«Quell’uo­mo ve­sti­to di gri­gio spa­ri­to nel nul­la»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - E.Lor. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA «Ab­bia­mo vi­sto il fu­mo, poi un no­stro clien­te su­da­me­ri­ca­no ha ca­pi­to che c’era qual­co­sa che non an­da­va, ha vi­sto la com­mes­sa del­la gio­iel­le­ria bat­te­re sul ve­tro e su­bi­to ha at­ti­ra­to l’at­ten­zio­ne dei pas­san­ti che si so­no mes­si a guar­da­re ver­so il ne­go­zio per ca­pi­re co­sa stes­se suc­ce­den­do». Il rac­con­to è di Van­ni Bo­not­to, uno dei ma­na­ger del­lo sto­ri­co Caf­fè Qua­dri, il lo­ca­le che con­fi­na con la gio­iel­le­ria ex Mis­sia­glia. È gra­zie al lo­ro clien­te se la ra­pi­na non è an­da­ta a buon fi­ne e se le com­mes­se so­no riu­sci­te a ca­var­se­la sen­za graf­fi ma so­lo con tan­ta pau­ra.

«Il pri­mo a en­tra­re nel­la gio­iel­le­ria è sta­to un no­stro col­le­ga - rac­con­ta il pri­mo ca­me­rie­re del Qua­dri Ste­fa­no Bat­ti­stin - ha vi­sto le due ra­gaz­ze ter­ro­riz­za­te che pe­rò ave­va­no il te­le­fo­no in ma­no e sta­va­no già chia­man­do le for­ze dell’or­di­ne. Ab­bia­mo por­ta­to lo­ro una ca­mo­mil­la». Poi ag­giun­ge: «La­vo­ro qui da 39 an­ni e mai ho vi­sto una co­sa del ge­ne­re, la piaz­za è ben vi­gi­la­ta ma que­sto fat­to di­mo­stra che se qual­cu­no vuo­le fa­re del ma­le può agi­re sen­za pro­ble­mi».

L’azio­ne de­gna di una sce­na da film è ini­zia­ta pe­rò dall’al­tro la­to del­la piaz­za, sot­to il cam­pa­ni­le di San Mar­co. Adria­no era lì con il suo ban­chet­to: «Ho vi­sto un uo­mo di cor­po­ra­tu­ra gros­sa ve­sti­to con una ma­glia a ma­ni­che lun­ghe gri­gia e in te­sta un cap­pel­li­no da ba­se­ball, po­sa­re un og­get­to a ter­ra e su­bi­to do­po si è al­za­to il fu­mo. Si è al­lon­ta­na­to, ho cer­ca­to di se­guir­lo, ha gi­ra­to die­tro il cam­pa­ni­le ma poi è spa­ri­to nel­la neb­bia». Una sua col­le­ga in­ve­ce è fug­gi­ta via: «Ho avu­to pau­ra, la gen­te scap­pa­va, ho la­scia­to il ban­chet­to e so­no fug­gi­ta ver­so la tor­re dell’Oro­lo­gio. C’era una si­gno­ra ame­ri­ca­na di­spe­ra­ta per­ché ave­va il fi­glio den­tro al cam­pa­ni­le in quel mo­men­to».

Ste­fa­no Bla­si è uno dei cin­que fo­to­gra­fi au­to­riz­za­ti del­la piaz­za. «Ho sen­ti­to un si­bi­lo, ho vi­sto il fu­mo e ho avu­to pau­ra. Ci sia­mo al­lon­ta­na­ti ma non ci so­no sta­te sce­ne di pa­ni­co, re­gna­va una cal­ma ir­rea­le. Ho pen­sa­to a quan­to pre­sto fa un ma­lin­ten­zio­na­to a far­ci del ma­le no­no­stan­te la piaz­za sia so­li­ta­men­te ben pre­si­dia­ta da par­te del­le for­ze dell’or­di­ne».

Il pre­si­den­te del grup­po Damiani, Gui­do Damiani sot­to­li­nea: «I no­stri di­pen­den­ti han­no rea­gi­to con co­rag­gio e gran­de pre­sen­za di spi­ri­to, quan­do han­no ca­pi­to co­sa sta­va ac­ca­den­do han­no fat­to scat­ta­re l’al­lar­me».

In­da­gi­ni in cor­so per ri­sa­li­re all’identità dei due ban­di­ti che ie­ri han­no ten­ta­to l’as­sal­to a una gio­iel­le­ria di Ve­ne­zia Le in­da­gi­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.