Il pro­fi­lo

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Festival Economia - Ma­ri­ka Da­mag­gio © RIPRODUZIONE RISERVATA

Al­vin Eliot Ro­th è un eco­no­mi­sta sta­tu­ni­ten­se. È na­to a New York nel 1951. In­se­gna all’Har­vard Bu­si­ness School. Nel 2012 è sta­to in­si­gni­to, in­sie­me a Lloyd Sto­well Sha­pley, del Pre­mio No­bel per l’eco­no­mia. tto apri­le 2008. La da­ta è ri­ma­sta im­pres­sa nel­la me­mo­ria dei chi­rur­ghi del «Johns Ho­p­kins» Ho­spi­tal di Bal­ti­mo­ra. Quel gior­no fu­ro­no ef­fet­tua­te do­di­ci ope­ra­zio­ni sin­cro­niz­za­te, os­sia sei de­li­ca­ti tra­pian­ti. Sei per­so­ne ave­va­no bi­so­gno di un nuo­vo re­ne; tut­te ave­va­no tro­va­to un do­na­to­re, tut­ta­via era in­com­pa­ti­bi­le. Ma c’è chi ha tro­va­to una so­lu­zio­ne se­guen­do una sor­ta di mot­to: a cia­scu­no il suo. Ci ha pen­sa­to un eco­no­mi­sta, Al­vin Ro­th, che ha isti­tui­to con i col­le­ghi Tay­fun Sön­mez e M. Ut­ku Ün­ver il New En­gland Pro­gram for Kid­ney Ex­chan­ge, un si­ste­ma per scam­bia­re i re­ni, in ge­ne­re tra due, spes­so tre cop­pie. Il fun­zio­na­men­to è sem­pli­ce quan­to ef­fi­ca­ce: in­trec­cia­re do­man­da e of­fer­ta af­fin­ché cia­scu­no ab­bia ciò che cer­ca (o di cui ha bi­so­gno). Un mec­ca­ni­smo d’in­con­tro, scam­bio al­la pa­ri, di re­ci­pro­ci­tà. Un si­ste­ma, an­co­ra, ne­ces­sa­rio nei mer­ca­ti che Ro­th de­fi­ni­sce «non mo­ne­ta­ri», os­sia ta­ra­ti su al­tri pre­sup­po­sti («Pa­ga­re un or­ga­no ol­tre che il­le­ga­le è con­si­de­ra­to ri­pu­gnan­te»). Per que­sta in­tui­zio­ne Ro­th, nel 2012, ha ri­ce­vu­to il pre­mio No­bel per l’Eco­no­mia e il pri­mo giu­gno sa­rà ospi­te a Tren­to per di­scu­te­re pro­prio del­la sua teo­ria sul­lo scam­bio di re­ni. Il gior­no suc­ces­si­vo pre­sen­te­rà il suo ul­ti­mo li­bro: «Mat­ch­ma­king. La scien­za eco­no­mi­ca del da­re a cia­scu­no il suo». Sul­lo sfon­do c’è una con­vin­zio­ne: Al­vin Eliot Ro­th, 65 an­ni, è un eco­no­mi­sta ori­gi­na­rio di New York. È no­to per i suoi con­tri­bu­ti nell’am­bi­to del­la teo­ria dei gio­chi e dell’eco­no­mia spe­ri­men­ta­le «L’eco­no­mia può mi­glio­ra­re il wel­fa­re», ri­pe­te Ro­th con gli oc­chi che sor­ri­do­no.

Pro­fes­so­re, l’eco­no­mia è spes­so astrat­ta e lon­ta­na dal prag­ma­ti­smo del­la quo­ti­dia­ni­tà, ma la sua car­rie­ra smen­ti­sce ta­le pre­con­cet­to. Sa­lu­te ed eco­no­mia, per esem­pio, si ri­ve­la­no in­ter­con­nes­se. La teo­ria dei gio­chi, l’ap­proc­cio spe­ri­men­ta­le e la pro­get­ta­zio­ne dei mer­ca­ti (il mar­ket de­si­gn) pos­so­no mi­glio­ra­re il no­stro si­ste­ma so­cia­le?

«I mer­ca­ti so­no stru­men­ti che gli es­se­ri uma­ni han­no uti­liz­za­to fin dal prin­ci­pio del­la no­stra sto­ria, al fi­ne di coo­pe­ra­re e coor­di­nar­si re­ci­pro­ca­men­te. Co­sì co­me al­tri stru­men­ti, ci aiu­ta­no a pro­dur­re gran par­te dell’ab­bon­dan­za ma­te­ria­le che, a sua vol­ta, con­sen­te a mol­te per­so­ne, og­gi, di vi­ve­re mol­to più a lun­go e mol­to più in sa­lu­te ri­spet­to ai no­stri an­te­na­ti. Co­sì co­me i pro­gres­si tec­no­lo­gi­ci ci han­no per­mes­so di mi­glio­ra­re le no­stre esi­sten­ze, al­lo stes­so mo­do i pro­gres­si eco­no­mi­ci ci con­sen­to­no di svi­lup­pa­re l’ef­fi­ca­cia e pro­muo­ve­re al tem­po stes­so wel­fa­re e be­nes­se­re».

