IL GRAN­DE SEN­SO DEL SER­VI­ZIO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ales­san­dro Zuin

Ma chi so­no que­sti al­pi­ni? Pro­va­te a chie­der­lo a quel­li che han­no me­no di 35 an­ni, i be­ne­fi­cia­ti dal­la pro­po­sta Mat­ta­rel­la – sì, pro­prio quel Mat­ta­rel­la, che da mi­ni­stro del­la Di­fe­sa a ini­zio mil­len­nio por­tò in Par­la­men­to l’abo­li­zio­ne del ser­vi­zio di le­va ob­bli­ga­to­rio, ul­ti­ma clas­se ri­chia­ma­ta il 1985 - e vi ri­spon­de­ran­no più o me­no co­sì: so­no un grup­po di per­so­ne (un bel grup­po, eh) che si ri­tro­va­no una vol­ta all’an­no per ri­cor­da­re quan­do sta­va­no in­sie­me in ca­ser­ma. Dei re­du­ci, in­som­ma. No­stal­gi­ci di quel pe­rio­do so­spe­so tra gio­vi­nez­za e ma­tu­ri­tà che è og­get­to di un’in­cre­di­bi­le me­ta­mor­fo­si spa­zio­tem­po­ra­le: fin­ché sta­va­no sot­to le ar­mi, tut­ti, ma pro­prio tut­ti ma­le­di­ce­va­no la na­ja, la ca­ser­ma, i comandanti, per­fi­no i com­mi­li­to­ni del­lo sca­glio­ne più an­zia­no; e su­bi­to do­po, de­po­sta la di­vi­sa, il ri­cor­do di quell’an­no (o 18 me­si, per più vec­chi) di­ven­ta in­va­ria­bil­men­te più dol­ce, fi­no a mi­tiz­zar­si nel rim­pian­to di un’età d’oro che non tor­ne­rà più.

Pe­rò gli al­pi­ni non so­no sol­tan­to que­sto, al­tri­men­ti non si spie­ghe­reb­be un fe­no­me­no di mas­sa as­so­lu­ta­men­te ir­ri­pe­ti­bi­le co­me l’Adu­na­ta na­zio­na­le. Pos­sie­do­no qual­co­sa che li ren­de uni­ci, an­che nel­la con­si­de­ra­zio­ne del cit­ta­di­no co­mu­ne, ed è un qual­co­sa che si po­treb­be rias­su­me­re co­sì: han­no for­tis­si­mo il sen­so che il ser­vi­zio, scu­sa­te il gio­co di pa­ro­le, non si esau­ri­sce con la fi­ne del ser­vi­zio (mi­li­ta­re). i

Con­ti­nua an­che do­po, pra­ti­ca­men­te a vi­ta, e lo si può ben com­pren­de­re da que­sti po­chi nu­me­ri che rias­su­mo­no la straor­di­na­ria con­si­sten­za del­la pro­te­zio­ne ci­vi­le con la pen­na ne­ra, le cui ba­si fu­ro­no tra­gi­ca­men­te get­ta­te nel Friu­li de­va­sta­to dal ter­re­mo­to del ’76: 13 mi­la vo­lon­ta­ri at­ti­vi, più di 400 mez­zi ope­ra­ti­vi, un ospe­da­le da cam­po al­le­sti­to di tut­to pun­to e più di 80 squa­dre pro­vin­cia­li com­ple­ta­men­te au­to­suf­fi­cien­ti. In­som­ma, sa­ran­no an­che dei ra­gaz­zi un po’ trop­po cre­sciu­ti con la no­stal­gia dei bei tem­pi, fa­ran­no an­che un po’ di ca­si­no (un bel po’, a dir la ve­ri­tà) du­ran­te le adu­na­te, avran­no pu­re una mas­sic­cia con­fi­den­za con l’al­col nel­le sue di­ver­se som­mi­ni­stra­zio­ni, qual­cu­no di lo­ro ar­ri­ve­rà per­si­no a fa­re la pi­pì ne­gli an­go­li bui per al­leg­ge­ri­re il ca­ri­co, pe­rò agli al­pi­ni la gen­te ten­de a per­do­na­re tut­to. Per­ché quan­do ti fra­na la mon­ta­gna die­tro ca­sa op­pu­re il fiu­me ti al­la­ga il pae­se sot­to i pie­di, quel­li che par­to­no im­me­dia­ta­men­te per por­ta­re soc­cor­so so­no lo­ro, ar­ri­va­no qua­si sem­pre per pri­mi, mon­ta­no le lo­ro ten­de ovun­que ci sia un po’ di spa­zio e la­vo­ra­no a te­sta bas­sa sen­za nul­la chie­de­re, ap­pli­can­do al­la let­te­ra il mot­to la­pi­da­rio di uno dei lo­ro grup­pi di ar­ti­glie­ria da mon­ta­gna: Ta­si e ti­ra. Quan­do c’è da af­fron­ta­re un’emer­gen­za, non ser­ve mol­to d’al­tro.

Al di là di ogni re­to­ri­ca più o me­no pa­triot­ti­ca e sen­za al­cun re­du­ci­smo di ri­tor­no, que­sti so­no i fat­ti: gli al­pi­ni so­no un po­po­lo e rap­pre­sen­ta­no la buo­na tra­di­zio­ne di un Pae­se che non ha mol­ti al­tri esem­pi edi­fi­can­ti a cui ri­fe­rir­si. E poi gli si vuol be­ne, agli al­pi­ni riu­ni­ti in adu­na­ta, an­che per­ché con­ti­nua­no a fa­re una co­sa che, nel­la ci­vil­tà di in­ter­net e del­lo smart­pho­ne, non fa più nes­su­no: si riu­ni­sco­no e can­ta­no. Per stra­da, se­du­ti a ta­vo­la, den­tro le lo­ro ten­de, men­tre mar­cia­no e men­tre be­vo­no. Co­me di­co­no lo­ro: là do­ve sen­ti can­ta­re fer­ma­ti, gli uo­mi­ni mal­va­gi non han­no can­zo­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.