Bi­ton­ci: «Stop ai con­fron­ti tra i can­di­da­ti»

Il le­ghi­sta: «An­drò a tro­var­lo». Bo­ri­le (M5s): «Pd in­de­bo­li­to». Lo­ren­zo­ni (Coa­li­zio­ne): «La cor­sa con­ti­nua»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mar­co de’ Fran­ce­sco © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

PA­DO­VA A po­co più di un me­se dal­la ban­die­ra a scac­chi, il ful­mi­ne dell’al­tra se­ra. Ov­via­men­te la vi­cen­da per­so­na­le del can­di­da­to Ser­gio Gior­da­ni ha de­sta­to sgo­men­to e pre­oc­cu­pa­zio­ne, al di là del­le pos­si­bi­li con­se­guen­ze po­li­ti­che. Ma la cam­pa­gna elet­to­ra­le va avan­ti e gli al­tri con­cor­ren­ti nel­la cor­sa a pa­laz­zo Mo­ro­ni qual­che do­man­da se la pon­go­no. E ora co­sa ac­ca­drà? Pre­va­le una cer­ta cau­te­la. Il prin­ci­pa­le av­ver­sa­rio di Gior­da­ni, l’ex sin­da­co Mas­si­mo Bi­ton­ci, la met­te co­sì: «An­zi­tut­to, tan­ti au­gu­ri di pron­ta gua­ri­gio­ne. Quan­do sta­rà me­glio an­drò a tro­var­lo, sem­pre che la sua fa­mi­glia sia d’ac­cor­do. Per tut­to il re­sto, si ve­drà. Cer­to, io con­ti­nue­rò per la mia stra­da». Bi­ton­ci, che cor­re per Le­ga, For­za Ita­lia, Fra­tel­li d’Ita­lia e al­cu­ne ci­vi­che, ha chie­sto una sor­ta di mo­ra­to­ria sui con­fron­ti tra can­di­da­ti, an­che se già ca­len­da­riz­za­ti. Su Fa­ce­book scri­ve: «Vi­sto il mo­men­to di par­ti­co­la­re dif­fi­col­tà per Ser­gio Gior­da­ni e la sua fa­mi­glia, chie­do che ven­ga­no so­spe­si i con­fron­ti tra can­di­da­ti a cui lui non po­trà par­te­ci­pa­re. Quan­to è ac­ca­du­to a Gior­da­ni è una co­sa gra­ve: è il mo­men­to del­la vi­ci­nan­za all’uomo, non quel­lo del di­bat­ti­to con dei so­sti­tu­ti tro­va­ti da un mo­men­to all’al­tro dal Pd».

Il can­di­da­to so­ste­nu­to da Coa­li­zio­ne ci­vi­ca, Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, fre­na: «E’ me­glio non di­re nul­la, da­te le cir­co­stan­ze. Cer­to, noi non cam­bia­mo stra­da e con­ti­nuia­mo la no­stra cor­sa co­sì co­me l’ave­va­mo in­tra­pre­sa. È pre­sto, pe­ral­tro, per sa­pe­re se lo sce­na­rio po­li­ti­co cam­bie­rà». Per Lui­gi Spo­sa­to, can­di­da­to in­di­pen­den­te, in­ve­ce, qual­co­sa ri­schia già di cam­bia­re: «Al di là del­la vi­ci­nan­za a Gior­da­ni, che pe­ral­tro in que­sta cam­pa­gna ha da­to tut­to, ci ha mes­so l’ani­ma, e del­la so­li­da­rie­tà al­la sua fa­mi­glia, cre­do che la vi­cen­da pos­sa apri­re nuo­vi sce­na­ri. Nel ca­so in cui si trat­ti di cer­ca­re un nuo­vo ca­po­grup­po, que­sti do­vreb­be se­gui­re la stes­sa stra­te­gia e la stes­sa pro­po­sta po­li­ti­ca di Gior­da­ni, che è a ca­po di li­ste che com­pren­do­no sog­get­ti po­li­ti­ca­men­te di­ver­si. E già que­sto non è fa­ci­le. E poi c’è una que­stio­ne di au­to­re­vo­lez­za — ag­giun­ge il can­di­da­to —. Non è co­sì sem­pli­ce re­pe­ri­re un cit­ta­di­no di pre­sti­gio, che met­ta d’ac­cor­do com­po­nen­ti po­li­ti­ca­men­te ete­ro­ge­nee». Quan­to a sé, Spo­sa­to è ot­ti­mi­sta: «Pun­to al bal­lot­tag­gio».

