Ar­ri­va­no 250 mi­lio­ni, si pre­pa­ra­no a ri­na­sce­re Ex­cel­sior e Des Bains

Il pia­no Ca­tel­la: re­stau­ri e re­sty­ling. La­vo­ri dal 2018

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Al­ber­to Zor­zi © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA Pren­di Win­ston Chur­chill o l’Aga Khan o lo scrit­to­re pre­mio No­bel John Stein­beck. Op­pu­re quel mon­do di star che da sem­pre ha le­ga­to il suo no­me all’ho­tel Ex­cel­sior, cuo­re del­la Mo­stra del ci­ne­ma fin dal­la pri­ma edi­zio­ne del 1932: Mar­le­ne Die­tri­ch o In­grid Berg­man, per fa­re due no­mi. Un al­ber­go che quell’aspet­to qua­si fia­be­sco di tor­ret­te e cu­po­le ha re­so no­to in tut­to il pia­ne­ta. Men­tre per l’ho­tel Des Bains ba­sta un no­me: quel­lo del­lo scrit­to­re Tho­mas Mann, che ol­tre a es­ser­ne un as­si­duo cliente, qui am­bien­tò quel Mor­te a

Ve­ne­zia che re­sta uno dei ca­po­la­vo­ri di tut­ti i tem­pi sia in pa­gi­na che nel film di Lu­chi­no Vi­scon­ti. Tut­to que­sto per di­re che Des Bains (co­strui­to in sti­le li­ber­ty e inau­gu­ra­to nel 1900) ed Ex­cel­sior (ta­glio del na­stro nel 1908) da sem­pre so­no una par­te im­por­tan­te del­la sto­ria di Ve­ne­zia e del suo Li­do e del tu­ri­smo ita­lia­no in ge­ne­ra­le.

Ora, un se­co­lo e – so­prat­tut­to nell’ul­ti­mo de­cen­nio – tan­te vi­cis­si­tu­di­ni do­po, quel­la sto­ria è pron­ta a ri­par­ti­re. Lo as­si­cu­ra Man­fre­di Ca­tel­la, l’uo­mo che ha co­strui­to Por­ta Nuo­va, il can­tie­re da 2 mi­liar­di di eu­ro che ha tra­sfor­ma­to Mi­la­no. Ca­tel­la, con la sua Coi­ma, sta la­vo­ran­do sul fu­tu­ro dei due sto­ri­ci ho­tel e il ca­so ha vo­lu­to che, pro­prio nei gior­ni in cui è a Ve­ne­zia co­me spon­sor del­la Bien­na­le, si sia rag­giun­to l’ac­cor­do con le due ban­che che fin dall’ini­zio han­no so­ste­nu­to il ri­lan­cio del Li­do, ov­ve­ro In­te­sa San­Pao­lo e Unicredit. I due isti­tu­ti era­no in­fat­ti al fian­co di Gian­fran­co Mos­set­to quan­do nel 2007 la sua EstCa­pi­tal pun­ta­va a ri­qua­li­fi­ca­re l’in­te­ro Li­do gra­zie al fon­do Real Ve­ni­ce I, in cui ave­va­no cre­du­to tan­te fon­da­zio­ni ban­ca­rie (tra cui Pa­do­va e Ro­vi­go) e «fa­mi­glie be­ne» ve­ne­te. Il pro­get­to è poi nau­fra­ga­to, la­scian­do de­bi­ti per ol­tre i 120 mi­lio­ni di eu­ro. Ora l’ac­cor­do di Ca­tel­la con le ban­che per­met­te pro­prio di ri­par­ti­re da ca­po: da un la­to gli isti­tu­ti han­no rin­no­va­to quel­le li­nee di credito che era­no sca­du­te, dall’al­tro han­no a tal pun­to cre­du­to nel suo pia­no da in­ve­sti­re al­tri 50 mi­lio­ni di eu­ro. Dal can­to suo Coi­ma met­te­rà due mi­lio­ni, men­tre 43 ne ag­giun­ge­rà «Lon­don & Re­gio­nal Pro­per­ties», il part­ner di set­to­re che Ca­tel­la ha scel­to per la ge­stio­ne al­ber­ghie­ra. In to­ta­le un ri­lan­cio da 250 mi­lio­ni, di cui un cen­ti­na­io fre­schi per par­ti­re su­bi­to con l’Ex­cel­sior. «In que­sti due an­ni ab­bia­mo la­vo­ra­to tan­to sot­to trac­cia per ri­sol­ve­re una se­rie di pro­ble­mi del pas­sa­to, dai L’ho­tel Ex­cel­sior (a si­ni­stra) è sta­to co­strui­to in sti­le mo­re­sco e inau­gu­ra­to nel 1908. Il li­ber­ty Des Bains (a de­stra) è in­ve­ce del 1900 con­ten­zio­si fi­sca­li al cam­bio di ge­sto­re, in­ve­sten­do ol­tre 5 mi­lio­ni di eu­ro - spie­ga lui - que­sto è il ve­ro “star­ting point” dell’ope­ra­zio­ne». Ora che ci so­no i sol­di, Coi­ma cer­che­rà un ar­chi­tet­to di fa­ma per di­se­gna­re i nuo­vi in­ter­ni dell’ho­tel e poi, dall’in­ver­no 2018, par­ti­rà con due in­ver­ni di la­vo­ri (in mo­do da non chiu­de­re l’ho­tel in sta­gio­ne) per un re­sty­ling che lo fac­cia tor­na­re agli an­ti­chi splen­do­ri. «Sa­rà un in­ter­ven­to le­ga­to al pas­sa­to e dun­que fa­re­mo an­che un’ope­ra­zio­ne sto­ri­ca, sen­ten­do gli abi­tan­ti - di­ce Ca­tel­la - Fin da su­bi­to ab­bia­mo com­pre­so che que­sto è un luo­go straor­di­na­rio, un an­go­lo an­co­ra in­te­gro, che va ri­sco­per­to e ri­qua­li­fi­ca­to». L’obiet­ti­vo era ria­pri­re re­go­lar­men­te l’ho­tel, com’è av­ve­nu­to il 7 apri­le scor­so, do­po i la­vo­ri ur­gen­ti in al­cu­ne stan­ze e al­la pi­sci­na, che ave­va un pic­co­lo abu­so. Il «nuo­vo» Ex­cel­sior si mo­stre­rà per la sta­gio­ne del 2020.

