«Ma­sel­lo as­so­lu­ti­sta, ha stra­vol­to le ori­gi­ni Non sia­mo un’azien­da ci vuo­le con­di­vi­sio­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - G.V. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PADOVA «Ho una fi­glia na­ta nel 1994, men­tre la mia espe­rien­za nel­la Fon­da­zio­ne è ini­zia­ta nel 1993. Vuol di­re che mia fi­glia è ve­nu­ta su a ma­te­ma­ti­ca e Cit­tà del­la Spe­ran­za. Ven­ti­trè an­ni non li can­cel­li co­sì. Ma one­sta­men­te non ce la fa­ce­vo più...».

Ste­fa­no Bel­lon, le sue di­mis­sio­ni so­no del­lo scor­so 13 ot­to­bre. Da quan­to ci pen­sa­va?

«Quel­la let­te­ra è il frut­to di una sof­fe­ren­za me­di­ta­ta e con­di­vi­sa, che na­sce da lon­ta­no. Di­cia­mo due an­ni fa. Ho te­nu­to du­ro, ma poi...»

Co­sa l’ha fat­ta sof­fri­re?

«Lo stra­vol­gi­men­to. È sta­to quan­do si è de­ci­so di pas­sa­re dal­le de­ci­sio­ni con­di­vi­se al­la vo­lon­tà di af­fi­da­re tut­to al­la ca­pa­ci­tà ge­stio­na­le di una per­so­na so­la...».

Che sa­reb­be il pre­si­den­te Ma­sel­lo, no?

«Sì. Una per­so­na con un ca­rat­te­re che non pre­ve­de il con­fron­to e la de­mo­cra­ti­ci­tà; ma so­lo l’as­so­lu­ti­smo. Cioè: ”Esi­sto io, so­lo io, che so­no un im­pren­di­to­re di suc­ces­so, etc...”. Ed è sem­pre sta­to co­sì».

Pe­rò la­vo­ra­va­te in­sie­me da più di vent’an­ni. Co­sa è suc­ces­so?

«L’Isti­tu­to è sta­to rea­liz­za­to - e su que­sto so­no pre­sun­tuo­sa­men­te im­bat­ti­bi­le - con la spe­ci­fi­ca vo­lon­tà e de­ter­mi­na­zio­ne di mi­glia­ia di per­so­ne. Riav­vol­gia­mo il na­stro dei guin­ness, per esem­pio: gen­te che per ore ha aspet­ta­to di nuo­ta­re o di cor­re­re, a qual­sia­si ora del gior­no e del­la not­te, per un obiet­ti­vo e un idea­le ben pre­ci­si: so­ste­ne­re la ri­cer­ca scien­ti­fi­ca in am­bi­to pe­dia­tri­co e la pe­dia­tria. Poi, im­prov­vi­sa­men­te, ba­sta, via tut­to. Ma non ci so­no so­lo gli im­pren­di­to­ri, che cer­ca Ma­sel­lo; c’è an­che un eser­ci­to di per­so­ne che ha fat­to tan­tis­si­mo. Sia­mo si­cu­ri quin­di che cam­bia­re mo­del­lo sia la scel­ta mi­glio­re? Ed è lui a vo­ler­lo».

In­som­ma, lei con­te­sta il nuo­vo sta­tu­to. Ep­pu­re es­so in­tro­du­ce una go­ver­nan­ce com­ples­sa: non pro­prio «un so­lo uo­mo al co­man­do»...

«Le pa­re pos­si­bi­le che d’ora in poi si pos­sa de­ci­de­re a mag­gio­ran­za? L’isti­tu­zio­ne è na­ta con il coin­vol­gi­men­to di tut­ti, dal più gran­de al più pic­co­lo. E ora si de­ci­de a mag­gio­ran­za?».

Beh, det­ta co­sì po­treb­be non es­se­re una brut­ta idea...

«Ri­pe­to, sia­mo si­cu­ri che sia il mo­del­lo mi­glio­re quan­do il 40% del­lo sfor­zo ar­ri­va dal­la par­te pub­bli­ca, cioè da Fon­da­zio­ne Cas­sa di Ri­spar­mio, Azien­da ospe­da­lie­ra, Uni­ver­si­tà? Il ter­re­no su cui è sta­to co­strui­ta la Tor­re del­la ri­cer­ca chi ce l’ha re­ga­la­to? I cit­ta­di­ni pa­do­va­ni. Per­ché il Con­sor­zio Zip (Zo­na in­du­stria­le Padova, ndr) è di Co­mu­ne, Pro­vin­cia e Ca­me­ra di Com­mer­cio, quin­di vuol di­re che i cit­ta­di­ni pa­do­va­ni ci han­no re­ga­la­to un ter­re­no dal va­lo­re di 1,8 mi­lio­ni di eu­ro. E an­co­ra, sia­mo si­cu­ri che l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, che sa­rà no­mi­na­to dal fon­da­to­re e che non si con­fron­te­rà con nes­su­no, sia dav­ve­ro co­sì bra­vo?».

Bel­lon L’Isti­tu­to è sta­to rea­liz­za­to con la vo­lon­tà di mi­glia­ia di per­so­ne. Sia­mo si­cu­ri che sia giu­sto cam­bia­re?

Ha ci­ta­to l’Uni­ver­si­tà. Il Bo pe­rò ha ap­pro­va­to lo sta­tu­to che lei con­te­sta.

«Il ret­to­re mi pa­re ab­bia de­ci­so, ha scel­to di non es­se­re rap­pre­sen­ta­to di­ret­ta­men­te all’in­ter­no del cda. C’è da chie­der­si co­me mai. Co­me mai l’Ate­neo cam­bi at­teg­gia­men­to, do­po aver se­gui­to e cal­deg­gia­to il mo­del­lo del­la con­di­vi­sio­ne».

Lei pen­sa che que­sto nuo­vo mo­del­lo pos­sa re­ca­re pre­giu­di­zio al la­vo­ro del­la «Tor­re»?

«La “Tor­re” può fa­re co­se gran­dis­si­me, ma so­lo se man­tie­ne la con­di­vi­sio­ne del­le de­ci­sio­ni, al­tri­men­ti no. Non è un’azien­da, ma un isti­tu­to di ri­cer­ca crea­to con il con­tri­bu­to di tut­ti».

Con Ma­sel­lo ha par­la­to? Co­me ha ac­col­to le di­mis­sio­ni?

«No, non l’ho sen­ti­to. C’è sta­to un fu­ga­ce in­con­tro ca­sua­le in oc­ca­sio­ne di un’ini­zia­ti­va per la ri­cer­ca a no­vem­bre. Mi ca­ve­rà la pel­le: la pri­ma, la se­con­da e la ter­za pel­le. Per­ché è de­ter­mi­na­to su que­sta sua vo­lon­tà di es­se­re l’uni­co e ba­sta. Ma io non ne po­te­vo più».

La «Tor­re» Inau­gu­ra­ta nel 2012 e co­sta­ta 30 mi­lio­ni di eu­ro è l’Isti­tu­to di Ri­cer­ca Pe­dia­tri­ca di Padova. Un­di­ci pia­ni con la­bo­ra­to­ri e au­le all’avan­guar­dia,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.