Da Ber­lu­sco­ni a Giordani, se la ma­lat­tia ir­rom­pe in politica: ma gio­va o ro­vi­na?

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Di Fran­ce­sco Chia­mu­le­ra © RIPRODUZIONE RISERVATA

uan­do il lea­der si am­ma­la. È una sto­ria lun­ga quel­la che sta die­tro all’ul­ti­mo, sfor­tu­na­to ca­so di Ser­gio Giordani, col­pi­to da un at­tac­co ische­mi­co ma ri­ma­sto in cor­sa per la ca­ri­ca di sin­da­co di Pa­do­va e ora in buo­ne con­di­zio­ni. Il rac­con­to dei po­li­ti­ci e del­le lo­ro sven­tu­re du­ran­te e do­po le cam­pa­gne elet­to­ra­li è fat­to di epos, di dram­mi e a vol­te an­che di qual­che iro­nia. Ce ne pas­sa, per esem­pio, dall’at­ten­ta­to di Pal­lan­te a To­gliat­ti (era il 14 lu­glio 1948, «as­si­cu­ro ai com­pa­gni che sa­prò es­se­re di nuo­vo al mio po­sto di la­vo­ro», dis­se, ico­ni­ca­men­te, il se­gre­ta­rio PCI), al pre­si­den­te del­la Puglia Mi­che­le Emi­lia­no, che si è col­le­ga­to qual­che set­ti­ma­na fa con il con­gres­so del Pd dal let­to di ospe­da­le, ope­ra­to per un ten­di­ne di Achil­le pro­cu­ra­to­si men­tre bal­la­va la ta­ran­tel­la. Che si sia am­ma­la­ti gra­ve­men­te — Gior­gio Guaz­za­lo­ca af­fron­tò le co­mu­na­li bo­lo­gne­si 2004 con un me­la­no­ma, in città lo si sa­pe­va be­ne — o che si sia vit­ti­ma del clas­si­co, ba­na­le in­ci­den­te di per­cor­so — Za­ia nel 2010 a po­chi gior­ni dal vo­to del­le re­gio­na­li e in pie­na cam­pa­gna sugli OGM si bec­cò un’in­fluen­za per il trop­po stress — quan­do il lea­der si am­ma­la è sem­pre un pro­ble­ma. E la do­man­da un po’ cru­de­le, sot­te­sa, re­sta la stes­sa: gli gio­ve­rà o lo dan­neg­ge­rà? Lo ren­de­rà più uma­no o vi­ce­ver­sa più de­bo­le? «Pos­so­no suc­ce­de­re en­tram­be le co­se», di­ce lo sto­ri­co Gio­van­ni Sab­ba­tuc­ci, tra i mas­si­mi esper­ti dell’Ita­lia con­tem­po­ra­nea. «Un tem­po si pri­vi­le­gia­va l’im­ma­gi­ne del po­li­ti­co nel pie­no del­le sue for­ze, ades­so que­sto è cam­bia­to. La dif­fe­ren­za fon­da­men­ta­le è fra sta­ti au­to­ri­ta­ri e non au­to­ri­ta­ri. Nei re­gi­mi non de­mo­cra­ti­ci la ma­lat­tia del ca­po de­ve es­se­re na­sco­sta, fi­no agli estre­mi ca­si dei lea­der so­vie­ti­ci o di Fran­co. Vi­ce­ver­sa, un lea­der de­mo­cra­ti­co co­me De Ga­spe­ri non per­se un bri­cio­lo del suo pre­sti­gio e del­la sua au­to­re­vo­lez­za an­che quan­do, ne­gli ul­ti­mi an­ni del­la sua vi­ta, era ma­la­to, si sa­pe­va, e ri­ma­se in ca­ri­ca. E poi ci so­no ca­si più re­cen­ti, co­me l’in­va­li­di­tà di Wol­fgang Schäu­ble, mi­ni­stro tedesco che non esi­ta a mo­strar­si in car­roz­zi­na, o co­me Pao­lo Gen­ti­lo­ni, che ha su­bi­to In al­to, Ser­gio Giordani, che fir­ma la can­di­da­tu­ra nel­la ca­me­ra di ospe­da­le. A si­ni­stra, Em­ma Bo­ni­no. In al­to a de­stra, Mi­che­le Emi­lia­no do­po l’in­ter­ven­to al pie­de. A de­stra, Sil­vio Ber­lu­sco­ni, do­po il lan­cio del­la sta­tuet­ta un’an­gio­pla­sti­ca a gen­na­io 2017 do­po un ma­lo­re, sen­za che que­sto ab­bia mi­ni­ma­men­te cam­bia­to il suo per­cor­so». An­zi. Vie­ne in men­te il fou­lard di Em­ma Bo­ni­no, sim­bo­lo del­la bat­ta­glia con­tro il can­cro, e il cor­po di Pan­nel­la e quel­lo di Co­scio­ni, usa­ti per le bat­ta­glie bio­po­li­ti­che ra­di­ca­li. Sen­za di­men­ti­ca­re il ca­so più pla­sti­co (in tut­ti i sen­si). Ber­lu­sco­ni. Che del suo cor­po ha fat­to un fe­tic­cio, una pre­sen­za fis­sa, da­gli in­ter­ven­ti al vi­so al tu­mo­re al­la pro­sta­ta, dal­le ope­ra­zio­ni di tri­co­lo­gia al­la sta­tuet­ta in vi­so che gli lan­ciò in Piaz­za Duo­mo nel 2009 Mas­si­mo Tar­ta­glia. «Le co­se so­no cam­bia­te in que­sti de­cen­ni», ri­flet­te il po­li­to­lo­go Mar­co Al­ma­gi­sti, do­cen­te all’Uni­ver­si­tà di Pa­do­va. «Nel­la Pri­ma re­pub­bli­ca il pu­do­re ave­va un sen­so sto­ri­co: i po­li­ti­ci cer­ca­va­no una di­scon­ti­nui­tà ri­spet­to al fa­sci­smo, che ave­va un cul­to del cor­po as­so­lu­ta­men­te cen­tra­le. La fi­si­ci­tà di Mus­so­li­ni, la sua con­di­zio­ne atle­ti­ca e to­ni­ca, era par­te del­la nar­ra­zio­ne che fa­ce­va di sé. Nel do­po­guer­ra i gran­di lea­der re­pub­bli­ca­ni cer­ca­no vo­lu­ta­men­te uno sti­le più trat­te­nu­to». Poi in que­sti ul­ti­mi de­cen­ni le co­se cam­bia­no an­co­ra. «Cer­to. E non pen­so so­lo a Ber­lu­sco­ni, e, pri­ma di lui, a Cra­xi. Ma pro­prio al­le con­te­se co­mu­na­li, do­ve è sta­ta la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le, in vi­go­re dal 1993, a im­pri­me­re una svol­ta. Pri­ma si vo­ta­va un par­ti­to. Ades­so si sce­glie un lea­der, lo si ve­de sui car­tel­lo­ni elet­to­ra­li nel­le vie del­le città, con la sua fac­cia, la sua ri­co­no­sci­bi­li­tà im­me­dia­ta, la sua cor­po­rei­tà. E sem­pre più un in­for­tu­nio le­ga­to al cor­po di­ven­ta an­che, ine­vi­ta­bil­men­te, un ‘pro­ble­ma’ po­li­ti­co». Sì, ma fi­no a che pun­to? «Ten­den­zial­men­te non c’è una re­go­la», di­ce En­zo Ris­so, di­ret­to­re scien­ti­fi­co SWG. «Ne­gli ul­ti­mi an­ni c’è la ten­den­za a por­re at­ten­zio­ne sul­la sa­lu­te dei can­di­da­ti, di so­li­to sot­to­li­nean­do­ne le de­bo­lez­ze. Ma que­sto di­pen­de dal­la re­la­zio­ne che il po­li­ti­co ha con l’elet­to­ra­to. La sa­lu­te in­ci­de di me­no su un can­di­da­to che è già sta­to sin­da­co ri­spet­to a uno che è in cor­sa per la pri­ma vol­ta, per­ché l’at­to stes­so del­la con­qui­sta pre­sup­po­ne una buo­na pre­sta­zio­ne». «Se que­ste co­se in­fluen­za­no l’elet­to­re vuol di­re che c’è qual­co­sa che non va», com­men­ta Oli­vie­ro To­sca­ni. Se­con­do l’idea­to­re del­le gran­di cam­pa­gne di co­mu­ni­ca­zio­ne, «chi si fa in­fluen­za­re dal­la sa­lu­te non è un bra­vo cit­ta­di­no: non de­vi vo­ta­re o non vo­ta­re qual­cu­no per pe­na fi­si­ca. De­vi vo­tar­lo per le sue com­pe­ten­ze. Poi io spe­ro che Bi­ton­ci non vin­ca, e spe­ro che ri­man­ga sa­no, per­ché po­li­ti­ca­men­te è già ma­la­tis­si­mo co­sì». In­fi­ne ci so­no gli sgam­bet­ti, i col­pi bas­si, le scor­ret­tez­ze. Ov­ve­ro: quan­do si usa la sa­lu­te per dan­neg­gia­re l’av­ver­sa­rio. Di Mus­so­li­ni si dis­se per un po’ che aves­se la si­fi­li­de, di Hi­tler si evi­den­zia­va il tre­mo­re al­la ma­no. Di Hil­la­ry Clin­ton si è det­to che aves­se un tu­mo­re al cer­vel­lo, che sof­fris­se di at­tac­chi di ner­vi. «Fa par­te dei com­por­ta­men­ti che in politica ven­go­no clas­si­fi­ca­ti co­me mol­to slea­li», di­ce Sab­ba­tuc­ci. «Ma bi­so­gna ve­de­re se al­la fi­ne pa­ga­no op­pu­re no. Pos­so­no crea­re un’im­pre­vi­sta cor­ren­te di so­li­da­rie­tà».

Nel­le fo­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.