Don­na sof­fo­ca­ta dal­lo spez­za­ti­no set­te in­da­ga­ti in ospe­da­le

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - A. Zo. © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA Ci so­no due in­fer­mie­re, due me­di­ci del re­par­to di Me­di­ci­na e in­fi­ne i tre ane­ste­si­sti in­ter­ve­nu­ti su­bi­to do­po. In tut­to so­no set­te i sa­ni­ta­ri in­da­ga­ti per la mor­te di Fran­ce­sca Mi­nar­di, la 72en­ne don­na si­ci­lia­na de­ce­du­ta giovedì scor­so all’ospe­da­le di San Do­nà, sof­fo­ca­ta du­ran­te il pran­zo, pro­ba­bil­men­te da un pez­zo di spez­za­ti­no. Per tut­ti l’ac­cu­sa è di omi­ci­dio col­po­so. Ie­ri il me­di­co le­ga­le An­to­nel­lo Cir­nel­li e quel­li del­le di­fe­se, i dot­to­ri Gian­do­me­ni­co Bu­ri­ga­na, Gian­ni Bar­bu­ti e Da­vi­de Ron­ca­li (no­mi­na­ti da­gli av­vo­ca­ti Fran­ce­sco Schiop­pa, Ro­ber­to Car­ra­ret­to e Mat­teo Ro­ra­to), han­no ese­gui­to l’au­top­sia sul­la don­na, che ha con­fer­ma­to l’ipo­te­si del «boc­co­ne fa­ta­le». E vi­sto che il pri­mo piat­to era sta­ta una pa­sti­na, pa­re evi­den­te che l’in­di­zia­to prin­ci­pa­le sia lo spez­za­ti­no che ave­va man­gia­to co­me se­con­do e che è una car­ne di so­li­to piut­to­sto du­ra, ca­pa­ce dun­que di sof­fo­ca­re nel ca­so in cui si in­ge­ri­sca un boc­co­ne po­co ma­sti­ca­to.

L’in­da­gi­ne pe­rò non fi­ni­sce qui, an­zi. Il pm Ro­sa Gae­ta­na Lii­stro, ti­to­la­re dell’in­chie­sta, ha in­fat­ti do­man­da­to al me­di­co le­ga­le – co­me spes­so av­vie­ne in que­sti ca­si, qua­si una pro­ce­du­ra stan­dard – di ri­co­strui­re an­che i tem­pi del de­ces­so e se e co­me avreb­be po­tu­to es­se­re evi­ta­to. E pro­prio per que­sto, in via cau­te­la­re, ha iscrit­to sul re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti un nu­me­ro co­sì ele­va­to di sa­ni­ta­ri, tut­ti quel­li che in quel mo­men­to era­no pre­sen­ti nel re­par­to del no­so­co­mio di San Do­nà, cioè le due in­fer­mie­re e i due me­di­ci, o so­no in­ter­ve­nu­ti suc­ces­si­va­men­te, co­me i tre ane­ste­si­sti che han­no pro­va­to a sal­var­la. D’al­tra par­te la domanda che si po­ne il pm è quel­la di chiun­que si tro­vi di fron­te a una vi­cen­da del ge­ne­re, co­sì co­me se l’è po­sta il fi­glio del­la vit­ti­ma, che per que­sto ha chia­ma­teo i ca­ra­bi­nie­ri e poi si è pre­sen­ta­to in ca­ser­ma con un espo­sto da lui fir­ma­to, da cui è na­ta l’in­da­gi­ne del­la pro­cu­ra: com’è pos­si­bi­le che una don­na muo­ia in que­sto mo­do di un ospe­da­le, dove do­vreb­be es­ser­ci tut­ti gli stru­men­ti, sia in ter­mi­ni di per­so­na­le che di mac­chi­na­ri, per sal­va­re vi­te uma­ne an­che coin­vol­te in in­ci­den­ti più gra­vi e me­no ba­na­li di que­sto? I me­di­ci e i lo­ro di­fen­so­ri in que­sta fa­se sa­reb­be­ro ab­ba­stan­za se­re­ni e tran­quil­li di aver fat­to il lo­ro do­ve­re

La don­na era sta­ta ri­co­ve­ra­ta per del­le ana­li­si, es­sen­do af­fet­ta da una for­te forma di dia­be­te mel­li­to. Ma in real­tà la sua ma­lat­tia non avreb­be mol­to a che fa­re con quel­la che pa­re più che al­tro una tra­gi­ca fa­ta­li­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.