Man­zon, l’im­ma­gi­na­rio di­ven­ta rea­le

L’au­tri­ce friu­la­na pub­bli­ca «La no­stal­gia de­gli al­tri». Un trian­go­lo amo­ro­so tra lui, lei e la vo­ce nar­ran­te. Un dop­pio gio­co in cui l’esi­sten­za vie­ne con­trap­po­sta all’in­con­si­sten­za

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cultura Spettacoli - Ce­sa­re De Mi­che­lis © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stra­no trian­go­lo amo­ro­so quel­lo che le­ga Liz­zie ad Adrian e al­la vo­ce nar­ran­te in una re­la­zio­ne di af­fet­ti e di de­si­de­ri che si espri­me so­prat­tut­to at­tra­ver­so le pa­ro­le, co­me se su­pe­ra­re il va­li­co che le di­stin­gue dal­la real­tà fos­se a un tem­po trop­po sem­pli­ce e trop­po ri­schio­so, tut­ta­via il mon­do del­le pa­ro­le re­si­ste ir­ri­me­dia­bil­men­te astrat­to e im­pre­ve­di­bil­men­te de­fi­ni­to al­di­là del­le no­stre stes­se in­ten­zio­ni, co­me ac­ca­de ap­pun­to in let­te­ra­tu­ra, do­ve un al­tro mon­do ac­qui­sta for­ma e poi cre­sce in un’al­tra real­tà sem­pre più dif­fi­cil­men­te ri­du­ci­bi­le al­la pri­ma, se­con­do un in­trec­cio che ci le­ga e im­pri­gio­na sen­za scam­po.

Fe­de­ri­ca Man­zon si av­ven­tu­ra spa­val­da in un sor­ta di uni­ver­so me­ta­let­te­ra­rio che con­ti­nua a in­ter­ro­gar­si su se stes­so e poi sui rap­por­ti tra in­ven­zio­ne e real­tà, at­ten­ta a non smar­rir­si in que­sto la­bi­rin­to, e, non con­ten­ta, pa­ral­le­la­men­te si con­fron­ta con il ri­trat­to di una ge­ne­ra­zio­ne che in­tan­to si è smar­ri­ta dav­ve­ro e si agi­ta in­quie­ta, cer­can­do un mo­do «au­ten­ti­co» di es­se­re, un pun­to di ri­fe­ri­men­to che ogni vol­ta si ri­ve­la più fra­gi­le e in­con­si­sten­te di quan­to spe­ra­va.

Non è fa­ci­le rias­su­me­re un in­trec­cio che è già di­ven­ta­to un gro­vi­glio, ma per­cor­ren­do le tap­pe di un amo­re che non c’è e for­se non c’è mai sta­to, o le al­tre di un amo­re che c’è e c’è sta­to, sen­za tut­ta­via po­ter es­se­re vis­su­to, o, in­fi­ne, i ri­cor­di di quel­lo che sol­tan­to ab­bia­mo spe­ra­to o so­gna­to, ri­per­cor­ren­do in ogni ca­so tut­to quan­to si è scrit­to, op­pu­re sol­tan­to si è det­to, ab­bia­mo l’oc­ca­sio­ne di esplo­ra­re il di­sor­di­ne uni­ver­sa­le nel qua­le sia­mo pre­ci­pi­ta­ti sen­za ac­cor­ger­ce­ne, per­den­do i ca­rat­te­ri del­la no­stra iden­ti­tà, ma an­che li­be­ran­do­ce­ne ri­bel­li.

A rac­con­ta­re ov­via­men­te è il ter­zo, che dall’espe­rien­za d’amo­re è esclu­so, con­dan­na­to a re­star­ne spet­ta­to­re e, ciò no­no­stan­te, sem­pre in attesa di rien­tra­re in gio­co, nien­te af­fat­to og­get­ti­vo, an­zi ma­li­zio­so e in­tri­gan­te sin qua­si al­la me­schi­ne­ria; ep­pu­re l’an­ta­go­ni­sta non è cer­to da me­no nel­la sua re­ti­cen­za spu­do­ra­ta e am­bi­gua si­no al­la men­zo­gna, né Liz­zie, «ma­li­zio­sa e ir­re­si­sti­bi­le», è più spon­ta­nea o sin­ce­ra, pron­ta ogni vol­ta a ri­pren­de­re da ca­po il gio­co di una cor­ri­spon­den­za che sem­bra non ave­re al­tro sco­po che rin­via­re l’in­con­tro di­ret­to, che poi quan­do ac­ca­de, e se ac­ca­de, po­co va­le a chia­ri­re le co­se.

«Nien­te è mai ac­ca­du­to, una vol­ta rac­con­ta­to», sen­ten­zia in epi­gra­fe Ja­vier Ma­rías, vi­ve­re o scri­ve­re si so­no do­man­da­ti os­ses­si­vi gli scrit­to­ri del se­co­lo scor­so; l’equi­vo­co co­min­cia con le pa­ro­le che si fer­ma­no sul­la pa­gi­na la­scian­do trac­ce in­de­le­bi­li: co­me cre­de­re lo­ro, ma an­che in che mo­do smen­tir­le; non c’è via d’usci­ta che ci sal­vi dal­la men­zo­gna, tan­to me­no nel­la so­cie­tà dell’Ac­qua­rio, do­ve si in­ven­ta­no uni­ver­si vir­tua­li «più rea­li del rea­le», che è quel­la per la qua­le la­vo­ra­no i ra­gaz­zi del ro­man­zo, im­ma­gi­na­to­ri o vi­sua­liz­za­to­ri che sia­no.

Rac­con­ta­re ren­de rea­le l’im­ma­gi­na­rio, «rac­con­ta­re è me­glio che vi­ve­re», que­sta è una sto­ria «sul po­te­re del­le sto­rie e la ma­ni­po­la­zio­ne», non si rie­sce più a di­stin­gue­re «tra le real­tà im­ma­gi­na­rie che pro­du­cia­mo... e la no­stra stes­sa man­can­za di vi­ta», per­ché real­tà e fin­zio­ne «non de­vo­no par­lar­si» al­tri­men­ti «il po­te­re dei fat­ti ren­de­reb­be su­per­fluo il rac­con­ta­re e inu­ti­le la fan­ta­sia».

Le sto­rie, in­som­ma, «sal­va­no la me­mo­ria di quel­lo che è già scom­par­so. Non im­por­ta che non ci sia nien­te di ve­ro in ciò che rac­con­tia­mo», non si scri­ve, quin­di, per ca­pi­re o per far lu­ce, ma «per ave­re in­die­tro ciò che ci ap­par­tie­ne e ci è sta­to por­ta­to via in­giu­sta­men­te, ciò che è no­stro per pros­si­mi­tà e in­te­sa».

Fe­de­ri­ca Man­zon ha scrit­to un li­bro sul per­ché si in­ven­ta­no sto­rie in un mon­do che non ne ha più bi­so­gno, giac­ché tut­te so­no de­po­si­ta­te nel­lo scon­fi­na­to ar­chi­vio del­le me­mo­rie, ma per al­tro ver­so non può far­ne a me­no, per­ché non sa più co­me fa­re a di­stin­gue­re il ve­ro dal fal­so, il rea­le dal vir­tua­le, il be­ne dal ma­le, e ha un ter­ri­bi­le bi­so­gno di reim­pa­ra­re a far­lo.

Pa­gi­ne Fe­de­ri­ca Man­zon So­pra la co­per­ti­na del suo ro­man­zo «La no­stal­gia de­gli al­tri» (fo­to Adol­fo Fre­dia­ni)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.