Il piz­za­io­lo e la cuo­ca di­vi­si da età e pro­get­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­ge­la Ti­sbe Cio­cio­la

TRE­BA­SE­LE­GHE (PA­DO­VA) Una re­la­zio­ne fi­ni­ta, o for­se mai dav­ve­ro ini­zia­ta. Una gran­de dif­fe­ren­za d’età. Una don­na che vo­le­va con­ti­nua­re ad an­da­re avan­ti con la pro­pria vi­ta, e un uo­mo che non po­te­va ac­cet­ta­re di es­se­re mes­so da par­te. Sem­bra es­ser­ci tut­to que­sto die­tro l’omi­ci­dio di Na­ta­sha Bet­tio­lo, la 46en­ne di Mas­san­za­go tro­va­ta mor­ta ie­ri po­me­rig­gio nel­la sua au­toa Tre­ba­se­le­ghe, il cor­po tra­fit­to da col­tel­la­te in­fer­te da Lui­gi Si­bi­lio, piz­za­io­lo di 11 an­ni più gio­va­ne, fi­no a qual­che me­se fa re­si­den­te a Lo­reg­gia. «Sem­bra aves­se­ro una re­la­zio­ne», sus­sur­ra­va­no i co­no­scen­ti ie­ri po­me­rig­gio, men­tre os­ser­va­va­no da lon­ta­no il la­vo­ro dei ca­ra­bi­nie­ri in via Fer­mi. «Lei lo ha la­scia­to, o for­se vo­le­va far­lo, e lui non l’ha po­tu­to sop­por­ta­re e l’ha uc­ci­sa», ri­bat­te­va­no al­tri cu­rio­si, riu­ni­ti a pic­co­li ca­pan­nel­li.

I pet­te­go­lez­zi del­la gen­te, pe­rò, so­no pre­sto ar­ri­va­ti al­le orec­chie dei fa­mi­lia­ri che ma­le han­no di­ge­ri­to tut­to quel­lo che, in pae­se, in tv e su in­ter­net si di­ce­va di Na­ta­sha. «Non era il com­pa­gno, han­no scrit­to tan­te bu­gie – ha co­sì ur­la­to da­van­ti a tut­ti il fi­glio di Na­ta­sha, Ni­co­la, ri­vol­to ai mi­li­ta­ri che cer­ca­va­no di te­ner­lo cal­mo e, per quan­to pos­si­bi­le, di con­so­lar­lo -. Nes­su­no de­ve di­re fal­si­tà su mia ma­dre». Na­ta­sha ave­va avu­to quel fi­glio da gio­va­nis­si­ma. Era ap­pe­na ado­le­scen­te quan­do, nel 1988, è di­ven­ta­ta mam­ma. Tre an­ni do­po, poi, un al­tro bim­bo. Il suo ma­tri­mo­nio non è du­ra­to mol­to: do­po qual­che an­no, in­fat­ti, ave­va di­vor­zia­to, an­che se i rap­por­ti con il suo ex ma­ri­to si so­no man­te­nu­ti mol­to buo­ni, co­me di­mo­stra il fat­to che il suo ex, ie­ri po­me­rig­gio, fos­se pre­sen­te sul luo­go del de­lit­to, se­du­to in ter­ra, a pian­ge­re scon­so­la­to, na­sco­sto a oc­chi cu­rio­si e in­di­scre­ti da una gran­de au­to ros­sa.

Da qual­che tem­po sem­bra che aves­se in­trec­cia­to una re­la­zio­ne con un uo­mo mol­to più gio­va­ne di lei, Lui­gi Si­bi­lio, di ap­pe­na sei an­ni più gran­de del suo fi­glio mag­gio­re. Quan­to il rap­por­to tra i due fos­se pro­fon­do, e quan­to a lun­go fos­se du­ra­to, non è an­co­ra pos­si­bi­le dir­lo. So­lo Si­bi­lio può far lu­ce su que­sto aspet­to. Do­po aver uc­ci­so Na­ta­sha, pe­rò, il 35en­ne ha cer­ca­to di sui­ci­dar­si. A sal­var­lo è sta­ta un’ope­ra­zio­ne d’ur­gen­za in ospe­da­le a Pa­do­va. Ie­ri se­ra, pe­rò, non era an­co­ra in gra­do di ri­spon­de­re al­le do­man­de del ma­gi­stra­to e dei ca­ra­bi­nie­ri.

So­lo nel­le pros­si­me ore po­trà es­se­re in­ter­ro­ga­to dal suo let­to d’ospe­da­le, do­ve si tro­va agli ar­re­sti con l’ac­cu­sa di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio, e spie­ga­re co­sì quan­to e in che mo­do co­no­sces­se la sua vit­ti­ma, e so­prat­tut­to per­ché l’ab­bia uc­ci­sa.

Co­sì co­me og­gi ver­ran­no sen­ti­ti an­che i fi­gli, i ge­ni­to­ri e l’ex ma­ri­to di Na­ta­sha, ie­ri trop­po scon­vol­ti per po­ter ri­la­scia­re mol­te di­chia­ra­zio­ni ai mi­li­ta­ri e pro­tet­ti da gior­na­li­sti e fic­ca­na­so da un cor­do­ne di ami­ci. Sem­bra co­mun­que che Na­ta­sha non vo­les­se più por­ta­re avan­ti il rap­por­to con il piz­za­io­lo, e aves­se co­sì de­ci­so di la­sciar­lo.

Una de­ci­sio­ne non ac­cet­ta­ta da Si­bi­lio che, in­fat­ti, ie­ri po­me­rig­gio si è pre­sen­ta­to nel par­cheg­gio di via Fer­mi e lì ha aspet­ta­to che la don­na uscis­se dal­la scuo­la do­ve la­vo­ra­va co­me cuo­ca. For­se vo­le­va un ul­ti­mo chia­ri­men­to. O più pro­ba­bil­men­te, il suo pro­po­si­to era quel­lo di uc­ci­der­la fin da quan­do è usci­to di ca­sa, dal mo­men­to che con sé ha por­ta­to il col­tel­lo con il qua­le ha fe­ri­to a mor­te Na­ta­sha e che poi ha la­scia­to in ter­ra, sul tap­pe­ti­no dell’au­to do­ve i due so­no sta­ti ri­tro­va­ti. «Co­no­sco Si­bi­lio so­lo di vi­sta – rac­con­ta Fa­bio Bui, sin­da­co di Lo­reg­gia, il pae­se do­ve l’omi­ci­da vi­ve­va pri­ma di tra­sfe­rir­si a San­ta Ma­ria di Sa­la, nel Ve­ne­zia­no -. Era una per­so­na mol­to schi­va, sta­va sem­pre per con­to suo. Non ave­va fa­mi­lia­ri qui in zo­na e non era riu­sci­to a far­si ami­ci in pae­se. Non da­va mol­ta con­fi­den­za, quin­di qui qua­si nes­su­no sa chi sia in real­tà. E cer­to nes­su­no sa che co­sa lo ab­bia po­tu­to sca­te­na­re in que­sto mo­do».

Il fi­glio di Na­ta­sha Non era il com­pa­gno, nes­su­no de­ve di­re fal­si­tà su mia ma­dre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.