Pro­fu­go in cel­la, il giu­di­ce: «Ru­ba nel Pae­se che lo man­tie­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Lau­ra Te­de­sco En­ri­co Pre­saz­zi © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA Dal Gam­bia era da po­co giun­to in Ita­lia do­ve, im­me­dia­ta­men­te, ave­va avan­za­to do­man­da di asi­lo. In at­te­sa che la sua ri­chie­sta ve­nis­se ac­col­ta, ave­va tro­va­to ospitalità nel cen­tro di ac­co­glien­za al­le por­te di Ve­ro­na, a Co­sta­gran­de, da do­ve, pe­rò, ha pen­sa­to «be­ne» di uscir­se­ne ubria­co nel cuo­re del­la not­te e, ar­ma­to di cac­cia­vi­te, di vio­la­re due abi­ta­zio­ni ad Ave­sa, po­co di­stan­te, per fa­re man bas­sa di qua­lun­que co­sa aves­se tro­va­to all’in­ter­no.

A bloc­car­lo so­no sta­ti pri­ma al­cu­ni vicini e poi i po­li­ziot­ti, con­tro cui il ri­fu­gia­to ha an­che ten­ta­to di sca­glia­re una bot­ti­glia. Al­la fi­ne si è ri­tro­va­to in cel­la a Mon­to­rio do­ve, ha sta­bi­li­to ie­ri il giu­di­ce Ri­ta Cac­ca­mo all’udien­za di con­va­li­da, do­vrà re­sta­re rin­chiu­so al­me­no fi­no al­la da­ta del pro­ces­so, rin­via­to a lu­glio: in au­la, tra le mo­ti­va­zio­ni del­la cu­sto­dia cau­te­la­re in car­ce­re, il ma­gi­stra­to ha po­sto l’ac­cen­to sul­la cir­co­stan­za che «l’im­pu­ta­to, da po­co en­tra­to nel ter­ri­to­rio del­lo Sta­to, si è su­bi­to pre­di­spo­sto a gra­vi con­dot­te pre­da­to­rie ag­gre­den­do le for­ze dell’or­di­ne del Pae­se che lo ospi­ta e lo man­tie­ne in un cen­tro di ac­co­glien­za».

Ma tor­nia­mo ai fatti. L’al­lar­me è scat­ta­to do­me­ni­ca, all’al­ba. Quan­do un re­si­den­te di via In­den­tro, ad Ave­sa, è sta­to sve­glia­to dai ru­mo­ri pro­ve­nien­ti dall’ap­par­ta­men­to ac­can­to e si è al­za­to a con­trol­la­re.

Si trat­ta­va di un «re­si­den­te» in zo­na: uno dei cir­ca 300 ri­chie­den­ti asi­lo ospi­ta­ti nel cen­tro di Co­sta­gran­de. Ma­sa­neh Kan­teh, 27 an­ni ori­gi­na­rio del­la Gui­nea, nel cen­tro era ar­ri­va­to lo scor­so 27 apri­le.

Nem­me­no il tem­po di am­bien­tar­si e di fre­quen­ta­re i cor­si di al­fa­be­tiz­za­zio­ne, che si è ri­tro­va­to ar­re­sta­to con le ac­cu­se di fur­to e ten­ta­to fur­to ag­gra­va­to ol­tre che di re­si­sten­za. Per­ché do­po aver sva­li­gia­to un ap­par­ta­men­to ed es­se­re fug­gi­to dal se­con­do, se l’è pre­sa an­che con i po­li­ziot­ti ten­tan­do di col­pir­li con una bot­ti­glia. Di­fe­so dal le­ga­le Pao­la Ma­la­vol­ta, ie­ri il pro­fu­go ha la­scia­to il tri­bu­na­le do­po la con­va­li­da per tor­nar­se­ne di­ret­ta­men­te in cel­la: «Il pos­ses­so del cac­cia­vi­te esclu­de l’epi­so­di­ci­tà dei de­lit­ti - ha sot­to­li­nea­to il giu­di­ce nel­la sua or­di­nan­za -, ca­rat­te­riz­za­ti da un cre­scen­do di gra­vi­tà».

Let­te­ral­men­te «in­de­mo­nia­ta» la pre­si­den­te del­la coo­pe­ra­ti­va Tin­lé che ge­sti­sce Co­sta­gran­de e i suoi ospi­ti: «Con tut­ti gli sfor­zi che fac­cia­mo per edu­car­li al me­glio - com­men­ta Na­dia Gob­bo -, poi ba­sta una me­la mar­cia per man­da­re all’aria tut­to. Spe­ro che ri­man­ga in car­ce­re, au­to­ma­ti­ca­men­te scat­te­rà per lui la re­vo­ca dell’ac­co­glien­za. Ma già og­gi tra­dur­re­mo e ap­pen­de­re­mo la no­ti­zia nel­la no­stra ba­che­ca per far ca­pi­re agli al­tri ra­gaz­zi quel che ac­ca­de quan­do non si ri­spet­ta­no le re­go­le».

Na­dia Gob­bo, re­spon­sa­bi­le del­la coop Spe­ro che ri­man­ga in car­ce­re, scat­te­rà per lui la re­vo­ca dell’ac­co­glien­za. Ap­pen­de­re­mo la no­ti­zia in ba­che­ca per far ca­pi­re agli al­tri ra­gaz­zi quel che ac­ca­de quan­do non si ri­spet­ta­no le re­go­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.