Man­to­va­ni nel mi­ri­no dei ci­ne­si

Due co­los­si in pi­sta, tra cui il grup­po che pro­get­ta lo sca­lo off-sho­re di Ve­ne­zia Ad apri­le il de­but­to della new­co Se­re­co, con­fer­ma­te le ces­sio­ni di ospe­da­li e por­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Gian­ni Fa­ve­ro Mo­ni­ca Zic­chie­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA I ci­ne­si che scom­met­to­no sul por­to off sho­re ve­ne­zia­no guar­da­no al­la Man­to­va­ni. La Chi­na Com­mu­ni­ca­tion Con­stuc­tion Com­pa­ny è il pri­mo gran­de grup­po di in­fra­strut­tu­re del tra­spor­to di pro­prie­tà del­lo Sta­to ci­ne­se che si è este­so sul mer­ca­to in­ter­na­zio­na­le, la piu gran­de so­cie­tà di co­stru­zio­ni por­tua­li in Ci­na e la se­con­da al mon­do per dra­gag­gi. La sua con­trol­la­ta Chi­na Har­bour En­gi­nee­ring Co Ltd (Chec) si oc­cu­pa di co­stru­zio­ni e in­ge­gne­ria e un pa­io di me­si fa avreb­be cer­ca­to un con­tat­to con Man­to­va­ni.

Che pe­rò ne­ga: «Vo­ci de­sti­tui­te di ogni fon­da­men­to», fa sa­pe­re l’ad Mau­ri­zio Bo­schie­ro. Non c’è trat­ta­ti­va al mo­men­to. Ma non è det­to che non ci sia in fu­tu­ro. Il sen­so è che il grup­po non aspet­ta i ci­ne­si per ri­met­ter­si in as­se do­po la cri­si, la cas­sa in­te­gra­zio­ne per 360 ad­det­ti e la re­pu­ta­zio­ne fiac­ca­ta da­gli scan­da­li del Mo­se, an­zi sta in­ve­ce met­ten­do a pun­to il pia­no in­du­stria­le per il ri­lan­cio. Ad apri­le do­vreb­be in­fat­ti de­but­ta­re Se­re­co, acro­ni­mo di Se­re­nis­si­ma Co­stru­zio­ni, la new­co che pren­de­rà il po­sto di Man­to­va­ni ri­tor­nan­do al co­re bu­si­ness della pro­get­ta­zio­ne e del­le co­stru­zio­ni.

Tut­to ciò che è ge­stio­ne sa­rà ce­du­to dai pro­ject ospe­da­lie­ri al ter­mi­nal Ro Ro di Fu­si­na, le par­te­ci­pa­zio­ni au­to­stra­da­li (un me­se fa ha ven­du­to l’8,37% di A4 Hol­ding agli spa­gno­li di Aber­tis). Do­po aver fir­ma­to per la ces­sio­ne del po­lo ospe­da­lie­ro di San­tor­so, nel Vi­cen­ti­no, Man­to­va­ni con­ta di ven­de­re al­lo stes­so grup­po in­gle­se Equi­tix Fund III an­che la par­te­ci­pa­zio­ne in Ve­ne­ta Sa­ni­ta­ria, la so­cie­tà che ge­sti­sce l’Ospe­da­le all’An­ge­lo di Me­stre.

La par­ti­ta più com­ples­sa re­sta quel­la le­ga­ta al ter­mi­nal di Fu­si­na. Non so­lo va­le sva­ria­ti mi­lio­ni di eu­ro ed è dun­que più dif­fi­ci­le tro­va­re ac­qui­ren­ti, ma è so­prat­tut­to com­ples­so of­fri­re lo­ro un qua­dro di cer­tez­ze ora che è ap­pe­na cam­bia­to il ver­ti­ce dell’Au­to­ri­tà Por­tua­le (a Pao­lo Co­sta è su­ben­tra­to Pi­no Musolino) e il mi­ni­stro del­le In­fra­strut­tu­re Gra­zia­no Del­rio ha an­che in­di­ca­to una so­lu­zio­ne per le gran­di na­vi in ar­ri­vo a Ve­ne­zia, che pre­ve­de il pas­sag­gio dei tran­sa­tlan­ti­ci per il ca­na­le dei Pe­tro­li, via d’ac­ces­so an­che per Fu­si­na.

Ma è pro­prio su ter­mi­nal Ro Ro che po­treb­be­ro ap­pun­tar­si gli in­te­res­si dei due co­los­si ci­ne­si. L’al­tra ipo­te­si in cam­po per spie­ga­re l’in­te­res­sa­men­to è che la Cccc sia in­ve­ce in­te­res­sa­ta a ri­le­va­re la Man­to­va­ni per po­ter­ne spen­de­re il no­me e il know how nel­le ga­re d’ap­pal­to sull’in­te­ro pia­ne­ta, no­me oc­ci­den­ta­le che ga­ran­ti­sca af­fi­da­bi­li­tà e qua­li­tà.

Se­con­do quan­to si è ap­pre­so da gen­na­io ad og­gi ad aver in­ta­vo­la­to un dia­lo­go con il grup­po della fa­mi­glia Chia­rot­to sa­reb­be­ro le com­pa­gnie Chi­na Har­bour En­gi­nee­ring Co Ltd (Chec) e Chi­na Sta­te Con­struc­tion En­gi­nee­ring Cor­po­ra­tion (Cscec), no­no­stan­te si trat­ti al­lo sta­to di ap­proc­ci mol­to pre­li­mi­na­ri.

Pur non ag­giun­gen­do al­tri det­ta­gli, la cir­co­stan­za non è smen­ti­ta co­mun­que da fon­ti in­tor­no all’azien­da.

Chec è un Con­trac­tor di Pe­chi­no na­to nel 2005 e che ha al suo at­ti­vo ope­ra­zio­ni del ca­li­bro del nuo­vo por­to di Do­ha (Qa­tar) e dei ter­mi­nal di Ham­ban­to­ta (Sri Lan­ka), Lo­la­bè (Ca­me­run) e di Ash­dod (Israe­le) ed è con­trol­la­ta dal­la Cccc che pro­get­ta l’off sho­re e si can­di­da a ge­stir­lo.

Il pe­di­gree è an­co­ra più ric­co per il se­con­do pre­sun­to pretendente di Man­to­va­ni, cioè Chi­na Sta­te Con­struc­tion En­gi­nee­ring Cor­po­ra­tion (Cscec), fon­da­to a Pe­chi­no nel 1957 ed og­gi ri­te­nu­to il ter­zo player mon­dia­le del­le co­stru­zio­ni al mon­do.

In ven­di­ta Uno sche­ma del­lo sca­lo Ro Ro di Fu­si­na, in ven­di­ta nella rior­ga­niz­za­zio­ne di Man­to­va­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.