Gli im­pren­di­to­ri: «I sol­di? So­lo con un pro­get­to E la Re­gio­ne si muo­va»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Gian­ni Fa­ve­ro

VE­NE­ZIA «An­che aven­do­ne pos­si­bi­li­tà ed in­ten­zio­ne, chi è quell’in­ve­sti­to­re po­ten­zia­le di­spo­ni­bi­le a met­te­re sol­di pro­pri in un pro­get­to di cui non si co­no­sce nul­la? Per­ché un im­pren­di­to­re do­vreb­be pun­ta­re su Ve­ne­to Ban­ca o su Po­po­la­re di Vi­cen­za se i pia­ni in­du­stria­li in con­cre­to non esi­sto­no e le idee cam­bia­no ogni due giorni?». Pur ri­co­no­scen­do che dell’ar­go­men­to è «mol­to dif­fi­ci­le par­la­re» l’idea di fon­do del fi­nan­zie­re Gio­van­ni Ga­jo, fon­da­to­re di Al­ce­do Sgr, e abi­tua­to nel­lo sta­re a ca­val­lo tra fi­nan­za e im­pre­sa, è piut­to­sto chia­ra.

La Bce so­stie­ne che ser­vo­no 6,4 mi­liar­di per pro­va­re a ri­met­te­re in pie­di gli isti­tu­ti, Bru­xel­les av­ver­te che, pe­rò, lo Sta­to, per tam­po­na­re i bu­chi, può ar­ri­va­re fi­no ad un cer­to pun­to e che 800 mi­lio­ni de­vo­no es­ser cor­ri­spo­sti da sog­get­ti pri­va­ti. La ragione per cui que­sti do­vreb­be­ro av­ver­ti­re l’af­fla­to mo­ra­le per far­lo è il ve­ro og­get­to mi­ste­rio­so. «Quel­lo del­la sal­vez­za del­le ban­che di ter­ri­to­rio è un te­ma di ban­die­ra – pro­se­gue Ga­jo – che og­gi non ha più ragione di es­ser con­si­de­ra­ta. Dun­que i sol­di si do­vreb­be­ro met­te­re a fron­te di un ri­tor­no; ma su que­sto non c’è al­cun in­di­zio, per­ché il pia­no in­du­stria­le in so­stan­za man­ca, an­co­ra non è sta­to de­ci­so se le due ban­che di­ven­te­ran­no una so­la e nes­su­no ha il tem­po di se­gui­re le oscil­la­zio­ni di pen­sie­ro di Fa­bri­zio Vio­la, di Ales­san­dro Pe­na­ti ma­ga­ri sot­to pres­sio­ne di Ue e Bce. Ri­ma­ne l’ipo­te­si del­la sen­si­bi­li­tà so­cia­le e del­la be­ne­fi­cen­za. Ma in que­sto ca­so per­ché non da­re i sol­di, piut­to­sto, ad un bre­fo­tro­fio?».

In so­stan­za, se il mon­do del­la gran­de in­du­stria, di fron­te al­le ex po­po­la­ri che ri­schia­no di af­fo­ga­re, non apre boc­ca e guar­da al­tro­ve, per Ga­jo una ragione c’è an­che: «La neb­bia non si è di­ra­da­ta – con­clu­de – e, non aven­do nul­la da esa­mi­na­re ai fi­ni di un’even­tua­le de­ci­sio­ne, per il mo­men­to io di sol­di non ne met­to e non con­si­glio ad al­tri di far­lo».

Non dis­si­mi­le il pun­to di vi­sta di Fa­bio Fran­ce­schi, pa­tròn di Gra­fi­ca Ve­ne­ta: «Non dob­bia­mo par­la­re di im­pren­di­to­ri che si na­scon­do­no – di­ce, re­pli­can­do al sot­to­se­gre­ta­rio all’Eco­no­mia, Pier­pao­lo Ba­ret­ta sul­la man­ca­ta as­sun­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà del­la ca­te­go­ria – ma di una si­tua­zio­ne che si de­ve ri­com­por­re, e que­sto non di­pen­de da noi». Per Fran­ce­schi a non es­se­re cor­ret­to è in­nan­zi­tut­to l’at­teg­gia­men­to di Bru­xel­les giu­di­ca­to «ag­gres­si­vo ver­so ban­che che so­no mol­to de­bo­li. Non ap­pe­na si ve­drà una ri­par­ten­za – as­si­cu­ra – l’im­pe­gno de­gli im­pren­di­to­ri del ter­ri­to­rio non man­che­rà».

Ad apo­stro­fa­re Ba­ret­ta è ov­via­men­te an­che Nicola Fin­co, ca­po­grup­po in con­si­glio re­gio­na­le del­la Le­ga Nord: «Ba­ret­ta non si è mai vi­sto ad una so­la as­sem­blea de­gli azio­ni­sti del­le ex po­po­la­ri, al con­tra­rio di mol­ti al­tri che si so­no pre­sta­ti ad un fran­co con­fron­to sen­za ti­mo­ri, an­che quan­do si trat­ta­va di scen­de­re in piaz­za a dia­lo­ga­re con cit­ta­di­ni giu­sta­men­te ar­rab­bia­ti. Co­sa ha fat­to di con­cre­to Ba­ret­ta per il Ve­ne­to in 5 an­ni di go­ver­no?».

Fra gli im­pren­di­to­ri, men­tre la­ti­ta­no le pre­se di po­si­zio­ne sul fron­te Con­fin­du­stria, avan­za in­tan­to un’ aper­tu­ra Apin­du­stria Vi­cen­za at­tra­ver­so il suo pre­si­den­te, Fla­vio Lo­ren­zin, il qua­le po­ne co­mun­que co­me con­di­zio­ne ne­ces­sa­ria l’as­sun­zio­ne di un ruo­lo da par­te del­la Re­gio­ne. «Un mi­liar­do si può tro­va­re, non so­no ne­ces­sa­rie mol­tis­si­me azien­de per met­ter­lo in­sie­me», so­stie­ne, ri­te­nen­do fon­da­men­ta­le scrol­lar­si di dos­so il pas­sa­to e ri­co­strui­re un si­ste­ma ban­ca­rio in gra­do di «vi­ve­re da den­tro» il ter­ri­to­rio, che sap­pia toc­ca­re con ma­no «le pe­cu­lia­ri­tà del­la no­stra real­tà eco­no­mi­ca e pro­dut­ti­va. Noi già fin d’ora dia­mo la no­stra di­spo­ni­bi­li­tà ad esserci, im­pa­ran­do da­gli er­ro­ri del pas­sa­to per re­sti­tui­re al Ve­ne­to un nuo­vo pun­to di ri­fe­ri­men­to sul fron­te ban­ca­rio e cre­di­ti­zio, ba­sa­to su re­go­le chia­re e mas­si­ma tra­spa­ren­za. Per fa­re que­sto ri­te­nia­mo pe­rò cru­cia­le l’in­ter­ven­to del­la Re­gio­ne, che ha i nu­me­ri e i mez­zi per coin­vol­ge­re gli at­to­ri ne­ces­sa­ri e svol­ge­re un ruo­lo di coor­di­na­men­to e pun­to di con­tat­to tra le di­ver­se real­tà ter­ri­to­ria­li che han­no a cuo­re il fu­tu­ro del­la no­stra eco­no­mia e la no­stra ‘fa­me di cre­sci­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.