Ve­ro­na, il can­di­da­to de­ci­so a Roma ri­schia di far esplo­de­re il cen­tro­de­stra

L’ac­cor­do sull’as­se Sal­vi­ni-Ghe­di­ni scon­ten­ta tut­ti. I retroscena e il pe­so del pa­stic­cio di Pa­do­va

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA La svol­ta del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le per le co­mu­na­li di Ve­ro­na ri­sa­le a set­te gior­ni fa. Roma, mer­co­le­dì po­me­rig­gio, Nic­co­lò Ghe­di­ni per For­za Ita­lia e Gian­car­lo Gior­get­ti per la Le­ga Nord stan­no di­scu­ten­do del ca­so Ge­no­va. Ma per blin­da­re l’al­lean­za nel ca­po­luo­go li­gu­re i due co­lon­nel­li di Sil­vio Ber­lu­sco­ni e Mat­teo Sal­vi­ni con­ven­go­no che oc­cor­re chiu­de­re la par­ti­ta an­che a Ve­ro­na, do­ve le co­se stan­no pren­den­do una brut­ta pie­ga e il cen­tro­de­stra ri­schia di esplo­de­re. Per ca­pi­re co­me si ar­ri­vi in quel­la se­de ad ac­cor­dar­si - al prez­zo di pe­san­ti stra­sci­chi nei due par­ti­ti, ed in par­ti­co­la­re in For­za Ita­lia, co­me ve­dre­mo tra po­co - sul­la can­di­da­tu­ra di Fe­de­ri­co Sboa­ri­na, av­vo­ca­to e già as­ses­so­re (An e poi Pdl) nel­la pri­ma giun­ta To­si poi tra i fon­da­to­ri dell’as­so­cia­zio­ne Bat­ti­ti, oc­cor­re pe­rò fa­re un pas­so in­die­tro.

Il gior­no di San Va­len­ti­no, 14 feb­bra­io, il Car­roc­cio ha in­di­ca­to co­me can­di­da­to sin­da­co il suo se­na­to­re Pao­lo To­sa­to. Pa­re una mos­sa di cir­co­stan­za, ma ad ogni oc­ca­sio­ne il segretario re­gio­na­le To­ni Da Re e quel­lo ve­ro­ne­se Pao­lo Pa­ter­no­ster ri­pe­to­no: «Con To­sa­to si va fi­no in fon­do». An­che For­za Ita­lia ha un suo can­di­da­to sin­da­co, al­me­no sul­la car­ta: si trat­ta del de­pu­ta­to Al­ber­to Gior­get­ti, ex sot­to­se­gre­ta­rio in tre go­ver­ni (Ber­lu­sco­ni, Mon­ti, Let­ta) e mai te­ne­ro con Fla­vio To­si (do­po la ce­le­bre pun­ta­ta di Re­port chie­de­rà un’in­da­gi­ne sul­le in­fil­tra­zio­ni ma­fio­se nel Co­mu­ne di Ve­ro­na).

È que­sta la si­tua­zio­ne che si tro­va a ge­sti­re il bre­scia­no Adria­no Pa­ro­li, uo­mo di Ghe­di­ni, no­mi­na­to a feb­bra­io com­mis­sa­rio ve­ne­to di For­za Ita­lia do­po il si­lu­ra­men­to di Mar­co Ma­rin per il pa­stic­cio di Pa­do­va. Due i suoi obiet­ti­vi, non fa­cil­men­te con­ci­lia­bi­li: strin­ge­re un’al­lean­za con la Le­ga ma al­lo stes­so tem­po im­pe­di­re che il can­di­da­to sin­da­co sia un le­ghi­sta per­ché,con Lu­ca Za­ia go­ver­na­to­re e do­po la ri­can­di­da­tu­ra di Mas­si­mo Bi­ton­ci a Pa­do­va, i ber­lu­sco­nia­ni non pos­so­no permettersi che il Car­roc­cio si pren­da an­che Ve­ro­na.

Ser­ve una can­di­da­tu­ra di com­pro­mes­so e Pa­ro­li pro­va a gio­car­si la car­ta di Mas­si­mo Fer­ro, im­pren­di­to­re ed ex po­li­ti­co pri­ma de­mo­cri­stia­no e poi for­zi­sta, non­ché ami­co di Ghe­di­ni. Ma il Car­roc­cio non ci sen­te e la par­ti­ta si tra­sfe­ri­sce a Roma. Al tavolo na­zio­na­le che go­ver­na le can­di­da­tu­re sie­de il de­pu­ta­to Al­te­ro Mat­teo­li, con­si­de­ra­to spon­sor di Al­ber­to Gior­get­ti. Ma mer­co­le­dì scor­so, co­me det­to, l’ac­cor­do lo chiu­de il fe­de­lis­si­mo di sem­pre di Ber­lu­sco­ni, Ghe­di­ni.

La con­ver­gen­za ma­tu­ra su Sboa­ri­na, una car­ta che l’eu­ro­par­la­men­ta­re ve­ro­ne­se del­la Le­ga e vi­ce di Sal­vi­ni Lo­ren­zo Fon­ta­na, gran­de re­gi­sta dell’ope­ra­zio­ne,in­ten­de­va gio­car­si da me­si. Mat­teo­li, cui toc­ca l’in­gra­to com­pi­to di av­ver­ti­re Gior­get­ti, ades­so spie­ga: «Fi­no al gior­no del­la pre­sen­ta­zio­ne del­le li­ste può sem­pre suc­ce­de­re di tut­to, ma noi con­si­de­ria­mo la par­ti­ta so­stan­zial­men­te chiu­sa. Di cer­to c’è mol­to mal­con­ten­to sia in una par­te del­la Le­ga che in una Lo­ren­zo Fon­ta­na, eu­ro­par­la­ment are le­ghi­sta e vi­ce di Sal­vi­ni, vie­ne con­si­de­ra­to il gran­de spon­sor dell’ac­cor­do su Sboa­ri­na par­te di For­za Ita­lia».

