«Non è fi­ni­ta, cer­ti pe­si re­sta­no per sem­pre Sto pen­san­do di ven­de­re la ta­bac­che­ria»

Bi­ro­lo gla­cia­le du­ran­te il di­bat­ti­to e po­sa­to do­po: «Hanno ca­pi­to che non so­no un giu­sti­zie­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - di Al­ber­to Zor­zi © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA «La ta­bac­che­ria? Sto pen­san­do di chiu­de­re l’at­ti­vi­tà per­ché non vo­glio più in fu­tu­ro ri­tro­var­mi in una si­tua­zio­ne del ge­ne­re e ri­vi­ve­re que­sto in­cu­bo che du­ra da cin­que an­ni». In­cu­bo fi­ni­to, pe­rò. E in­fat­ti il vol­to di Fran­co Bi­ro­lo, fi­no a quel mo­men­to una ve­ra e pro­pria sfin­ge, fi­nal­men­te ini­zia a scio­glier­si. Non c’era riu­sci­to nep­pu­re il so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re ge­ne­ra­le Pao­lo Lu­ca, che fin dai pri­mi mi­nu­ti del­la sua re­qui­si­to­ria ave­va fat­to ca­pi­re che sa­reb­be ar­ri­va­to al­le stes­se con­clu­sio­ni del suo ex col­le­ga di uf­fi­cio, il pm pa­do­va­no Be­ne­det­to Ro­ber­ti: as­so­lu­zio­ne, per­ché si è trat­ta­to di le­git­ti­ma di­fe­sa.

Lui, nel­la pic­co­la au­la del­la Cor­te d’ap­pel­lo a Pa­laz­zo Gri­ma­ni, era en­tra­to ver­so l’una e mez­za, do­po che l’udien­za era slit­ta­ta già di un’ora e mez­za ri­spet­to al­la pre­vi­sio­ne ot­ti­mi­sti­ca di mez­zo­gior­no. E già quel­lo, per lui che era ar­ri­va­to con lar­go an­ti­ci­po, dev’es­se­re sta­to ma­ce­ran­te dentro, an­che se da fuo­ri lo sguar­do è ri­ma­sto im­pe­ne­tra­bi­le. E il ca­so ha vo­lu­to che lo stes­so col­le­gio di tre giu­di­ci, nel­la mat­ti­na­ta, aves­se in pro­gram­ma an­che un ap­pel­lo re­la­ti­vo ad Alan Cas­sol (pe­na con­fer­ma­ta, per la cronaca), fi­glio di Al­ba­no, il ban­di­to uc­ci­so a Nan­to dal ben­zi­na­io Gra­zia­no Stac­chio il 3 feb­bra­io 2015. En­tra­to con in ma­no lo scher­mo usa­to dal suo av­vo­ca­to Lui­gi­no Ma­ria Mar­tel­la­to, ha se­gui­to tut­ta la di­scus­sio­ne in pie­di, sen­za mai un mi­ni­mo sor­ri­so, un mi­ni­mo cen­no di sod­di­sfa­zio­ne, o an­che di rab­bia men­tre par­la­va­no le due av­vo­ca­tes­se di par­te ci­vi­le, ri­ma­ste le so­le ad ac­cu­sar­lo di aver spa­ra­to a Igor Ur­su «con­tro la leg­ge». Gla­cia­le, ha con­ti­nua­to ad ascol­ta­re la di­scus­sio­ne tra le par­ti, sem­pre nel­lo stes­so po­sto per quat­tro ore. E an­che do­po la sen­ten­za, al­le set­te di se­ra pas­sa­te, quan­do si in­trav­ve­de un leg­ge­ro ros­so­re in­tor­no ai suoi oc­chi, le pa­ro­le so­no posate, a bas­sa vo­ce: da un la­to il suo ca­rat­te­re, dall’al­tro lo choc, men­tre la mo­glie e la fi­glia so­no emo­zio­na­te.

Si­gnor Bi­ro­lo, quan­to spe­ra­va in que­sta as­so­lu­zio­ne?

