pra vi sie­te sa­lu­ta­ti...

«Sì cer­to»

Ber­lu­sco­ni l’ha chia­ma­ta?

«Ber­lu­sco­ni chi?» (Nel frat­tem­po si ri­vol­ge a un cro­ni­sta al­la sua si­ni­stra: «Par­la più for­te per­ché ci sen­to dall’orec­chio de­stro, ma non da quel­lo si­ni­stro»)

Chi vor­reb­be rin­gra­zia­re?

«Quel­li che mi so­no sta­ti tan­to vi­ci­ni lo san­no e non me li di­men­ti­che­rò mai».

Ma lei è gio­va­ne per sta­re a ca­sa in pan­to­fo­le.

«Mia mo­glie è gio­va­ne, io no. Una vol­ta al­la mia età da­va­no la car­ta ar­gen­to. E co­mun­que non è mi­ca brut­to sta­re a ca­sa in pan­to­fo­le»

Ma va a vi­ve­re a Ro­vi­gno?

«Lì ar­ri­va so­lo il Pic­co­lo. For­se an­drei ne­gli Sta­ti Uni­ti».

Ma­ga­ri non a San Die­go, do­ve c’è Maz­za­cu­ra­ti.

«No, sull’al­tra co­sta».

New York?

«No, an­drei a pe­sca­re in un po­sto sper­du­to in Flo­ri­da, di quel­li con i cai­ma­ni. Del re­sto ci so­no abi­tua­to». (Ri­de)

Lei vi­ve a Ro­vo­lon. Che co­sa ne pen­sa del pre­te coin­vol­to nel­lo scan­da­lo a lu­ci ros­se?

«Don Ro­ber­to Ca­vaz­za­na ha tut­ta la mia sti­ma per il la­vo­ro che ha fat­to. E’ sta­to vi­ci­no an­che a me, co­me de­ve es­se­re un uo­mo di fe­de».

Per­ché non par­la? Da due me­si è un uo­mo li­be­ro.

«Non è co­sì, lo fa­rò quan­do sa­rà il mo­men­to. Co­mun­que ri­ba­di­sco quan­to ho det­to il 6 gen­na­io scor­so: non ho mai fat­to una de­li­be­ra, un at­to o una di­chia­ra­zio­ne det­ta­ta da una for­ma di van­tag­gio o in­te­res­se per­so­na­le»

E Bai­ta e Mi­nu­til­lo?

(Guar­da ver­so l’al­to)

Pe­rò c’è tan­ta gen­te che di­ce di aver­la pa­ga­ta.

(Lo sguar­do di­ven­ta li­vi­do) «A que­sta do­man­da non ri­spon­do. Non par­lo più».

E se ne va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.