IDENTIKIT DEI VENETI IN FU­GA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Vit­to­rio Fi­lip­pi

Dif­fi­ci­le re­si­ste­re. Dif­fi­ci­le re­si­ste­re se la pa­ga è più al­ta del 36 per cen­to, se nel 6,8 per cen­to dei ca­si la qua­li­fi­ca­zio­ne è mi­glio­re, se – in­fi­ne – le op­por­tu­ni­tà di car­rie­ra so­no su­pe­rio­ri nel 21 per cen­to dei la­vo­ri. Que­ste tre per­cen­tua­li – frut­to di una ri­cer­ca (ita­lia­na) dell’Os­ser­va­to­rio so­cio­lo­gi­co del cam­bia­men­to di Pa­ri­gi – la di­ce lun­ga (an­zi, la di­ce tut­ta) sul­la co­sid­det­ta fu­ga dei cer­vel­li, del fat­to cioè che un nu­me­ro cre­scen­te di lau­rea­ti ita­lia­ni va­da a la­vo­ra­re all’este­ro. Che sia cre­scen­te il nu­me­ro lo ha con­fer­ma­to l’Istat po­chi gior­ni fa: lo scor­so an­no so­no sta­ti 115 mi­la gli ita­lia­ni che han­no de­ci­so di tra­sfe­rir­si in un pae­se straniero, un nu­me­ro su­pe­rio­re del 13 per cen­to ri­spet­to al 2015 e che è qua­si tri­pli­ca­to in sei an­ni. Il tas­so emi­gra­to­rio più ele­va­to non vie­ne pe­rò – co­me si po­treb­be pen­sa­re – dal­le re­gio­ni me­ri­dio­na­li più bat­tu­te da di­soc­cu­pa­zio­ne e man­can­za di pro­spet­ti­ve – ma pro­prio dal nor­de­st. Con Bol­za­no al pri­mo po­sto se­gui­to dal Friu­li, da Tren­to e dal Ve­ne­to. Chiu­do­no Cam­pa­nia, Pu­glia e Ba­si­li­ca­ta. In par­ti­co­la­re dal Ve­ne­to si va so­prat­tut­to nel Re­gno Uni­to, tal­lo­na­to nel­le pre­fe­ren­ze da Ger­ma­nia e Fran­cia. Ma se l’emi­gra­zio­ne dei ven­ten­ni (i gio­va­ni dai 21 ai 30 an­ni so­no la mag­gio­ran­za re­la­ti­va) vie­ne per lo più da quel Nor­de­st che ri­ma­ne la pri­ma area del pae­se in ter­mi­ni di qua­li­tà del­lo svi­lup­po, co­me di­ce una re­cen­te ri­cer­ca del­la Fon­da­zio­ne Di Vit­to­rio, al­lo­ra si­gni­fi­ca che il fe­no­me­no non va let­to co­me un fat­to di tra­gi­ca di­soc­cu­pa­zio­ne.

Ma co­me una ri­cer­ca di la­vo­ro at­ti­va ed «au­toim­pren­di­to­rial e» frut­to di una cul­tu­ra del­la mo­bi­li­tà aper­ta e di­na­mi­ca. Spe­ran­do che que­sti gio­va­ni espa­tria­ti di­ven­ti­no an­che buo­ni «am­ba­scia­to­ri» di re­ti e fi­lie­re pro­dut­ti­ve, azien­da­li, scien­ti­fi­che con i ter­ri­to­ri di pro­ve­nien­za. Nell’emi­gra­zio­ne ita­lia­na c’è poi una se­con­da com­po­nen­te, mol­to più con­te­nu­ta ed an­tro­po­lo­gi­ca­men­te del tut­to dif­fe­ren­te. Per mo­ti­va­zio­ni e per età. So­no i pen­sio­na­ti, che van­no a go­der­si la vec­chia­ia in pae­si do­ve il co­sto del­la vi­ta è mi­no­re o il fisco è me­no pe­san­te (e quin­di la pen­sio­ne va­le di più) ed il cli­ma è sem­pre mi­te. An­che qui i nu­me­ri, pur con­te­nu­ti, so­no co­mun­que cre­scen­ti: più di 5 mi­la all’an­no se­con­do l’Inps (un nu­me­ro più che rad­dop­pia­to in cin­que an­ni), di cui 550 dal nor­de­st. Van­no al­le Ca­na­rie, in Por­to­gal­lo ma an­che in Ro­ma­nia, Bul­ga­ria ed Al­ba­nia. E pu­re in ter­ra d’Afri­ca, nel­la di­rim­pet­ta­ia Tu­ni­sia. In­som­ma lon­ta­ni ma vi­ci­ni, se­gno co­mun­que di una glo­ba­liz­za­zio­ne che non è mo­no­po­lio so­lo del la­vo­ro dei gio­va­ni, ma an­che del po­st-la­vo­ro de­gli an­zia­ni. In cer­ca di un «po­sto al so­le» che va­lo­riz­zi pen­sio­ni sem­pre più scar­ne. E se­gno di una men­ta­li­tà «gio­va­ni­liz­za­ta», di­stan­tis­si­ma da quel­la tra­di­zio­nal­men­te an­co­ra­ta ai luo­ghi abi­tua­li ti­pi­ca de­gli an­zia­ni di ie­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.