Ten­ta­to stu­pro, ri­vol­ta con­tro i pro­fu­ghi

Ba­gno­li, don­na ag­gre­di­ta vi­ci­no all’ex ba­se. Gen­te in piaz­za, sin­da­co in la­cri­me: «Ora ba­sta»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - An­ge­la Ti­sbe Cio­cio­la Ni­co­la Mu­na­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA Ag­gre­di­ta, sor­pre­sa al­le spal­le da uno straniero, men­tre fa­ce­va jog­ging. Ta­ma­ra, 40 an­ni, di Ba­gno­li, è riu­sci­ta a scap­pa­re. Ma ora è esplo­sa la ri­vol­ta con­tro il cen­tro pro­fu­ghi. Gen­te in piaz­za, il sin­da­co in la­cri­me: «Ora ba­sta». La pro­cu­ra ha aper­to un’in­chie­sta per iden­ti­fi­ca­re l’au­to­re del ten­ta­to stu­pro.

BA­GNO­LI DI SO­PRA (PA­DO­VA) Una stra­da co­steg­gia­ta da una pi­sta ci­cla­bi­le. Tut­to in­tor­no, cam­pi a per­di­ta d’oc­chio e, a tre chi­lo­me­tri, l’ex ba­se mi­li­ta­re di San Si­ro do­ve dal no­vem­bre del 2015 so­no ospi­ta­ti cir­ca 800 pro­fu­ghi. E’ qui che ve­ner­dì, nel tar­do po­me­rig­gio, co­me ogni gior­no, è an­da­ta a cor­re­re Ta­ma­ra, 40 an­ni, di Ba­gno­li di So­pra. Ed è qui che è sta­ta ag­gre­di­ta, sor­pre­sa al­le spal­le da uno straniero. L’ha tra­sci­na­ta per qual­che me­tro, pic­chia­ta, ha pro­va­to a vio­len­tar­la. Ma Ta­ma­ra ha rea­gi­to ed è riu­sci­ta a scap­pa­re. A soc­cor­rer­la è sta­ta una don­na che l’ha ac­com­pa­gna­ta a ca­sa. Pri­ma di es­se­re por­ta­ta in ospe­da­le a Schia­vo­nia, da do­ve è usci­ta so­lo a tar­da se­ra­ta con la dia­gno­si di una co­sto­la rot­ta, trau­ma cra­ni­co e pro­gno­si di un me­se, ha chia­ma­to i ca­ra­bi­nie­ri. Per ore i mi­li­ta­ri, an­che con l’au­si­lio del­le «Api», le ali­quo­te di pri­mo in­ter­ven­to, han­no bat­tu­to la zo­na coor­di­na­ti dal co­lon­nel­lo Ste­fa­no Ias­son, ma il mal­vi­ven­te è scom­par­so nel nul­la. Lun­go la stra­da so­no sta­ti ri­tro­va­ti la bi­ci­clet­ta e il cap­pel­lo del­lo straniero.

Il so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re Da­nie­la Ran­do­lo ha aper­to un fa­sci­co­lo per vio­len­za ses­sua­le con­tro igno­ti, gra­zie al­la lun­ga te­sti­mo­nian­za re­sa dal­la don­na ai ca­ra­bi­nie­ri. Quel­lo che ora gli in­qui­ren­ti cer­che­ran­no di ca­pi­re è l’iden­ti­tà dell’ag­gres­so­re. Una ri­spo­sta po­trà ar­ri­va­re dall’esa­me del Dna che il pm di­spor­rà nei pros­si­mi gior­ni sul cap­pel­li­no e sul­la bi­ci­clet­ta. La spe­ran­za per riu­sci­re a da­re un no­me a chi ha get­ta­to in un cam­po e pic­chia­to la don­na, è che il pro­fi­lo ge­ne­ti­co fac­cia già par­te del­la ban­ca da­ti del­le for­ze di po­li­zia. Quel­lo di cui tut­ti in pae­se so­no si­cu­ri, pe­rò, è che si trat­ti di uno de­gli ospi­ti del­la cen­tro di ac­co­glien­za di San Si­ro. E il gior­no do­po a Ba­gno­li, po­co più di 3 mi­la abi­tan­ti cui si ag­giun­go­no ol­tre 800 pro­fu­ghi, il cli­ma è te­so. Ie­ri mat­ti­na, men­tre il pre­fet­to di Pa­do­va Re­na­to Fran­ce­schel­li fa­ce­va vi­si­ta a Ta­ma­ra, un cen­ti­na­io di per­so­ne si so­no ri­tro­va­te vi­ci­no la ba­se mi­li­ta­re. Un ma­ni­fe­sta­zio­ne estem­po­ra­nea che ha an­ti­ci­pa­to quel­la or­ga­niz­za­ta per le 10.30 di sta­mat­ti­na.