E poi c’è il M5S. Il can­di­da­to Si­mo­ne Bo­ri­le ren­de no­to, an­zi­tut­to, di es­se­re vi­ci­no a Gior­da­ni: «Mi strin­go al­la fa­mi­glia». E poi è con­vin­to che «co­mun­que va­da­no le co­se, il Pd ne esca in­de­bo­li­to». Per­ché, nel ca­so in cui Gior­da­ni non fos­se in gra­do di con­ti­nua­re la cam­pa­gna elet­to­ra­le, a suo giu­di­zio «si apri­reb­be­ro tre sce­na­ri di mas­si­ma. Il primo pre­ve­de la con­ver­gen­za del­le for­ze che so­sten­go­no Gior­da­ni su Lo­ren­zo­ni — spie­ga Bo­ri­le —. Un’ope­ra­zio­ne mol­to dif­fi­ci­le, da­ta l’in­com­pa­ti­bi­li­tà di po­li­ti­ci cen­tri­sti o di de­stra (che so­sten­go­no Gior­da­ni: Giu­sti­na De­stro, per esem­pio), con l’area po­li­ti­ca rap­pre­sen­ta­ta da Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca. Il se­con­do con­si­ste nel fat­to che si tro­vi un al­tro can­di­da­to. E non è fa­ci­le. C’è tem­po fi­no al 12 mag­gio per de­po­si­ta­re le li­ste e c’è la que­stio­ne del­le fir­me, al­me­no 350. Di mez­zo, c’è il week-end. Ma an­che se si riu­scis­se nell’ope­ra­zio­ne, poi­ché tut­to l’in­ve­sti­men­to po­li­ti­co è sta­to fat­to su Gior­da­ni, il so­sti­tu­to ap­pa­ri­reb­be de­bo­le e i vo­ti di quell’area po­li­ti­ca con­flui­reb­be­ro nel M5S. E, se si va al bal­lot­tag­gio, ini­zia l’in­cu­bo di Bi­ton­ci».

L’in­cu­bo di Bi­ton­ci? «Con noi non può vincere — con­ti­nua Bo­ri­le — noi vin­cia­mo sem­pre al bal­lot­tag­gio. Ma non è il mo­men­to per par­la­re di que­ste co­se. Di po­li­ti­ca par­le­re­mo più avan­ti». Tor­nan­do al can­di­da­to del M5S, c’è un ter­zo sce­na­rio: «È quel­lo in cui Bi­ton­ci vin­ce al primo tur­no. Non è pro­ba­bi­le, ma non va esclu­so». Al di là de­gli sce­na­ri, ie­ri Gior­da­ni, ha ri­ce­vu­to mol­ti mes­sag­gi di so­li­da­rie­tà, co­me quel­li del can­di­da­to sin­da­co del Mo­vi­men­to del­la Fa­mi­glia Car­lo Schie­va­no o quel­lo di For­za Ita­lia Ve­ne­to. La li­sta ci­vi­ca «Gior­da­ni Sin­da­co» in­fi­ne fa sa­pe­re: «Ser­gio è un uomo che non mol­la mai: sa­prà sor­pren­de­re tut­ti an­che que­sta vol­ta. Si ri­pren­de­rà».

I so­ste­ni­to­ri di Gior­da­ni Ser­gio non mol­la mai, sor­pren­de­rà tut­ti an­che sta­vol­ta. Su­pe­ra­to lo spa­ven­to, si ri­pren­de­rà

L’av­ver­sa­rio Mas­si­mo Bi­ton­ci, ex sin­da­co di Pa­do­va, è di nuo­vo in cor­sa per la stes­sa ca­ri­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.