Via vai di ami­ci ma nes­su­no en­tra so­lo la mo­glie può ve­glia­re Ser­gio

Vo­ci di ten­sio­ni tra fa­mi­glia e staff per l’agenda trop­po fit­ta

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - di Ales­san­dro Mac­ciò © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

PA­DO­VA La cli­ni­ca di Neu­ro­lo­gia è im­mer­sa nel si­len­zio in ci­ma ad una pic­co­la sa­li­ta. Nem­me­no l’arrivo di Ser­gio Gior­da­ni, ri­co­ve­ra­to nel re­par­to di ria­ni­ma­zio­ne da gio­ve­dì not­te, ha scal­fi­to l’at­mo­sfe­ra ovat­ta­ta che cir­con­da la pa­laz­zi­na, do­ve la gior­na­ta è tra­scor­sa sen­za cla­mo­ri e il via­vai di fa­mi­glia­ri e so­ste­ni­to­ri è sta­to qua­si im­per­cet­ti­bi­le. Gior­da­ni, col­pi­to da ische­mia ce­re­bra­le, è sta­to sot­to­po­sto con suc­ces­so a trom­bo­li­si alle 23 di gio­ve­dì, cioè ap­pe­na un pa­io di ore do­po aver per­so co­no­scen­za: l’in­ter­ven­to, tanto tem­pe­sti­vo quan­to prov­vi­den­zia­le, ha scon­giu­ra­to le com­pli­ca­zio­ni le­ga­te ad even­tua­li ac­cu­mu­li di san­gue nel cer­vel­lo e ha po­sto le ba­si per un de­cor­so po­si­ti­vo.

Ie­ri po­me­rig­gio Gior­da­ni (sot­to­po­sto a due vi­si­te cli­ni­che, la pri­ma alle 18 e la se­con­da alle 19) era co­scien­te, reat­ti­vo e col­la­bo­ra­ti­vo, pur muo­ven­do­si e par­lan­do a fa­ti­ca; la vo­ce del pos­si­bi­le tra­sfe­ri­men­to in un cen­tro spe­cia­liz­za­to nel re­cu­pe­ro del lin­guag­gio, cir­co­la­ta in mat­ti­na­ta, è sta­ta sec­ca­men­te smen­ti­ta, da­to che la pro­gno­si ri­ser­va­ta non si può scio­glie­re pri­ma che sia­no tra­scor­se al­me­no 48 ore dal ri­co­ve­ro. In­som­ma, è ancora pre­sto per ca­pi­re qua­li con­se­guen­ze ab­bia avu­to il malore di gio­ve­dì se­ra e ogni con­si­de­ra­zio­ne (com­pre­sa quel­la del ri­tor­no in pi­sta per l’ul­ti­ma fa­se del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le) è ri­man­da­ta ai pri­mi gior­ni del­la pros­si­ma set­ti­ma­na, an­che se l’evo­lu­zio­ne del qua­dro cli­ni­co in­du­ce all’ot­ti­mi­smo e sem­bra che Gior­da­ni pos­sa ri­sta­bi­lir­si com­ple­ta­men­te nel gi­ro di tre set­ti­ma­ne o un me­se al mas­si­mo (giu­sto in tem­po per il primo tur­no).

Ie­ri, in­tan­to, l’uni­ca persona che è ri­ma­sta qua­si sem­pre ac­can­to al can­di­da­to sin­da­co del Pd e del cen­tro­de­stra è la mo­glie Lu­cia Bet­to, an­che per­ché le vi­si­te era­no con­ces­se so­lo ai fa­mi­glia­ri. In mat­ti­na­ta si è vi­sto Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, can­di­da­to sin­da­co di Coa­li­zio­ne ci­vi­ca, un po’ sor­pre­so e con­tra­ria­to dal­la presenza dei fo­to­gra­fi che pre­si­dia­va­no l’in­gres­so del­la cli­ni­ca; nel cor­so del­la gior­na­ta poi so­no ar­ri­va­ti a più ri­pre­se i can­di­da­ti del­la li­sta ci­vi­ca «Gior­da­ni sin­da­co» Chia­ra For­na­sie­ro, Diego Bo­na­vi­na, Si­mo­ne Pil­lit­te­ri e Ni­co­let­ta Bor­sat­to, il gior­na­li­sta di Tv7 Giorgio Bo­ri­le (ami­co per­so­na­le di Gior­da­ni) e il por­ta­vo­ce Fran­co Ta­nel, ma nes­su­no di lo­ro ha po­tu­to var­ca­re la por­ta del­la stan­za che ospi­ta l’ex pre­si­den­te del Calcio Pa­do­va. Lu­cia Bet­to era già fi­ni­ta sot­to i ri­flet­to­ri all’ini­zio del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, quan­do Gior­da­ni ave­va am­mes­so che scen­de­va in cam­po no­no­stan­te la con­tra­rie­tà del­la mo­glie. Per Lu­cia, in­fat­ti, quel­la all’ex sin­da­co Mas­si­mo Bi­ton­ci è una sfi­da in cui il ma­ri­to ha tut­to da per­de­re, ma per Gior­da­ni la vo­lon­tà di re­sti­tui­re al­la cit­tà una par­te di quan­to ri­ce­vu­to ha pre­val­so sul­le pre­mu­re del­la con­sor­te. Suo mal­gra­do, Lu­cia Bet­to ha cam­bia­to le car­te in ta­vo­la an­che ai pen­ta­stel­la­ti: Fran­ce­sca Bet­to, ex con­si­glie­ra co­mu­na­le e can­di­da­ta sin­da­co de­si­gna­ta del M5s, ha pre­fe­ri­to sfi­lar­si pro­prio per la pa­ren­te­la con la mo­glie di Gior­da­ni, che è sua zia.

Nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne pa­re che la fa­mi­glia aves­se chie­sto a Gior­da­ni al­me­no di ral­len­ta­re, ma an­che que­sto con­si­glio è ca­du­to nel vuo­to; gio­ve­dì se­ra, su­bi­to do­po il malore, ci so­no sta­ti al­cu­ni mo­men­ti di ten­sio­ne tra lo staff di Gior­da­ni e i fa­mi­glia­ri, se­con­do cui quan­to ac­ca­du­to era la di­ret­ta con­se­guen­za di un’agenda trop­po fit­ta. E ades­so, se­con­do vo­ci di cor­ri­do­io, la fa­mi­glia la­sce­rà che sia Gior­da­ni a de­ci­de­re se tor­na­re in cam­po o me­no.

2

3

1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.