Do­po aver uc­ci­so l’ex in­cin­ta Mi­hail è an­da­to al Bin­go

Mi­hail da­van­ti al giu­di­ce. La ma­dre di Iri­na, mor­ta in­cin­ta: «Re­sti per sem­pre in cel­la»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Cit­ter

CO­NE­GLIA­NO Mi­hail Sav­ciuc, do­po aver uc­ci­so a sas­sa­te e na­sco­sto nel fos­sa­to la sua ex fi­dan­za­ta Iri­na, ri­ma­sta in­cin­ta, 21 an­ni, è an­da­to a gio­ca­re al Bin­go a Co­ne­glia­no. «Sfo­gan­do» co­sì il ner­vo­si­smo. Lo stu­den­te di 19 an­ni, ie­ri è sta­to in­ter­ro­ga­to da­gli in­qui­ren­ti e il suo av­vo­ca­to ha chie­sto i do­mi­ci­lia­ri. Ma ri­mar­rà in car­ce­re. «De­ve re­star­ci per sem­pre», è la du­ra rea­zio­ne del­la mam­ma di Iri­na.

CO­NE­GLIA­NO Men­tre sul cor­po di Iri­na e del suo bam­bi­no, le fat­tez­ze del­la mor­te pren­de­va­no il po­sto di quel­le del­la vi­ta, Mi­hail Sav­ciuc gio­ca­va al Bin­go a Co­ne­glia­no. Co­sì, lo stu­den­te 19en­ne di Go­de­ga Sant’Ur­ba­no, ha rea­gi­to all’enor­mi­tà dell’or­ro­re che ave­va ap­pe­na com­mes­so. Sfo­gan­do il ner­vo­si­smo ac­cu­mu­la­to con­tro l’ex fi­dan­za­ta tra car­tel­le ed estra­zio­ni di nu­me­ri, nel­la spe­ran­za di af­fer­ra­re una qual­che vin­ci­ta.

Sen­ti­va di aver già vin­to quel­la not­te Mi­hail, eli­mi­nan­do Iri­na Ba­cal, l’ex fi­dan­za­ta 20en­ne che vo­le­va a tut­ti i co­sti di­ven­ta­re la ma­dre di suo fi­glio, il pic­co­lo che por­ta­va in grem­bo da cir­ca 6 me­si. Con lei di­scu­te­va da set­ti­ma­ne, cer­can­do di con­vin­cer­la a sba­raz­zar­si di quel pic­co­lo che lui non vo­le­va. Lo ha con­fes­sa­to ie­ri, du­ran­te l’in­ter­ro­ga­to­rio di convalida da­van­ti al gip Bru­no Ca­sciar­ri e al so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re Ma­ra Gio­van­na De Do­nà. Ha con­fer­ma­to quan­to ave­va già con­fes­sa­to mer­co­le­dì not­te, quan­do ha por­ta­to gli in­qui­ren­ti nel bo­sco di via Man­za­na a For­me­ni­ga, mo­stran­do lo­ro do­ve ave­va na­sco­sto il cor­po del­la gio­va­ne. E ha rac­con­ta­to che, do­po aver­la uc­ci­sa, con quel­la che gli in­qui­ren­ti de­fi­ni­sco­no una «cru­del­tà ef­fe­ra­ta», ha ri­pre­so la mac­chi­na e per­cor­so al con­tra­rio i tor­nan­ti dei col­li tra Vit­to­rio Ve­ne­to e Co­ne­glia­no, rag­giun­gen­do la sa­la Bin­go al Bi­scio­ne do­ve, con quel­le stes­se ma­ni con le qua­li po­co pri­ma le ave­va sfon­da­to il cra­nio a sas­sa­te per poi fi­nir­la stran­go­lan­do­la, ha gio­ca­to con nu­me­ri e pe­di­ne. «Vo­le­vo sta­re un po’ per con­to mio, per sfo­ga­re il ner­vo­si­smo» ha spie­ga­to.

