MI­TO DE AN­DRÉ CRI­STIA­NO OG­GI AL GEOX

I fi­glio di Fa­bri­zio ri­per­cor­re la car­rie­ra del pa­dre. «Vo­le­vo un re­per­to­rio nuo­vo, co­sì ho ri­pe­sca­to can­zo­ni co­me “La guer­ra di Pie­ro”, “Una sto­ria sba­glia­ta” e “Can­zo­ne per l’esta­te”. Ho ama­to Rol­ling Sto­nes, Pink Floyd ed El­ton John»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cultura Spettacoli - Fran­ce­sco Ver­ni © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di pa­dre in fi­glio. L’ere­di­tà mu­si­ca­le di Fa­bri­zio De An­dré è por­ta­ta avan­ti, sul pal­co, dal fi­glio Cri­stia­no, can­tau­to­re, che ha de­ci­so di ri­por­ta­re dal vi­vo, con una nuo­va sca­let­ta, quel pro­get­to «De An­dré can­ta de An­dré» che ha de­but­ta­to nel 2009 e che que­sta se­ra lo ve­drà sul pal­co del Gran Tea­tro Geox di Pa­do­va (ore 21.30, in­fo www.zed­li­ve.com).

In que­sta nuo­va tran­che di «De An­dré can­ta de An­dré» che no­vi­tà ci sa­ran­no?

«Per fa­re que­sto tour vo­le­vo un re­per­to­rio nuo­vo. Ci so­no nuove per­le che ho ri­pre­so, co­me La guer­ra di Pie­ro, Una sto­ria sba­glia­ta e Can­zo­ne per l’esta­te. So­no can­zo­ni di un’at­tua­li­tà di­sar­man­te, mio pa­dre ave­va la ca­pa­ci­tà di an­ti­ci­pa­re il tem­po».

Qual è il mo­men­to che pre­fe­ri­sce del­lo spettacolo?

«Mi di­ver­to a suo­na­re La guer­ra di Pie­ro nel nuo­vo ar­ran­gia­men­to che ho co­strui­to. Poi la par­te fi­na­le, quel­la dei bis, quan­do la stan­chez­za e la ten­sio­ne sci­vo­la via, è sem­pre la più li­be­ra e li­be­ra­to­ria».

Qua­li in­se­gna­men­ti di suo pa­dre tro­va più pre­zio­si?

«Il gran­de bi­so­gno di giu­sti­zia e la coe­ren­za nel por­tar­lo avan­ti. Non si è mai fat­to fre­ga­re da nes­sun mer­ca­to. Que­sto è il mo­ti­vo più gran­de del­la mia sti­ma nei suoi con­fron­ti».

Ri­guar­do al­la mu­si­ca che co­sa ha im­pa­ra­to da lui?

«For­se ad emo­zio­na­re. Lui ave­va pau­ra che non ce l’aves­si den­tro. All’ini­zio pen­sa­va che non fa­ces­se par­te di me e vo­le­va che di­ven­tas­si ve­te­ri­na­rio, poi quan­do l’ha ca­pi­to mi ha

sup­por­ta­to nel fa­re il suo stes­so me­stie­re».

Co­me mai ha vo­lu­to scri­ve­re l’au­to­bio­gra­fia «La ver­sio­ne di C.»?

«Per da­re una ver­sio­ne di quel­lo che so­no. Tut­ti dan­no una ver­sio­ne sba­glia­ta di quel-

lo che so­no sta­to, di quel­lo che ho fat­to e fac­cio. Co­sì ho pre­fe­ri­to toc­ca­re an­che ar­go­men­ti dif­fi­ci­li, ma li ho af­fron­ta­ti sem­pre con gran­de sin­ce­ri­tà. Nel­la mia vi­ta ci so­no sta­te tan­te ca­du­te, ma an­che tan­ti viag­gi».

Leg­gen­do­la sem­bra che suo pa­dre non fos­se ge­ne­ro­so di com­pli­men­ti...

«Era­no de­ci­sa­men­te ra­ri, ma quan­do ar­ri­va­va­no era­no bel­li gros­si. È un li­bro che sten­de la pa­ce sul no­stro rap­por­to: al­la fi­ne ha sem­pre cer­ca­to di ti­rar­mi su nei mo­men­ti non fe­li­ci».

Usci­rà an­che il Vo­lu­me 3 di «De An­dré can­ta de An­dré»?

«Sì, l’ab­bia­mo ri­man­da­to un po’ ma al­la fi­ne ab­bia­mo de­ci­so che, per Na­ta­le, sa­rà pub­bli­ca­ta an­che la ter­za par­te di «De An­dré can­ta de An­dré». Mol­to pro­ba­bil­men­te l’usci­ta sa­rà ac­com­pa­gna­ta da un co­fa­net­to che rac­co­glie i tre di­schi as­sie­me».

Do­po «Co­me in cie­lo, co­sì in guer­ra» è al la­vo­ro su qual­co­sa?

«So­no or­mai a me­tà di un nuo­vo di­sco, spe­ro di usci­re nel 2018 con un al­bum di ine­di­ti».

Tor­ne­reb­be San­re­mo?

«Ve­dia­mo,

al Fe­sti­val

po­treb­be Cha­teau» di El­ton John». es­se­re...»

Qua­li so­no i di­schi che hai ascol­ta­to di più nel­la vi­ta?

«Quel­li che ho let­te­ral­men­te con­su­ma­to so­no sta­ti «Stic­ky fin­gers» dei Rol­ling Sto­nes, «The dark si­de of the moon» dei Pink Floyd e «Hon­ky

Emo­zio­ni

Cri­stia­no De An­dré por­ta in sce­na «De An­dré can­ta De An­dré»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.