Nel­le stra­de di Ba­gno­li, do­ve l’ar­go­men­to prin­ci­pa­le di con­ver­sa­zio­ne è la ten­ta­ta vio­len­za, la pau­ra cre­sce. La bru­ta­le ag­gres­sio­ne di ve­ner­dì se­ra è so­lo l’ul­ti­mo e più ecla­tan­te epi­so­dio, ma quel­lo che tut­ti or­mai av­ver­to­no è un con­ti­nuo e cre­scen­te sen­so di in­si­cu­rez­za. «Il bel­lo di vi­ve­re in cam­pa­gna, in un pae­se co­me Ba­gno­li, era la tran­quil­li­tà – rac­con­ta una don­na -. Ma ora, quan­do i miei fi­gli scen­do­no nel pra­to die­tro ca­sa per gio­ca­re a pal­lo­ne, so­no in an­sia fin­ché non rien­tra­no». C’è an­che chi te­me l’ar­ri­vo del­la bel­la sta­gio­ne. «Con il fru­men­to al­to nei cam­pi lun­go le pi­ste ci­cla­bi­li, co­me pos­sia­mo es­se­re si­cu­ri a man­da­re i no­stri fi­gli a scuo­la in bi­ci­clet­ta, so­prat­tut­to quan­do le pi­ste so­no in­va­se da que­sti gio­va­ni uo­mi­ni?», si chie­de una mam­ma. «So­no sfron­ta­ti, ar­ro­gan­ti, ma­le­du­ca­ti – ag­giun­ge un uo­mo -, i bam­bi­ni li ve­do­no in at­teg­gia­men­ti osce­ni in mez­zo al­la stra­da. Non si può più an­da­re avan­ti co­sì». A rac­co­glie­re l’esa­spe­ra­zio­ne di un’in­te­ra co­mu­ni­tà è il sin­da­co Ro­ber­to Mi­lan, ne­gli oc­chi lu­ci­di la stan­chez­za ac­cu­mu­la­ta­si nel cor­so de­gli ul­ti­mi me­si. «Sia­mo sta­ti ab­ban­do­na­ti dal go­ver­no – com­men­ta al ter­mi­ne di un in­con­tro te­so con il col­le­ga di Agna, Gian­lu­ca Pi­va -. Ho sem­pre di­fe­so la politica dell’ac­co­glien­za, ma non in que­sto mo­do. Non so più nean­che io quan­te vol­te ho chie­sto l’in­ter­ven­to del­la pre­fet­tu­ra, la­men­tan­do la cre­sci­ta de­gli epi­so­di spia­ce­vo­li. Mi di­co­no che au­men­te­ran­no i ca­ra­bi­nie­ri e la po­li­zia. Io pe­rò non vo­glio do­ver fa­re una pas­seg­gia­ta con un mi­li­ta­re ar­ma­to al mio fian­co. Non è giu­sto». Mar­te­dì a Tre­vi­so Mi­lan in­con­tre­rà il mi­ni­stro de­gli In­ter­ni Mar­co Min­ni­ti: de­scri­ve­rà nuo­va­men­te il di­sa­gio del suo pae­se, la rab­bia pro­va­ta, chie­den­do an­co­ra una vol­ta una so­lu­zio­ne. «Non pos­sia­mo aspet­ta­re che si ve­ri­fi­chi un al­tro fat­to co­sì gra­ve – con­clu­de -. Pre­ten­dia­mo che ci dia­no ascol­to. De­ve esi­ste­re un’al­ter­na­ti­va».

Al­ta ten­sio­ne Le­ghi­sti ac­cor­si a Ba­gno­li. Più in bas­so, il pre­fet­to Fran­ce­schel­li vi­si­ta la don­na ag­gre­di­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.