LO SPORT CI­VI­LE CHE SA IN­CLU­DE­RE

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Da­nie­le Rea © RIPRODUZIONE RISERVATA

La pre­mes­sa è d’ob­bli­go: co­me tut­te le co­se che funzionano ha il do­no del­la sem­pli­ci­tà. In­clu­sio­ne, al­lar­ga­men­to del­la ba­se, fa­re grup­po. Non la­scia­re che qual­cu­no re­sti in­die­tro o si sen­ta «me­no» di qual­cun al­tro. Peg­gio an­co­ra, che qual­cu­no si sen­ta so­lo, esclu­so o di­ver­so pri­ma an­co­ra di es­se­re di­ven­ta­to un gio­va­ne adul­to. La ri­cet­ta, nien­te af­fat­to mi­ra­co­lo­sa ma «so­lo» buo­na, si tro­va nel­le pra­ti­che che ogni gior­no, dal lu­ne­dì al­la do­me­ni­ca, ven­go­no mes­se sul cam­po da mi­glia­ia di so­cie­tà spor­ti­ve in Ve­ne­to. Due esem­pi nel ba­sket, quel ba­sket che tan­ti sor­ri­si sta re­ga­lan­do in se­rie A con l’Uma­na Reyer Ve­ne­zia e in A2 con Uni­ver­so Tre­vi­so. Ma non è, per una vol­ta, dell’aspet­to pro­fes­sio­ni­sti­co che va­le la pe­na di par­la­re, per­ché die­tro ai cam­pio­ni che at­ti­ra­no mi­glia­ia di ap­pas­sio­na­ti al pa­la­sport c’è un la­vo­ro du­ris­si­mo e fa­ti­co­so a li­vel­lo gio­va­ni­le, sco­la­sti­co e non so­lo. Qua­si 700 ra­gaz­zi­ni nei set­to­ri gio­va­ni­li del­le due so­cie­tà pro­fes­sio­ni­sti­che, che ar­ri­va­no a nu­me­ri da ca­po­gi­ro (ol­tre cin­que­mi­la) in­clu­den­do an­che le so­cie­tà sa­tel­li­te. Dal mi­ni­ba­sket al­le Un­der ci stan­no den­tro bam­bi­ni e ra­gaz­zi che non so­lo pra­ti­ca­no uno sport, con tut­to quel­lo che si­gni­fi­ca nel­la cre­sci­ta, ma si sen­to­no par­te di un pro­get­to am­pio, con­di­vi­so, ri­co­no­sci­bi­le, sano. Spaz­zia­mo su­bi­to il cam­po dai di­stin­guo più im­me­dia­ti: al­le­va­re il ta­len­to so­praf­fi­no o il ra­gaz­zo con stof­fa suf­fi­cien­te per ta­glia­re al­me­no una bel­la giac­ca pia­ce a tut­ti. E i più do­ta­ti avran­no sem­pre la chan­ce di fa­re del­lo sport una pro­fes­sio­ne. Ma l’obiet­ti­vo non è più so­lo que­sto. Il pro­get­to Reyer con­ta, ol­tre al set­to­re gio­va­ni­le oro­gra­na­ta, al­tre 23 so­cie­tà che fan­no ri­fe­ri­men­to a un pro­gram­ma uni­co e do­ve la pa­ro­la d’or­di­ne non è «tu esci» ben­sì «tu ci stai». A Tre­vi­so c’è un li­vel­lo ec­cel­len­za per le gio­va­ni­li e al­tre squa­dre, sem­pre del­la stes­sa an­na­ta spor­ti­va, a li­vel­li di­ver­si per con­sen­ti­re a tut­ti di gio­ca­re al­lo step che com­pe­te e do­ve cia­scun ra­gaz­zi­no è par­te in­te­gran­te di un grup­po. Può usci­re al po­me­rig­gio di ca­sa con la bor­sa e sa­pe­re che tro­ve­rà uno spa­zio per fa­re sport, tro­va­re ami­ci, sta­re in grup­po, im­pa­ra­re a di­fen­de­re i pro­pri spa­zi ma a ri­spet­ta­re quel­li al­trui. A Ve­ne­zia la Reyer or­ga­niz­za un tor­neo sco­la­sti­co in più fa­si per gli isti­tu­ti su­pe­rio­ri tra pro­vin­ce di Ve­ne­zia, Pa­do­va e Tre­vi­so con 40 scuo­le e 500 ra­gaz­zi coin­vol­ti: sa­ba­to 8 apri­le le fi­na­li al pa­la­sport Ta­lier­cio. At­ten­zio­ne, non è po­co: cin­que­cen­to ra­gaz­zi del­le scuo­le che pic­chia­no la pal­la a spic­chi su un par­quet è un nu­me­ro che me­ri­ta una ri­fles­sio­ne sul va­lo­re an­che eti­co di in­ve­sti­re nel­le «buo­ne pra­ti­che».

con­ti­nua a pa­gi­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.