«Non è che ab­bia spe­ra­to. So­no sem­pre sta­to lì con il pun­to di do­man­da («tran­quil­lo in co­scien­za», si in­se­ri­sce l’av­vo­ca­to Mar­tel­la­to, ndr), at­ten­de­vo. For­tu­na­ta­men­te in que­sta se­de so­no sta­te va­lu­ta­te be­ne tut­te le pro­ce e al­la fi­ne si è ar­ri­va­ti al­la sen­ten­za».

Che co­sa ha pen­sa­to quan­do lo stes­so rap­pre­sen­tan­te dell’ac­cu­sa ha chie­sto l’as­so­lu­zio­ne. Ha te­mu­to di ri­vi­ve­re la stes­sa si­tua­zio­ne del pri­mo gra­do, quan­do poi ven­ne in­ve­ce con­dan­na­to?

«E’ per que­sto che non mi so­no espres­so in an­ti­ci­po. So­no sta­to lì, ho aspet­ta­to tran­quil­lo, per­ché io so che co­sa ho fat­to, so co­me so­no an­da­te le co­se quel­la se­ra. Da quel pun­to di vi­sta ero tran­quil­lo, men­tre so­no tan­to di­spia­ciu­to per quel­lo che ho ar­re­ca­to al­la mia fa­mi­glia, che sta sof­fren­do tut­to­ra».

Si sen­te ria­bi­li­ta­to do­po que­sta de­ci­sio­ne?

«E’ si­cu­ra­men­te una de­ci­sio­ne che ti solleva, ma non è fi­ni­ta qui, per­ché co­mun­que ti re­sta sem­pre que­sto per­so­nag­gio che è ve­nu­to a man­ca­re e an­che per una co­sa non vo­lu­ta dal sot­to­scrit­to. Una vi­cen­da che fa par­te... che ne so, si può chia­ma­re “incidente sul la­vo­ro”, co­me ha det­to qual­cu­no. Pe­rò io pen­so sem­pre che po­te­vo es­ser­ci be­nis­si­mo io al po­sto del de­fun­to».

Il so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re ge­ne­ra­le ha con­clu­so la sua re­qui­si­to­ria di­cen­do che lei non è un giu­sti­zie­re e che re­ste­rà co­mun­que con il pe­so di quell’uc­ci­sio­ne sul­la sua co­scien­za.

«E’ quel­lo che ave­vo ri­ba­di­to io an­che nel cor­so del pro­ces­so di pri­mo gra­do, ma che non è sta­to con­si­de­ra­to ab­ba­stan­za dal giu­di­ce. Io cre­do che i fat­ti lo di­mo­stri­no: se aves­si vo­lu­to uc­ci­de­re qual­cu­no o ad­di­rit­tu­ra fa­re il “giu­sti­zie­re”, ne avrei ste­si tre o quat­tro si­cu­ra­men­te. In­ve­ce non era quel­lo il mio in­ten­to, per­ché io per pri­ma co­sa ho ba­da­to a sal­va­re la pel­le: la mia, quel­la di mia mo­glie e quel­la di mia fi­glia».

Un epi­so­dio si­mi­le è ac­ca­du­to po­chi gior­ni fa a Lo­di. Che co­sa ne pen­sa e che co­sa si sen­te di di­re a quel­la per­so­na che si tro­va ora sot­to in­chie­sta co­me ac­cad­de a lei?

«Guar­di, ades­so mi co­glie trop­po al­la sprov­vi­sta. De­vo me­di­ta­re un po’... So­no gior­ni che sen­ti­vo que­sta sen­ten­za, mi si è chiu­so un po’ lo sto­ma­co. In più og­gi so­no in pie­di da que­sta mat­ti­na al­le cin­que e mez­za, for­se era­no ad­di­rit­tu­ra le cin­que. Man­gia­re, in que­sti gior­ni, ni­sba, co­me si suol di­re. So­no un po’ giù e non mi sen­to di di­re al­tro».

Fran­co Bi­ro­lo Io spe­ro che que­sta sen­ten­za ser­va an­che ad al­tri che so­no nel­la mia stes­sa si­tua­zio­ne

Lo sa che que­sta sen­ten­za avrà una no­te­vo­le eco nel di­bat­ti­to po­li­ti­co.

«Io spe­ro che ser­va an­che ad al­tri che so­no nel­la mia si­tua­zio­ne».

(Vi­sion)

Nes­su­na esul­tan­za In pub­bli­co Bi­ro­lo è sta­to mol­to pa­ca­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.