Pa­di­glio­ne Ita­lia Il mon­do ma­gi­co di Ce­ci­lia Ale­ma­ni

BIENNALE ARTE La cu­ra­tri­ce del Pa­di­glio­ne Ita­lia Ale­ma­ni sve­la l’espo­si­zio­ne che dal 13 mag­gio sa­rà a Ve­ne­zia. Pro­ta­go­ni­sti Giorgio An­dreot­ta Ca­lò, Ro­ber­to Cuo­ghi e Ade­li­ta Hu­sni-Bey

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - D’Ascen­zo

Il «mon­do ma­gi­co» di Ce­ci­lia Ale­ma­ni, na­ta a Mi­la­no, clas­se 1977, scel­ta qua­si un an­no fa dal mi­ni­ste­ro dei Be­ni cul­tu­ra­li per cu­ra­re il Pa­di­glio­ne Ita­lia al­la pros­si­ma Biennale d’Arte di Ve­ne­zia, è il mon­do di tre ar­ti­sti na­ti tra gli an­ni ‘70 e gli an­ni ‘80: Ro­ber­to Cuo­ghi, Giorgio An­dreot­ta Ca­lò e Ade­li­ta Hu­sni-Bey. Il pro­get­to è sta­to pre­sen­ta­to ie­ri a Roma e il Pa­di­glio­ne Ita­lia sa­rà aper­to dal 13 mag­gio al 26 no­vem­bre ne­gli spa­zi del­le due Te­se del­le Ver­gi­ni e del Giar­di­no del­le Ver­gi­ni all’Ar­se­na­le: qua­si 3mi­la me­tri qua­dri. La Ale­ma­ni da an­ni vi­ve a New York, do­ve dal 2011 cu­ra il pro­gram­ma d’arte pub­bli­ca del­la Hi­gh Li­ne. E’ spo­sa­ta con Mas­si­mi­lia­no Gio­ni, cu­ra­to­re del­la Biennale d’Arte del 2013 e da po­co è di­ven­ta­ta mam­ma.

La ve­ra no­ti­zia è che nel Pa­di­glio­ne Ita­lia ci sa­ran­no «so­lo» tre ar­ti­sti! Ha re­si­sti­to al­le pres­sio­ni?

«Ma, a par­te qual­che pro­po­sta su Fa­ce­book non ho ri­ce­vu­to gran­di ri­chie­ste! Il ban­do del mi­ni­ste­ro era chia­ro fin dall’ini­zio: gli ar­ti­sti do­ve­va­no es­se­re in un nu­me­ro li­mi­ta­to. Gli al­tri Pa­di­glio­ni han­no un ar­ti­sta so­lo e han­no più suc­ces­so del no­stro...Ri­ten­go che il no­stro Pa­di­glio­ne deb­ba es­se­re an­che il po­sto do­ve cor­re­re dei ri­schi e non si­ste­ma­tiz­za­re. Ho vo­lu­to da­re fi­du­cia ai no­stri gio­va­ni ar­ti­sti e non met­ter­li sul­le spal­le dei mae­stri de­gli an­ni ‘70».

Il mon­do ma­gi­co. Da do­ve vie­ne que­sto ti­to­lo?

«L’ispi­ra­zio­ne è un li­bro di Er­ne­sto De Mar­ti­no, fi­lo­so­fo e an­tro­po­lo­go na­po­le­ta­no del se­co­lo scor­so che scris­se nel ‘48. Era il pri­mo li­bro in cui De Mar­ti­no ini­ziò a stu­dia­re il con­cet­to di ma­gia che per lui era quel­lo stru­men­to con cui l’uma­ni­tà e gli uo­mi­ni po­te­va­no vin­ce­re un mo­men­to di cri­si esi­sten­zia­le riaf­fer­man­do la pro­pria pre­sen­za nel mon­do. Con que­sta len­te ho let­to il la­vo­ro di tre ar­ti­sti la cui ope­ra è ric­ca di ri­fe­ri­men­ti al mi­to, al­la mi­to­lo­gia e all’im­ma­gi­na­rio. Que­sto non vuol di­re che ci sa­ran­no le stre­ghe in mo­stra! Vo­glia­mo guar­da­re all’ar­ti­sta non so­lo co­me pro­dut­to­re di opere ma an­che co­me un ar­te­fi­ce di mon­di com­ples­si e uni­ver­si pa­ral­le­li. La mia spe­ran­za è che en­tran­do nel Pa­di­glio­ne si pos­sa ave­re un’espe­rien­za del­le opere leg­gen­do­le at­tra­ver­so un ri­fe­ri­men­to al ma­gi­co. Gli ar­ti­sti so­no sta­ti in­vi­ta­ti a crea­re un dia­lo­go pro­fon­do con la strut­tu­ra - bel­lis­si­ma - co­strui- ta nell’800 co­me de­po­si­to del car­bo­ne e non a “com­bat­ter­la” co­me in pas­sa­to».

