«Si ver­go­gni, cer­ca sol­tan­to vi­si­bi­li­tà Do­ve so­no i ri­sul­ta­ti? Gal­va­nin il mio ere­de»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - G.V. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pre­si­den­te Ma­sel­lo, il dg dell’Isti­tu­to per la ri­cer­ca pe­dia­tri­ca, Bel­lon, se ne va, ac­cu­san­do­la di aver «tra­sfor­ma­to gli in­ten­ti ge­ne­ra­li del­la Fon­da­zio­ne». Co­me l’ha pre­sa?

«Mi ha fat­to in­caz­za­re, si ve­de che non ha avu­to mor­ti in fa­mi­glia, co­me ho avu­to io, per­ché se no non avreb­be fat­to que­sti dan­ni! Do­vreb­be so­lo ver­go­gnar­si! E poi mi do­man­do: è da ot­to­bre che ha da­to le di­mis­sio­ni con una let­te­ra e vie­ne fuo­ri ades­so? Ha for­se in men­te qual­che cam­pa­gna elet­to­ra­le, che si fa pub­bli­ci­tà in que­sto mo­do scre­di­tan­do la Fon­da­zio­ne? Ol­tre­tut­to si spac­cia per fon­da­to­re? Ma lui non fa par­te dei so­ci, è en­tra­to due an­ni do­po».

Ve­nia­mo al me­ri­to: l’or­mai ex dg con­te­sta il nuo­vo sta­tu­to. Di­ce che si ab­ban­do­na la via del­la «con­di­vi­sio­ne»...

«Ab­bia­mo cam­bia­to lo sta­tu­to per­ché l’Isti­tu­to era in­go­ver­na­bi­le, e su que­sto era­no tut­ti d’ac­cor­do. Tut­ti. Se a Bel­lon sta­va be­ne l’in­go­ver­na­bi­li­tà, non rie­sco a ca­pi­re. Ma or­mai era iso­la­to all’in­ter­no del­la Fon­da­zio­ne, nes­su­no lo ca­pi­va più».

Lui so­stie­ne, inol­tre, che lei sia un ac­cen­tra­to­re. Che vuo­le de­ci­de­re tut­to da sé, coin­vol­gen­do gli im­pren­di­to­ri e di­men­ti­can­do in­ve­ce quel­lo che si è fat­to fi­no­ra: co­me gli even­ti da lui or­ga­niz­za­ti (ve­di i va­ri guin­ness da «Run for Chil­dren» a «Swim for Chil­dren»), etc... È co­sì?

«Sì, mi so­no mes­so a cer­ca­re i sol­di da­gli im­pren­di­to­ri. Co­sa non va be­ne a Bel­lon? Quan­do gli ho chie­sto di met­ter­mi in con­tat­to con de­gli im­pren­di­to­ri pa­do­va­ni per far­li in­ve­sti­re nel­la Tor­re, si è mes­so di tra­ver­so. Quan­to ai sol­di, sic­co­me ho ri­spet­to di quel­lo che la gen­te ci dà, vo­glio che ven­ga­no spe­si in ma­nie­ra se­ria, per­ché se la ri­cer­ca non pro­du­ce ri­sul­ta­ti non po­trà es­se­re sem­pre au­to-fi­nan­zia­ta. Non pos­sia­mo an­da­re avan­ti a fi­nan­zia­re la ri­cer­ca sem­pre ven­den­do pa­ta­ti­ne frit­te e pop corn».

Per­ché, fi­no­ra è sta­to co­sì?

«C’è bi­so­gno di ca­pi­ta­liz­za­re, cioé di chie­de­re ai ri­cer­ca­to­ri dei ri­sul­ta­ti. Ab­bia­mo in­ve­sti­to 25 mi­lio­ni di eu­ro di ri­cer­ca, ma, per co­me so­no sta­te ge­sti­te le co­se fi­no­ra, mi pa­re che non si sia­no ot­te­nu­ti gran­dis­si­mi ri­sul­ta­ti. E chi ha gui­da­to per be­gli an­ni il cen­tro di ri­cer­ca? Bel­lon. La Fon­da­zio­ne non è un da­to­re di la­vo­ro: i ri­cer­ca­to­ri van­no pa­ga­ti fin­ché pro­du­co­no ri­sul­ta­ti; nel­la sua men­te, in­ve­ce, la Fon­da­zio­ne do­ve­va es­se­re un po­sto fis­so ca­muf­fa­to».

In­som­ma lo boc­cia su tut­ta la li­nea...

«Gli ab­bia­mo da­to la pos­si­bi­li­tà di fa­re il dg, e non si è mai oc­cu­pa­to una vol­ta dell’am­mi­ni­stra­zio­ne del­la Tor­re, men­tre nei la­bo­ra­to­ri sa­rà en­tra­to al mas­si­mo die­ci vol­te. È un di­ret­to­re que­sto?».

Fi­no a qual­che an­no fa pe­rò lo elo­gia­va...

«Io lo rin­gra­zio per l’im­pe­gno, co­me rin­gra­zio qual­sia­si al­tro vo­lon­ta­rio del­la Fon­da­zio­ne. Non è che ha fat­to più de­gli al­tri, le po­trei in­di­ca­re cen­ti­na­ia di so­ci che han­no fat­to die­ci vol­te più di Bel­lon e che pe­rò non so­no mai vo­lu­ti ap­pa­ri­re.

È ve­ro che con il nuo­vo sta­tu­to l’Uni­ver­si­tà avrà me­no pe­so?

«Ma se avrà due uo­mi­ni!»

E l’usci­ta del­la Fon­da­zio­ne Ca­ri­pa­ro? La pre­oc­cu­pa?

«Per lo­ro era una for­za­tu­ra es­se­re pre­sen­ti del Cda. Ed era sta­to Bel­lon a vo­ler­li a tut­ti i co­sti. Per sta­tu­to vo­glio­no sta­re fuo­ri, ma l’im­pe­gno eco­no­mi­co lo han­no con­fer­ma­to».

Ma lei, in­ve­ce, con­ti­nue­rà?

«So­no co­sì ac­cen­tra­to­re che non avrei mai vo­lu­to fa­re il pre­si­den­te. Non ho nes­su­na am­bi­zio­ne, nes­sun tor­na­con­to. Ho ac­cet­ta­to per ri­lan­cia­re la Fon­da­zio­ne. Co­sa che è av­ve­nu­ta, vi­sto che chiu­de­re­mo il 2016 con il mas­si­mo del­la rac­col­ta: 6,5 mi­lio­ni di eu­ro. Ma non fa­rò il se­con­do man­da­to. L’an­no pros­si­mo la­scio e pen­so già a chi pos­sa suc­ce­der­mi: Ste­fa­no Gal­va­nin, in­ge­gne­re, at­tua­le vi­ce, un ra­gaz­zo mol­to in gam­ba. Si par­le­rà di lui».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.