«Oc­ci­den­te sot­to as­se­dio La gen­te si fa­rà giu­sti­zia»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Glo­ria Ber­ta­si

«Ap­pli­co la leg­ge al mas­si­mo ma le nor­me van­no ri­vi­ste». Il giu­di­ce An­ge­lo Ma­sco­lo te­me che i cit­ta­di­ni ini­zi­no a far­si giu­sti­zia da so­li e in­vo­ca leg­gi che ga­ran­ti­sca­no la cer­tez­za del­la pe­na. «Og­gi tu­te­lia­mo i cri­mi­na­li, non le vit­ti­me».

TRE­VI­SO Giu­di­ce Ma­sco­lo, ha sol­le­va­to un gran pol­ve­ro­ne con la sua let­te­ra. «An­che lei...» An­che io?

«Mi stan­no chia­man­do pro­prio tut­ti ma io mi so­no so­lo tro­va­to in una si­tua­zio­ne che mi ha fat­to pau­ra e ho sem­pli­ce­men­te det­to che d’ora in poi, gi­re­rò ar­ma­to, non di gior­no e non sem­pre ma se qual­che se­ra esco, sì. Mai fa­rei io il pri­mo pas­so, agi­rei so­lo se mes­so al­le stret­te».

Può un giu­di­ce par­la­re co­me un cit­ta­di­no per un epi­so­dio che lo ha coin­vol­to?

«Ve­de, quan­do nel 1978 ar­ri­vai a Tre­vi­so da Co­sen­za la gen­te la­scia­va la bor­sa in au­to sen­za pro­ble­mi, spes­so nem­me­no chiu­de­va il vei­co­lo: ne ri­ma­si scon­vol­to. Ora, non è più pos­si­bi­le e non è giu­sto». Dal ’78 a og­gi il mon­do è cam­bia­to. «Non do­ve­va e il pro­ble­ma non è l’ac­qua, ma il tu­bo». For­se la me­ta­fo­ra ci sfug­ge, il tu­bo è lo Sta­to?

«Se il ter­ri­to­rio è la­scia­to a se stes­so... I con­tin­gen­ti del­le for­ze dell’or­di­ne so­no scar­sis­si­mi, l’età è ele­va­ta, fan­no fin trop­po. So­no en­co­mia­bi­li ma ser­ve di più, con tut­te que­ste nuove pre­sen­ze: pri­ma i mi­gran­ti dall’Est, ora dal Sud». Il suo è un j’ac­cu­se pe­san­te. «Ma qua­le j’ac­cu­se: io non sto ac­cu­san­do nes­su­no».

Beh, di­ce che lo Sta­to ha ab­ban­do­na­to il ter­ri­to­rio…

«Lo Sta­to ha ab­di­ca­to il suo ruo­lo, la leg­ge tu­te­la il col­pe­vo­le: se ac­col­tel­lo qual­cu­no e pat­teg­gio, la vit­ti­ma at­ten­de die­ci an­ni, os­sia la fi­ne del pro­ces­so ci­vi­le, per il ri­sar­ci­men­to. Le pa­re pos­si­bi­le? Que­sto è tu­te­la­re la de­vian­za. E c’è un buo­ni­smo pe­lo­so, non è mai col­pa di chi com­bi­na guai. Al­la fi­ne chi com­pie at­ti il­le­ci­ti ti ri­de die­tro, non può con­ti­nua­re co­sì, c’è il ri­schio che i cit­ta­di­ni si fac­cia­no giu­sti­zia da so­li. L’oc­ci­den­te è sot­to as­se­dio e noi di­squi­sia­mo. La sto­ria ci in­se­gna che quan­do si ar­ri­va a que­sti li­vel­li, ac­ca­de sem­pre qual­co­sa. Ne­gli an­ni bui del ter­ro­ri­smo, non suc­ces­se nul­la fi­no all’omi­ci­dio Mo­ro. Do­vre­mo aspet­ta­re che col­pi­sca­no un po­li­ti­co?».

Nel­la sua di­sav­ven­tu­ra stra­da­le, in­se­gui­to da ba­lor­di, lei non ha avu­to pro­ble­mi a tro­va­re una vo­lan­te dei ca­ra­bi­nie­ri. Lo Sta­to c’era... «Ho so­lo avu­to la for­tu­na

sfac­cia­ta di tro­var­li do­po po­chi chi­lo­me­tri, ho fat­to i fa­ri e si so­no su­bi­to fer­ma­ti, so­no sta­ti bra­vis­si­mi». Co­sa cam­bie­reb­be?

«La leg­ge va re­sa più agi­le, io dav­ve­ro non ca­pi­sco a che ser­va tut­to que­sto buo­ni­smo. Uno che com­pie un rea­to ac­cer­ta­to de­ve an­da­re in pri­gio­ne. Le di­rò di più, io pri­va­tiz­ze­rei le car­ce­ri, og­gi so­no po­che e co­me ci so­no le cli­ni­che sa­ni­ta­rie pri­va­te, per­ché non ave­re an­che car­ce­ri pri­va­te? Ov­via­men­te le per­so­ne van­no trat­ta­te con uma­ni­tà ma ser­ve cer­tez­za del­la pe­na». Qual­co­sa non tor­na, ha cam­bia­to idee per ca­so? «No, per­ché?»

In pas­sa­to è sta­to ac­cu­sa­to dal­la Le­ga Nord di es­se­re trop­po do­ci­le e ga­ran­ti­sta. Sen­za gi­ri di pa­ro­le: un’am­maz­za­sen­ten­ze dal­la scar­ce­ra­zio­ne fa­ci­le...

«Per il ca­so dell’ara­bo, ve­ro. Ma era con la gam­ba rot­ta, in­ges­sa­ta, non po­te­vo espel­ler­lo. Nel ca­so in­ve­ce dei fi­nan­zie­ri (a lu­glio Ma­sco­lo mi­se in li­ber­tà due fi­nan­zie­ri e un im­pren­di­to­re ac­cu­sa­ti di cor­ru­zio­ne per due oro­lo­gi da 5 mi­la eu­ro, ndr): era­no sta­ti im­pru­den­ti, non cor­rot­ti. Io ap­pli­co la leg­ge e co­me di­ce­va Pé­tain (Phi­lip­pe, il ma­re­scial­lo che go­ver­nò la Fran­cia sot­to l’oc­cu­pa­zio­ne na­zi­sta, ndr): la via del do­ve­re è sem­pre quel­la più dif­fi­ci­le».

Ma­sco­lo Lo Sta­to ha ab­di­ca­to al suo ruo­lo, la leg­ge tu­te­la il col­pe­vo­le

Il giu­di­ce An­ge­lo Ma­sco­lo, in ser­vi­zio a Tre­vi­so, non è nuo­vo a di­chia­ra­zio­ni ecla­tan­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.