Lei ha tro­va­to un si­ste­ma per ri­spon­de­re al­la ca­ren­za di or­ga­ni. Com’è pos­si­bi­le or­ga­niz­za­re in mo­do ef­fi­cien­te lo scam­bio di re­ni, te­nen­do con­to di vin­co­li eti­ci e nor­ma­ti­vi?

«Per ri­sol­ve­re fa­cil­men­te la ca­ren­za di re­ni, io e i miei col­le­ghi eco­no­mi­sti ab­bia­mo aiu­ta­to i chi­rur­ghi, or­ga­niz­zan­do un ve­ro e pro­prio scam­bio di re­ni, un si­ste­ma che con­sen­te di aiu­ta­re un con­giun­to ad ave­re un or­ga­no, qua­lo­ra non sia pos­si­bi­le do­na­re un re­ne di­ret­ta­men­te al pro­prio ca­ro. Le cop­pie di pa­zien­ti-do­na­to­ri in­com­pa­ti­bi­li pos­so­no do­na­re il re­ne a un’al­tra cop­pia, af­fin­ché ogni pa­zien­te ab­bia un or­ga­no com­pa­ti­bi­le da un al­tro do­na­to­re. Men­tre i gran­di cen­tri per tra­pian­ti pos­so­no (e a vol­te ci rie­sco­no) or­ga­niz­za­re scam­bi di re­ni tra le lo­ro cop­pie di pa­zien­ti-do­na­to­ri, un si­ste­ma cen­tra­liz­za­to ren­de pos­si­bi­le la pia­ni­fi­ca­zio­ne di uno scam­bio ef­fi­cien­te tra pic­co­li cen­tri e tra cen­tri che han­no dif­fi­col­tà a far in­con­tra­re do­man­da e of­fer­ta tra cop­pie di pa­zien­ti-do­na­to­ri».

In che mi­su­ra que­sto scam­bio è ge­sti­bi­le su sca­la glo­ba­le, tra Pae­si ric­chi e Pae­si po­ve­ri?

«Cer­che­re­mo di va­lu­tar­lo, per ora ab­bia­mo mes­so a pun­to un si­ste­ma ta­ra­to su una pic­co­la sca­la».

Co­sa in­ten­dia­mo di­se­gua­le? con sa­lu­te

«Quan­do par­lia­mo di di­su­gua­glian­ze di red­di­to ar­go­men­tia­mo la cri­ti­ci­tà di ta­le con­di­zio­ne che si ri­ve­la un pro­ble­ma ag­giun­ti­vo se ab­bia­mo a che fa­re con seg­men­ti di po­po­la­zio­ne che pre­ve­di­bil­men­te so­no po­ve­ri, in­di­gen­ti. Al­lo stes­so mo­do, lo sap­pia­mo, non è pia­ce­vo­le es­se­re am­ma­la­ti ed è un pro­ble­ma ag­giun­ti­vo se in­te­ri seg­men­ti di po­po­la­zio­ne so­no si­ste­ma­ti­ca­men­te in cat­ti­va sa­lu­te. Se ana­liz­zia­mo l’aspet­ta­ti­va di vi­ta, ve­dia­mo che le per­so­ne me­no ab­bien­ti han­no spes­so una vi­ta più bre­ve, mag­gio­ri di­sa­bi­li­tà e una sa­lu­te in­cer­ta».

Nel suo li­bro «Mat­ch­ma­king. La scien­za eco­no­mi­ca del da­re a cia­scu­no il suo» (Ei­nau­di, 2017) ci rac­con­ta di quei mer­ca­ti in cui il de­na­ro non è l’uni­co fat­to­re a de­ter­mi­na­re che co­sa spet­ta a cia­scu­no. Per mo­strar­ci quan­to sia­no dif­fu­si, ci por­ta in una tri­bù abo­ri­ge­na che com­bi­na i ma­tri­mo­ni per ni­po­ti­ni non an­co­ra na­ti. Poi ci fa co­no­sce­re il mec­ca­ni­smo su cui si ba­sa­no nuo­ve im­pre­se co­me Airbnb e Uber. Ci spie­ga di co­sa si trat­ta?

«I co­sid­det­ti mat­ching mar­ke­ts so­no mer­ca­ti nei qua­li non pos­sia­mo sem­pli­ce­men­te sce­glie­re ciò che vo­glia­mo (an­che se ce lo pos­sia­mo per­met­te­re), dob­bia­mo es­se­re scel­ti al tem­po stes­so. E gran par­te dei mer­ca­ti ver­so i qua­li ci in­ter­fac­cia­mo quo­ti­dia­na­men­te so­no pro­prio co­sì. Ec­co qual­che esem­pio: non sce­glia­mo sem­pli­ce­men­te il la­vo­ro che de­si­de­ria­mo fa­re, dob­bia­mo es­se­re re­clu­ta­ti al tem­po stes­so. An­co­ra: non pos­sia­mo sem­pli­ce­men­te se­le­zio­na­re l’uni­ver­si­tà che in­ten­dia­mo fa­re, dob­bia­mo es­se­re am­mes­si. E il ma­ri­to o la mo­glie? Stes­sa co­sa».

New­yor­che­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.