Da Stac­chio a Za­ia «Si cam­bi la leg­ge»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­drea Prian­te

VE­NE­ZIA «Que­sta sen­ten­za in­di­ca una pre­ci­sa di­re­zio­ne: che il Par­la­men­to si met­ta il cuo­re in pa­ce e le­gi­fe­ri sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa. Per­ché una de­ci­sio­ne co­me que­sta di­chia­ra che la di­fe­sa è sem­pre le­git­ti­ma». Lo di­ce il go­ver­na­to­re del Ve­ne­to Lu­ca Za­ia com­men­tan­do l’as­so­lu­zio­ne in Ap­pel­lo di Fran­co Bi­ro­lo, il ta­bac­ca­io di Ci­vè di Correzzola (Pa­do­va) che il 25 apri­le del 2012 spa­rò e uc­ci­se un ladro sor­pre­so a ru­ba­re nel suo ne­go­zio.

Quel­la per l’esten­sio­ne del di­rit­to al­la di­fe­sa è una bat­ta­glia ca­ra al­la Le­ga Nord, con il lea­der Mat­teo Sal­vi­ni che già lo scor­so an­no - quan­do in pri­mo gra­do il ne­go­zian­te fu in­ve­ce con­dan­na­to a due an­ni e ot­to me­si, e 325 mi­la eu­ro di ri­sar­ci­men­to - lan­ciò lo slo­gan «Io sto con Bi­ro­lo». E ora è pro­prio il Car­roc­cio a can­ta­re vit­to­ria. A co­min­cia­re dal sin­da­co «pa­da­no» Mau­ro Fec­chio, che di­fe­se il suo com­pae­sa­no fin dal mat­ti­no suc­ces­si­vo al­la spa­ra­to­ria, quan­do Correzzola smi­se di es­se­re un pae­si­no se­mi­sco­no­sciu­to per di­ven­ta­re l’avam­po­sto del Far We­st in sal­sa ve­ne­ta.

«So­no fe­li­ce per Fran­co, fi­nal­men­te si è chia­ri­to che agì per le­git­ti­ma di­fe­sa, le stes­se con­clu­sio­ni a cui è giun­ta an­che la pro­cu­ra», ri­cor­da Fec­chio. Nel 2012 lui e l’in­te­ra giun­ta ar­ri­va­ro­no ad au­to-tas­sar­si pur di aiu­ta­re Bi­ro­lo ad af­fron­ta­re le spe­se le­ga­li. Sin­da­co e as­ses­so­ri rac­col­se­ro tre­mi­la eu­ro. «Con que­sta sen­ten­za è sta­ta ri­sta­bi­li­ta la ve­ri­tà - con­clu­de - an­che se nes­su­no po­trà mai re­sti­tui­re a que­st’uo­mo gli an­ni tra­scor­si nell’an­sia per ciò che po­te­va ca­pi­ta­re a lui e al­la sua fa­mi­glia in ca­so di con­dan­na».Chi co­no­sce be­ne i pa­ti­men­ti ai qua­li si va in­con­tro apren­do il fuo­co con­tro i la­dri, è Gra­zia­no Stac­chio, il ben­zi­na­io di Nan­to che il 3 feb­bra­io 2015 uc­ci­se un com­po­nen­te del­la ban­da che sta­va as­sal­tan­do una gio­iel­le­ria, all’in­ter­no del­la qua­le era bar­ri­ca­ta la com­mes­sa. «L’as­so­lu­zio­ne di Fran­co è una no­ti­zia stu­pen­da. L’ho in­con­tra­to sabato, era scon­for­ta­to, non ve­de­va via d’usci­ta. E in­ve­ce al­la fi­ne è an­da­to tut­to nel mo­do mi­glio­re».

An­che Stac­chio fu pro­sciol­to da tut­te le ac­cu­se. «L’au­to­di­fe­sa è un di­rit­to e co­me ta­le va tu­te­la­to, co­me av­vie­ne in buo­na par­te d’Eu­ro­pa. Se lo Sta­to non è in gra­do di ga­ran­ti­re la si­cu­rez­za, non si­gni­fi­ca che i cit­ta­di­ni deb­ba­no vi­ve­re nel­la pau­ra». La pen­sa al­lo stes­so mo­do an­che Ro­ber­ti­no Zan­can, il pro­prie­ta­rio del­la gio­iel­le­ria di­fe­sa dal ben­zi­na­io: «Nes­su­na per­so­na di buon­sen­so vuo­le im­brac­cia­re un’ar­ma e spa­ra­re a un al­tro es­se­re uma­no, ma ci so­no del­le vol­te in cui non si ha scel­ta. Per que­sto oc­cor­re cam­bia­re la leg­ge: la di­fe­sa dev’es­se­re sem­pre le­git­ti­ma, per­ché so­lo co­sì può fa­re da de­ter­ren­te al­la cri­mi­na­li­tà». Ie­ri, per tut­to il gior­no, Zan­can è ri­ma­sto in con­tat­to con Fran­co Bi­ro­lo. Fi­no al­la let­tu­ra del­la sen­ten­za. «Mi ha chia­ma­to, mi ha det­to: “Ce l’ab­bia­mo fat­ta”. È ve­ro, que­sta as­so­lu­zio­ne è una vit­to­ria per tut­ti. Spe­ro che in fu­tu­ro nes­sun al­tro deb­ba af­fron­ta­re un pro­ces­so so­lo per es­ser­si di­fe­so da un’ag­gres­sio­ne»

Tra chi si è sem­pre schie­ra­to dal­la par­te del ta­bac­ca­io di Correzzola, c’è an­che mon­si­gnor Adria­no Tes­sa­rol­lo, ve­sco­vo di Chiog­gia. Nel 2006 scris­se un du­ris­si­mo edi­to­ria­le sul set­ti­ma­ne dio­ce­sa­no, nel qua­le pren­de­va di mi­ra il ma­gi­stra­to che, nel pro­ces­so di pri­mo gra­do, con­dan­nò il ta­bac­ca­io. «Quel­lo che non era riu­sci­to for­se a ru­ba­re il ladro da vi­vo - scris­se il ve­sco­vo - glie­lo ha da­to il giu­di­ce, com­ple­tan­do il fur­to al­la fa­mi­glia, un bel vi­ta­li­zio ot­te­nu­to per i suoi fa­mi­lia­ri, con l’incidente ac­ca­du­to­gli nel suo “la­vo­ro di ladro”!». Ie­ri mon­si­gnor Tes­sa­rol­lo si è det­to sod­di­sfat­to per la sen­ten­za di as­so­lu­zio­ne: «È sta­ta fat­ta giu­sti­zia. Nes­su­no vuo­le che le no­stre cit­tà si tra­sfor­mi­no in un Far We­st ma ci so­no del­le vol­te in cui un uo­mo è co­stret­to a fa­re tut­to ciò che può, per di­fen­de­re la pro­pria fa­mi­glia dai cri­mi­na­li».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.