A pla­ca­re i le­ghi­sti ve­ro­ne­si or­fa­ni di To­sa­to è ar­ri­va­to a Ve­ro­na, ve­ner­dì, Sal­vi­ni in per­so­na, che poi, il lu­ne­dì suc­ces­si­vo, ha ri­ce­vu­to Sboa­ri­na in via Bel­le­rio a Mi­la­no. Al mo­men­to, in­ve­ce, non ri­sul­ta nes­su­na vi­si­ta del can­di­da­to in pec­to­re del cen­tro­de­stra ve­ro­ne­se ad Ar­co­re. Uf­fi­cial­men­te, Ber­lu­sco­ni - cui si so­no ri­vol­ti con una let­te­ra aper­ta al­cu­ni espo­nen­ti ve­ro­ne­si ed ex di For­za Ita­lia de­lu­si dall’in­te­sa - non si oc­cu­pa di que­sta par­ti­ta. Ma tra i suoi fe­de­lis­si­mi ser­peg­gia un ma­lu­mo­re cre­scen­te, se non una ve­ra pro­pria ri­vol­ta, con­tro Ghe­di­ni per un ac­cor­do, quel­lo di Ve­ro­na, ri­te­nu­to Nic­co­lò Ghe­di­ni uo­mo for­te di For­za Ita­lia ha sul­le spal­le il pe­so del pa­stic­cio di Pa­do­va e avreb­be ac­cet­ta­to un can­di­da­to di me­dia­zio­ne pe­na­liz­zan­te per For­za Ita­lia. «Tut­to par­te da Pa­do­va - spie­ga un fe­de­lis­si­mo dell’ex Ca­va­lie­re che chie­de di re­sta­re ano­ni­mo - a pa­ga­re il con­to per la ca­du­ta di Bi­ton­ci è sta­to Ma­rin, ma il ve­ro re­spon­sa­bi­le è Ghe­di­ni, che poi è riu­sci­to pu­re a no­mi­na­re un suo uo­mo co­me Pa­ro­li.

Il suo uni­co in­te­res­se ora è ri­cu­ci­re con la Le­ga, ma l’ac­cor­do su Sboa­ri­na è pe­na­liz­zan­te per noi, per due ra­gio­ni: primo, pur non es­sen­do un le­ghi­sta, è evi­den­te l’im­pri­ma­tur del Car­roc­cio sul­la no­mi­na; se­con­do, è un ci­vi­co del­la no­stra area che ri­schia di svuo­ta­re, per l’en­ne­si­ma vol­ta, For­za Ita­lia».

La si­tua­zio­ne ap­pa­re quin­di ol­tre mo­do in­gar­bu­glia­ta tan­to più che Al­ber­to Gior­get­ti, sca­ri­ca­to in ma­lo mo­do, di­ce ora di con­si­de­rar­si con «le ma­ni li­be­re» e par­la aper­ta­men­te di un ac­cor­do con l’or­mai ex ri­va­le To­si. Un dia­lo­go già av­via­to che avreb­be an­che buo­ne chance di con­cre­tiz­zar­si se il sin­da­co di Ve­ro­na non si fos­se im­pun­ta­to nel can­di­da­re - nel ca­so pro­ba­bi­lis­si­mo in cui il go­ver­no non cam­bi la leg­ge per con­sen­tir­gli un ter­zo mandato - la com­pa­gna se­na­tri­ce (di Ca­stel­fran­co) Pa­tri­zia Bi­si­nel­la.

In que­sto con­te­sto, si at­ten­de a bre­ve la no­ta del Car­roc­cio che do­vreb­be uf­fi­cia­liz­za­re la can­di­da­tu­ra di Sboa­ri­na, cui do­vreb­be se­gui­re quel­la di For­za Ita­lia. Ma chi è fa­mi­lia­re con i tra­va­gli del cen­tro­de­stra ve­ro­ne­se - dal 2002 in poi c’è sta­ta una lun­ga se­que­la di scis­sio­ni - in­vi­ta al­la pru­den­za, ri­cor­dan­do quan­to ac­cad­de die­ci an­ni fa: l’in­di­ca­zio­ne di Fla­vio To­si can­di­da­to uni­co del cen­tro­de­stra al po­sto di Al­fre­do Meoc­ci av­ven­ne so­lo po­che ore pri­ma del ter­mi­ne ul­ti­mo per la pre­sen­ta­zio­ne del­le li­ste.

Mat­teo­li La par­ti­ta è per noi chiu­sa, è ve­ro mol­to scon­ten­to nel­la Le­ga Gior­get­ti Ora ho le ma­ni li­be­re per un ac­cor­do con Fla­vio To­si

Il can­di­da­to Fe­de­ri­co Sboa­ri­na, av­vo­ca­to e già as­ses­so­re (An e poi Pdl) nel­la pri­ma giun­ta To­si è l’uo­mo sul qua­le Ghe­di­ni e Sal­vi­ni so­no d’ac­cor­do

L’av­vo­ca­to

Lo spon­sor

Il sin­da­co Fla­vio To­si, che non può ri­can­di­dar­si e pun­ta sul­la com­pa­gna Bi­si­nel­la, sta al­la fi­ne­stra e spe­ra di ac­co­glie­re i de­lu­si di For­za Ita­lia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.