Con i 95 mi­lio­ni «fre­schi» si po­trà poi par­ti­re an­che con i pri­mi la­vo­ri al Des Bains, per esem­pio su spiag­gia e par­co (chie­sto dal­la Bien­na­le). Ma l’in­ter­ven­to com­ples­si­vo di ri­pri­sti­no dell’ho­tel, or­mai tri­ste­men­te chiu­so dal 2009, co­ste­rà tra i 60 e gli 80 mi­lio­ni e ser­vi­ran­no al­tri fon­di, che le ban­che si so­no im­pe­gna­te a met­te­re sul ta­vo­lo. Per que­sto Ca­tel­la si im­ma­gi­na che quell’in­ter­ven­to pos­sa par­ti­re nel 2020, a Ex­cel­sior con­clu­so, e con­clu­der­si nel 2022. La de­sti­na­zio­ne tor­ne­rà ad es­se­re quel­la al­ber­ghie­ra, do­po che EstCa­pi­tal pun­ta­va in­ve­ce a un re­si­den­ce di lus­so. «Po­trem­mo an­ti­ci­pa­re se il pri­mo ho­tel an­drà be­nis­si­mo», af­fer­ma l’im­mo­bi­lia­ri­sta. Il suo so­gno è pe­rò quel­lo di ri­pren­de­re in ma­no il pro­get­to com­ples­si­vo per far tor­na­re il Li­do quell’«iso­la d’oro» dei tem­pi del­la «Bel­le Epo­que» e per que­sto lan­cia un appello a go­ver­no, Co­mu­ne di Ve­ne­zia e Cas­sa de­po­si­ti e pre­sti­ti, pro­prie­ta­ria di un al­tro com­pen­dio de­sti­na­to a un fu­tu­ro ri­cet­ti­vo, cioè l’ex Ospe­da­le al Ma­re: «Qui può na­sce­re un pro­get­to pi­lo­ta per ri­lan­cia­re il tu­ri­smo a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le - con­clu­de - è pe­rò ne­ces­sa­rio che tut­ti gli at­to­ri si met­ta­no at­tor­no a un ta­vo­lo, sen­za che ognu­no va­da per con­to suo».

Man­fre­di Ca­tel­la Qui può na­sce­re un pro­get­to pi­lo­ta per ri­lan­cia­re il tu­ri­smo a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le. Tut­ti gli at­to­ri si de­vo­no met­te­re at­tor­no a un ta­vo­lo sen­za che ognu­no va­da per con­to suo

Un se­co­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.