Sem­pre fred­do, sem­pre sprez­zan­te. An­che do­po un gior­no pas­sa­to in car­ce­re, da­van­ti al giu­di­ce si è pre­sen­ta­to con il di­stac­co ri­ser­va­to an­che agli in­ve­sti­ga­to­ri del com­mis­sa­ria­to che lo han­no fat­to crol­la­re do­po ore di in­ter­ro­ga­to­rio. «Non ave­vo in­ten­zio­ne di uc­ci­der­la quan­do l’ho por­ta­ta lì. Ho per­so la te­sta» ha ri­pe­tu­to im­pas­si­bi­le.

Il suo av­vo­ca­to Da­nie­le Pa­ni­co, ha chie­sto al gip di va­lu­ta­re la pos­si­bi­li­tà di una mi­su­ra al­ter­na­ti­va al car­ce­re, vi­sta la gio­va­ne età del ra­gaz­zo. Ma, stan­te an­che il pa­re­re ne­ga­ti­vo del­la pro­cu­ra, l’istan­za è sta­ta re­spin­ta. E co­sì Mi­hail è tor­na­to in cel­la, con le ac­cu­se di omi­ci­dio plu­riag­gra­va­to dal­lo sta­to di gra­vi­dan­za di Iri­na e dal fat­to di aver com­mes­so il de­lit­to di not­te, ol­tre che di oc­cul­ta­men­to di ca­da­ve­re. Al­le qua­li po­treb­be ag­giun­ger­si quel­la del­la cru­del­tà riservata al­la vit­ti­ma.

Per con­te­star­la la pro­cu­ra at­ten­de l’esi­to dell’au­top­sia, che sa­rà ese­gui­ta la pros­si­ma set­ti­ma­na e che ser­vi­rà an­che a sta­bi­li­re l’esat­ta età ge­sta­zio­na­le del bam­bi­no: «Non cre­do ab­bia an­co­ra rea­liz­za­to dav­ve­ro la por­ta­ta di quel­lo che è suc­ces­so – spie­ga il suo av­vo­ca­to Da­nie­le Pa­ni­co -. Non par­la, è co­me iso­la­to dal mon­do. Og­gi quan­do l’ho ri­vi­sto ave­va gli oc­chi lu­ci­di, ma poi è tor­na­to ad es­se­re di­stac­ca­to, pen­so per­ché non rie­sce ad ester­na­re il do­lo­re che ha den­tro».

Se­con­do il suo le­ga­le Mi­hail sa­reb­be pen­ti­to, an­che se è dif­fi­ci­le cre­der­lo di un ra­gaz­zo ca­pa­ce di uc­ci­de­re l’ex fi­dan­za­ta in­cin­ta e su­bi­to do­po an­da­re a gio­ca­re al Bin­go. Non ci cre­de mam­ma Ga­lea che ie­ri è sta­ta per ore nell’ap­par­ta­men­to di via Mar­ti­ri do­ve Iri­na vi­ve­va, per rac­co­glie­re gli abi­ti e gli og­get­ti che rac­con­ta­no la vi­ta di una fi­glia per­sa per sem­pre. Con lei la so­rel­la, con la qua­le vi­ve a Co­ne­glia­no, che non trat­tie­ne la sua rab­bia: «La mia ni­po­ti­na è sta­ta uc­ci­sa da un cri­mi­na­le. De­ve pa­ga­re». E’ di­spe­ra­zio­ne pu­ra quel­la che si leg­ge ne­gli oc­chi di que­ste don­ne che, emi­gra­te in Ita­lia per cer­ca­re un fu­tu­ro mi­glio­re, han­no vi­sto il lo­ro be­ne più pre­zio­so spro­fon­da­re in un abis­so di odio e mor­te: «Ci ha ru­ba­to due an­ge­li. Mia fi­glia non tor­na più, ma nem­me­no lui de­ve più tor­na­re: de­ve ri­ma­ne­re in cel­la per­ché è un cri­mi­na­le».

L’as­sas­si­no In au­la è ri­ma­sto fred­do, qua­si sprez­zan­te. Il le­ga­le: «Con me ave­va gli oc­chi lu­ci­di, ma non rie­sce an­co­ra a ester­na­re il suo do­lo­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.