Ci par­li dei suoi ar­ti­sti.

«Giorgio An­dreot­ta Ca­lò è un ve­ne­zia­no doc, ha una car­rie­ra in­ter­na­zio­na­le ini­zia­ta ad Am­ster­dam, poi è tor­na­to a vi­ve­re qui. I suoi la­vo­ri so­no estre­ma­men­te con­nes­si col pae­sag­gio la­gu­na­re ed è uno dei mo­ti­vi per cui l’ho scel­to. Ro­ber­to Cuo­ghi è il più co­no­sciu­to del grup­po, è un ar­ti­sta la cui ope­ra si in­cen­tra sul con­cet­to di me­ta­mor­fo­si e tra­sfor­ma­zio­ne dell’iden­ti­tà. Pro­du­ce opere con me­dia di­ver­si, al­la Biennale ci sa­ran­no una se­rie di scul­tu­re. L’al­tra ar­ti­sta è Ade­li­ta Hu­ni-Bey, è la più gio­va­ne, vi­ve a New York e fa vi­deo. Lei fa work­shop con al­cu­ne co­mu­ni­tà, co­me ado­le­scen­ti, bam­bi­ni o pen­sio­na­ti, pas­sa in­sie­me a lo­ro di­ver­se set­ti­ma­ne e met­te in at­to di­na­mi­che pre­se dal tea­tro spe­ri­men­ta­le o dal­la pe­da­go­gia ra­di­ca­le e con que­ste crea una nuo­va di­na­mi­ca nel grup­po».

L’arte con­tem­po­ra­nea è rim­pro­ve­ra­ta di es­se­re crip­ti­ca. Non te­me que­sto giu­di­zio per il suo Pa­di­glio­ne?

«Ho su­pe­ra­to l’idea che l’arte sia crip­ti­ca. Pen­so che per fun­zio­na­re l’ope­ra d’arte deb­ba ave­re di­ver­si pun­ti di en­tra­ta. Io che so­no ma­ga­ri più den­tro all’arte pos­so leg­ge­re dei ri­fe­ri­men­ti, un’al­tra per­so­na può leg­ger­la in ma­nie­ra com­ple­ta­men­te di­ver­sa. La for­za dell’arte è quel­la di aprir­si a un dia­lo­go».

Cuo­ghi era sta­to se­le­zio­na­to an­che da suo ma­ri­to nel 2013. Im­ba­raz­zi?

«E’ uno de­gli ar­ti­sti più fa­mo­si in Ita­lia. Non l’ho sco­per­to cer­to gra­zie a Mas­si­mi­lia­no. Ro­ber­to era sta­to scel­to an­che nel 2009. Gli ar­ti­sti non ap­par­ten­go­no ai cu­ra­to­ri. Non si­gni­fi­ca che se mio ma­ri­to lo met­te in una mo­stra io non ci pos­so la­vo­ra­re o lui non pos­sa la­vo­ra­re con Ade­li­ta. La co­sa bel­la di fa­re lo stes­so la­vo­ro è an­che la pos­si­bi­li­tà di ave­re un dia­lo­go, uno scam­bio. E’ un fat­to, sia­mo spo­sa­ti: ma non c’è nes­sun pro­ble­ma».

Cu­ra­tri­ce Ce­ci­lia Ale­ma­ni scel­ta per il Pa­di­glio­ne Ita­lia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.