Ora il te­sti­mo­ne par­la al­la web­cam

Udien­ze «in di­ret­ta» con Bas­sa­no. Il pre­si­den­te: «Va­le per tut­ti i pro­ce­di­men­ti ci­vi­li»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

VI­CEN­ZA «È un ri­spar­mio di tem­po e di de­na­ro». Il pre­si­den­te del tri­bu­na­le di Vi­cen­za, Al­ber­to Riz­zo, va drit­to al noc­cio­lo del­la que­stio­ne. E in­tan­to ac­cen­de il te­le­vi­so­re del­la stan­za al se­con­do pia­no del Pa­laz­zo di Giu­sti­zia. Sul­lo scher­mo com­pa­re una scri­va­nia che si tro­va a qua­ran­ta chi­lo­me­tri di di­stan­za, in un pa­laz­zo del cen­tro sto­ri­co di Bas­sa­no del Grap­pa. Non è un film: la cit­tà de­gli Al­pi­ni, che ne­gli an­ni scor­si si è vi­sta «scip­pa­re» il tri­bu­na­le a cau­sa del­la rior­ga­niz­za­zio­ne de­ci­sa dal Go­ver­no (che ha fat­to con­ver­ge­re tut­ti gli uf­fi­ci a Vi­cen­za) pre­sto ri­tro­ve­rà - al­me­no in par­te - gli av­vo­ca­ti che un tem­po af­fol­la­va­no le udien­ze.

L’idea è frut­to di un per­cor­so in­tra­pre­so da Riz­zo or­mai un an­no fa, ini­zia­to con la pos­si­bi­li­tà - of­fer­ta al­le giu­di­ci­mam­ma - di di­scu­te­re le sen­ten­ze da ca­sa, e che pa­re de­sti­na­to a ri­vo­lu­zio­na­re il rap­por­to tra cit­ta­di­ni e Giu­sti­zia: i te­sti­mo­ni dei pro­ces­si ci­vi­li non sa­ran­no più ob­bli­ga­ti a pre­sen­tar­si «di per­so­na» di fron­te al giu­di­ce, per­ché po­tran­no far­lo in vi­deo-con­fe­ren­za. Sem­bra una co­sa da po­co ma è la pri­ma vol­ta in Ita­lia e per­met­te­rà ai cit­ta­di­ni di ri­spar­miar­si la scoc­cia­tu­ra di lun­ghe tra­sfer­te, che spes­so si tra­du­co­no in per­di­ta di de­na­ro e di in­te­re gior­na­te di la­vo­ro.

Ie­ri mat­ti­na il pre­si­den­te ha de­po­si­ta­to il prov­ve­di­men­to che con­tie­ne le di­spo­si­zio­ni tec­ni­che e le nuo­ve re­go­le. La spe­ri­men­ta­zio­ne è sta­ta fat­ta con buo­ni ri­sul­ta­ti - la scor­sa set­ti­ma­na e ora non re­sta che ac­cen­de­re i com­pu­ter.

Si par­te il 29 mag­gio quan­do, per dirimere una con­tro­ver­sia, è sta­to chia­ma­to un con­su­len­te bas­sa­ne­se che pe­rò - e non era mai ac­ca­du­to pri­ma - non do­vrà nep­pu­re fa­re la fa­ti­ca di rag­giun­ge­re il ca­po­luo­go: po­trà ri­ce­ve­re dal giu­di­ce l’in­ca­ri­co re­stan­do co­mo­da­men­te nel­la sua cit­tà. A Bas­sa­no del Grap­pa, nel­la se­de del giu­di­ce di pa­ce, è sta­ta in­fat­ti al­le­sti­ta una sa­la do­ta­ta di scher­mo e web­cam. Lì ver­ran­no fat­ti ac­co­mo­da­re con­su­len­ti e te­sti­mo­ni, ac­com­pa­gna­ti da un can­cel­lie­re e da­gli av­vo­ca­ti di par­te. Ri­pre­si in vol­to dal­la te­le­ca­me­re, po­tran­no ri­spon­de­re al­le do­man­de dei ma­gi­stra­ti di Vi­cen­za che li ve­dran­no com­pa­ri­re sul mo­ni­tor dell’au­la. Im­ma­gi­ni e au­dio viag­ge­ran­no su in­ter­net, gra­zie a un si­ste­ma pro­tet­to e a pro­va di hac­ker.

In fon­do, non è mol­to di­ver­so da quan­to ac­ca­de nei pro­ces­si di ma­fia, quan­do il pen­ti­to di tur­no vie­ne chia­ma­to a te­sti­mo­nia­re in «di­ret­ta» da una lo­ca­li­tà se­gre­ta. La dif­fe­ren­za è che qui si trat­ta esclu­si­va­men­te dei pro­ce­di­men­ti ci­vi­li, da sem­pre il no­do più com­ples­so da ri­sol­ve­re quan­do si af­fron­ta il pro­ble­ma dei tem­pi bi­bli­ci del­la no­stra Giu­sti­zia.

Per ca­pi­re la por­ta­ta del cam­bia­men­to, ba­sti pen­sa­re che Bas­sa­no e Co­mu­ni li­mi­tro­fi con­ta­no 200mi­la abi­tan­ti per i qua­li, d’ora in poi, gli av­vo­ca­ti po­tran­no chie­de­re che sia­no ascol­ta­ti «a di­stan­za». E l’obiet­ti­vo è di esten­de­re il ser­vi­zio an­che ad al­tre zo­ne del­la pro­vin­cia. E ma­ga­ri al re­sto del Ve­ne­to.

«Il giu­di­ce ci­vi­le col­le­ga­to dal tri­bu­na­le di Vi­cen­za - spie­ga il pre­si­den­te Al­ber­to Riz­zo po­trà par­la­re con i te­sti­mo­ni che si tro­va­no a Bas­sa­no ma an­che con­fe­ri­re in­ca­ri­chi e as­si­ste­re al giu­ra­men­to dei con­su­len­ti. Un si­ste­ma che ren­de­rà più sem­pli­ce e flui­do il rap­por­to tra cit­ta­di­ni e tri­bu­na­le».

Al­ber­to Riz­zo Un si­ste­ma che ren­de­rà più sem­pli­ce e flui­do il rap­por­to tra cit­ta­di­ni e tri­bu­na­le

C’è chi la ve­de co­me una pro­va ge­ne­ra­le in at­te­sa di po­ter ap­pli­ca­re lo stes­so si­ste­ma an­che al­le udien­ze pe­na­li: all’oriz­zon­te c’è il ma­xi-pro­ces­so al­la Po­po­la­re di Vi­cen­za, con mi­glia­ia di par­ti ci­vi­li e de­ci­ne di te­sti­mo­ni. Im­pos­si­bi­le tro­va­re un’au­la di tri­bu­na­le in gra­do di con­te­ner­li tut­ti. «Mol­to più co­mo­do - sug­ge­ri­sco­no gli av­vo­ca­ti - se­gui­re i la­vo­ri in vi­deo­con­fe­ren­za».

La stan­za Sot­to, l’au­la nel Pa­laz­zo di Giu­sti­zia di Vi­cen­za: da lì il giu­di­ce po­trà ascol­ta­re i te­sti­mo­ni in «di­ret­ta» da Bas­sa­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.