Ve­lo isla­mi­co, Vil­la­no­va ri­lan­cia «Vie­tia­mo­lo»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - © RIPRODUZIONE RI­SER­VA

VE­NE­ZIA Ve­lo isla­mi­co vie­ta­to sul po­sto di la­vo­ro, do­po la sen­ten­za della Cor­te eu­ro­pea di giu­sti­zia di Lus­sem­bur­go, il grup­po «Za­ia Pre­si­den­te» in Re­gio­ne chie­de di ac­ce­le­ra­re sul­la pro­po­sta di leg­ge na­zio­na­le per met­te­re fuo­ri leg­ge bur­qa e ni­qab, i ve­li che co­pro­no tut­to il vol­to o la­scia­no sco­per­ti so­lo gli oc­chi. «Il pro­nun­cia­men­to della Cor­te che ha di­chia­ra­to am­mis­si­bi­le e non di­scri­mi­na­to­rio il di­vie­to di ve­lo al la­vo­ro di­mo­stra che era­va­mo nel giu­sto», scan­di­sce il con­si­glie­re re­gio­na­le Al­ber­to Vil­la­no­va, pro­mo­to­re della leg­ge pre­sen­ta­ta a feb­bra­io. Il te­sto pre­ve­de che il tut­ti i luo­ghi pub­bli­ci o aper­ti al pub­bli­co, il vi­so non pos­sa es­se­re ce­la­to. Nien­te ni­qab in ospe­da­le, per la stra­da, a tea­tro, ne­gli uf­fi­ci pub­bli­ci, nei ne­go­zi. In­som­ma, dap­per­tut­to: il ve­lo in­te­gra­le lo si po­trà al mas­si­mo in­dos­sa­re a ca­sa pro­pria o di ami­ci. «Ora si trat­ta di ac­ce­le­ra­re su que­sta stra­da che, co­me ha det­to la Cor­te, non è di­scri­mi­na­to­ria, e pas­sa­re, per quan­to nel­le no­stre fa­col­tà, ad azio­ni con­cre­te». Se­con­do il con­si­glie­re, la sen­ten­za raf­for­za an­che la sua pro­po­sta di re­go­la­men­to che vie­ta il vol­to co­per­to in ospe­da­li, di­stret­ti sa­ni­ta­ri e uf­fi­ci pub­bli­ci re­gio­na­li. già pas­sa­ta in commissione ma non an­co­ra ca­len­da­riz­za­ta in con­si­glio. «Se la leg­ge na­zio­na­le de­ve se­gui­re il suo iter, noi pos­sia­mo già in­ter­ve­ni­re ora, ap­pun­to re­go­la­men­tan­do l’ac­ces­so al­le no­stre se­di e agli ospe­da­li — con­ti­nua Vil­la­no­va —. Ri­spet­to la fe­de e il cre­do al­trui, ma pre­ten­do an­che che ven­ga­no ga­ran­ti­te con­di­zio­ni di si­cu­rez­za a tut­ti. Di que­sti tem­pi, ce­la­re il vol­to, può crea­re di­sa­gio e in­si­cu­rez­za». Una si­mi­le ar­go­men­ta­zio­ne, la scor­sa esta­te ave­va fat­to vie­ta­re il bur­qui­ni in Co­sta Az­zur­ra, con ine­vi­ta­bi­le co­da po­le­mi­ca e imi­ta­ti­va an­che sui no­stri li­di. La mo­ti­va­zio­ne dei giu­di­ci della Cor­te di Giu­sti­zia non è l’al­lar­me che su­sci­ta il bur­qa ma l’esi­gen­za di neu­tra­li­tà cui ha di­rit­to un’im­pre­sa quan­do si pre­sen­ta ai clien­ti: in tal ca­so, e a pat­to che il di­vie­to non sia usa­to co­me le­va di di­scri­mi­na­zio­ne, è le­git­ti­mo vie­ta­re il ve­lo, ma an­che tur­ban­ti e ab­bi­glia­men­to ispi­ra­to al­la Ci­na di Mao. «Co­me Re­gio­ne non pos­sia­mo so­sti­tuir­ci al le­gi­sla­to­re na­zio­na­le ma ab­bia­mo un buon mar­gi­ne d’azio­ne», con­clu­de il con­si­glie­re (mo.zi.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.