La rab­bia di Ta­ma­ra: «Mi ha af­fer­ra­to il col­lo e mi ha tra­sci­na­ta via»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - A. T. C. © RIPRODUZIONE RISERVATA

BA­GNO­LI DI SO­PRA (PA­DO­VA) «E’ spun­ta­to dal nul­la, mi ha af­fer­ra­to al col­lo da die­tro. Mi ha pic­chia­to, tra­sci­na­to per al­cu­ni me­tri. Ho lot­ta­to, so­no riu­sci­ta a li­be­rar­mi e a scap­pa­re. Ho cor­so fin­ché non ho bloc­ca­to una mac­chi­na che sta­va ar­ri­van­do pro­prio in quel mo­men­to. Al vo­lan­te c’era una don­na e le ho chie­sto di aiu­tar­mi. Lei mi ha ac­col­to in au­to e mi ha ac­com­pa­gna­to a ca­sa, dai miei ge­ni­to­ri. Quan­do so­no en­tra­ta in ca­sa, pian­ge­vo io, ma pian­ge­va an­che la mia soc­cor­ri­tri­ce».

Il gior­no do­po la tre­men­da espe­rien­za, Ta­ma­ra è an­co­ra trop­po scos­sa, par­la a fa­ti­ca. Dif­fi­ci­le, per lei, an­che so­lo fa­re le sca­le per en­tra­re in ca­sa: al rien­tro dall’ospe­da­le, ve­ner­dì se­ra, han­no do­vu­to sol­le­var­la in brac­cio per ac­com­pa­gnar­la fuo­ri dall’au­to. Trop­po il do­lo­re fi­si­co pro­va­to per le per­cos­se che le han­no la­scia­to una co­sto­la rot­ta gua­ri­bi­le in un me­se. E’ so­prat­tut­to il ter­ro­re per quan­to vis­su­to, pe­rò, ad ab­bat­ter­la. Il san­gue fred­do e la for­za di­mo­stra­ti ve­ner­dì se­ra, quan­do è riu­sci­ta a di­fen­der­si da so­la e a scap­pa­re dal suo ag­gres­so­re, han­no la­scia­to il po­sto al­la stan­chez­za, al bi­so­gno di sta­re da so­la. In­tor­no a lei, la fa­mi­glia si è chiu­sa a ric­cio per pro­teg­ger­la, co­sì co­me i vi­ci­ni e i re­si­den­ti di San Si­ro, tut­ti stra­vol­ti. Quel­la stra­da do­ve è sta­ta sor­pre­sa, Ta­ma­ra la co­no­sce­va be­ne. «Tut­ti i po­me­rig­gi, quan­do rien­tra­vo da Pa­do­va al ter­mi­ne del la­vo­ro, fa­ce­vo lo stes­so per­cor­so per una pas­seg­gia­ta o una cor­sa. Non era mai suc­ces­so nul­la. Mai nes­su­no pri­ma mi ave­va im­por­tu­na­to. Mi sen­ti­vo al si­cu­ro qui, è ca­sa mia. Que­sto pe­rò fi­no a ve­ner­dì». Le fe­ri­te su­bi­te so­no an­co­ra trop­po fre­sche per tro­va­re la for­za di pen­sa­re al fu­tu­ro, per ca­pi­re co­sa suc­ce­de­rà nei pros­si­mi gior­ni. Quel­lo che è cer­to è che pas­se­rà mol­to tem­po pri­ma che rie­sca a tro­va­re il co­rag­gio di in­dos­sa­re di nuo­vo le scar­pe da jog­ging e per­cor­re­re la stes­sa pi­sta ci­cla­bi­le, a po­che cen­ti­na­ia di me­tri da ca­sa, do­ve è sta­ta ag­gre­di­ta.

Ie­ri mat­ti­na, nel­la vil­let­ta di San Si­ro do­ve Ta­ma­ra vi­ve, è ar­ri­va­to il pre­fet­to di Pa­do­va Re­na­to Fran­ce­schel­li. Era sta­to il sin­da­co di Ba­gno­li, Ro­ber­to Mi­lan, a sol­le­ci­ta­re quell’in­con­tro do­po l’ag­gres­sio­ne («Va­da­no ora lo­ro a scu­sar­si per quel­lo che le è ca­pi­ta­to», ave­va tuo­na­to Mi­lan ve­ner­dì se­ra). «Il pre­fet­to ci ha as­si­cu­ra­to che stan­no la­vo­ran­do du­ra­men­te – rac­con­ta il pa­dre del­la don­na, pic­co­lo im­pren­di­to­re in pen­sio­ne - e che fa­ran­no di tut­to per tro­va­re il re­spon­sa­bi­le. Ma co­me, se ve­ner­dì mat­ti­na stes­so al­la ba­se di San Si­ro so­no ar­ri­va­ti al­tri 60 pro­fu­ghi? Co­me si può an­da­re avan­ti co­sì? Non c’è più si­cu­rez­za, que­sta non è vi­ta».

Ta­ma­ra Que­sta era ca­sa mia, mi sen­ti­vo al si­cu­ro Ora non più Il pa­dre Ci di­co­no: in­ter­ver­re­mo. Ma co­me? Ne so­no ar­ri­va­ti al­tri 60...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.