«Non lu­cra­re sul­la sa­lu­te Il pro­fit­to va eli­mi­na­to »

La ri­cet­ta di Gi­no Stra­da con­tro le di­su­gua­glian­ze «Ab­bia­mo as­si­sti­to 8 mi­lio­ni di per­so­ne in 17 Pae­si»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Festival Economia - Eri­ca Fer­ro

Il Cen­sis di­ce che 11 mi­lio­ni di ita­lia­ni non pos­so­no cu­rar­si co­me do­vreb­be­ro

Oc­cor­re un vac­ci­no con­tro la guer­ra, è la ma­lat­tia più pe­ri­co­lo­sa

Com­ple­ta­men­te gra­tui­te, in mo­do che sia­no ve­ra­men­te ac­ces­si­bi­li a tut­ti e di al­ta qua­li­tà, per­ché sia­no ef­fi­ca­ci. Co­sì do­vreb­be­ro es­se­re le cu­re per Gi­no Stra­da, «e nes­su­no, pra­ti­can­do­le, do­vreb­be trar­ne del pro­fit­to». Per il me­di­co e at­ti­vi­sta lom­bar­do tut­ta­via, che in­sie­me al­la mo­glie Te­re­sa Sar­ti ha fon­da­to Emer­gen­cy, «la ma­lat­tia più pe­ri­co­lo­sa è la guer­ra». Par­le­rà di me­di­ci­na e di­rit­ti uma­ni il 2 giu­gno al­le 21, al Tea­tro so­cia­le.

Stra­da, il di­rit­to al­la cu­ra è un di­rit­to uma­no uni­ver­sa­le e per lei, co­me ha più vol­te di­chia­ra­to, esi­ste un so­lo mo­do di fa­re me­di­ci­na: può spie­ga­re qua­le?

«La me­di­ci­na ha un ruo­lo so­cia­le, c’è bi­so­gno che qual­cu­no si oc­cu­pi del­la sa­lu­te di tut­ti i mem­bri di una co­mu­ni­tà e al­lo­ra de­ve es­se­re pra­ti­ca­ta per tut­ti, di al­ta qua­li­tà e in ma­nie­ra gra­tui­ta, sen­za che qual­cu­no, da que­sto stru­men­to che ser­ve per sta­re be­ne, ne trag­ga del pro­fit­to. At­ten­zio­ne, non par­lo del giu­sto gua­da­gno, del­lo sti­pen­dio. Ma quan­do si con­sen­te l’in­gres­so del pro­fit­to in me­di­ci­na è un di­sa­stro, per i cit­ta­di­ni ma an­che per la scien­za, per­ché non ci so­no più ra­gio­ni per in­di­vi­dua­re nuo­ve cu­re se non quel­le del­le en­tra­te».

Que­sto pa­let­to, tut­ta­via, è or­mai sta­to ab­bat­tu­to da tem­po.

«Per co­scien­te de­ci­sio­ne del­la ca­sta po­li­ti­ca, che ha tra­sfor­ma­to la me­di­ci­na ita­lia­na ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni. E pen­sa­re che ave­va­mo uno dei mi­glio­ri si­ste­mi sa­ni­ta­ri al mon­do». Non è più co­sì?

«La­scia­mo per­de­re. Og­gi, se­con­do il Cen­sis, un­di­ci mi­lio­ni di ita­lia­ni non pos­so­no cu­rar­si co­me do­vreb­be­ro per­ché non so­no in gra­do di so­ste­ner­lo eco­no­mi­ca­men­te. Ma nes­su­no met­te a con­fron­to que­sta ci­fra con il da­to di trent’an­ni fa. Si­gni­fi­ca che una per­so­na su cin­que, nel no­stro Pae­se, avreb­be qual­co­sa da fa­re per cu­rar­si me­glio ma non se lo può per­met­te­re. È ve­ro, di­pen­de an­che dal­la po­ver­tà, ma sa­reb­be ir­ri­le­van­te se le cu­re fos­se­ro di­spo­ni­bi­li per tut­ti». Ma sa­reb­be­ro so­ste­ni­bi­li?

«Non so­lo, ci si gua­da­gne­reb­be pu­re mol­to. Per­ché dei 105 mi­liar­di di eu­ro di cui è com­po­sto il bi­lan­cio per la sa­ni­tà

in Ita­lia, dai 25 ai 30 mi­liar­di ogni an­no si per­do­no in pro­fit­to, per­ché ci so­no del­le per­so­ne che in­ta­sca­no sol­di. Ba­ste­reb­be eli­mi­na­re il pro­fit­to dal­la sa­ni­tà». Ad esem­pio?

«Per­ché un ospe­da­le pri­va­to de­ve es­se­re con­ven­zio­na­to con il si­ste­ma pub­bli­co? Di si­cu­ro non per­ché non ci so­no ab­ba­stan­za no­so­co­mi, vi­sto che stan­no chiu­den­do. La sa­ni­tà pri­va­ta ri­man­ga ta­le, fer­mo re­stan­do il do­ve­re di ri­spet­to del­le re­go­le del­lo Sta­to, e chi vuo­le se ne ser­va, ma per

il re­sto ci de­ve es­se­re la sa­ni­tà pub­bli­ca. Se ci fos­se dav­ve­ro, quel­la pri­va­ta non avreb­be qua­si più mer­ca­to, per­ché mol­ti dei guai del si­ste­ma pub­bli­co de­ri­va­no dal fat­to che pa­rec­chi mi­liar­di so­no sta­ti dre­na­ti nel­le ta­sche di chi pre­fe­ri­sce quel­lo pri­va­to».

È per que­sto che an­che mol­ti ita­lia­ni si ri­vol­go­no a Emer­gen­cy?

«Im­ma­gi­no di sì. Ab­bia­mo co­min­cia­to nel 2006 ad apri­re am­bu­la­to­ri e po­liam­bu­la­to­ri mobili su ca­mion e pull­man, pen­san­do, ini­zial­men­te, a mi­gran­ti, stra­nie­ri, po­ve­ri, per­so­ne che spes­so non han­no ac­ces­so al­le cu­re di cui han­no bi­so­gno per scar­sa co­no­scen­za dei pro­pri di­rit­ti, dif­fi­col­tà lin­gui­sti­che o in­ca­pa­ci­tà a muo­ver­si all’in­ter­no di un si­ste­ma sa­ni­ta­rio com­ples­so. Eb­be­ne, a Mar­ghe­ra, nel se­con­do po­liam­bu­la­to­rio che ha ini­zia­to l’at­ti­vi­tà nel 2010, il pri­mo pa­zien­te era ita­lia­no».

A pro­po­si­to di Emer­gen­cy, il 15 mag­gio ha com­piu­to 23 an­ni e si pre­pa­ra ad apri­re in

Ugan­da un ospe­da­le pro­get­ta­to da Ren­zo Pia­no. Qual è il suo bi­lan­cio?

«Ab­bia­mo cu­ra­to qua­si 8 mi­lio­ni di per­so­ne in 17 Pae­si del mon­do. Po­co, po­chis­si­mo ri­spet­to ai bi­so­gni, ma l’ab­bia­mo fat­to be­ne e con al­tis­si­ma qua­li­tà. Emer­gen­cy ha ca­pi­to, inol­tre, che non ci si può più li­mi­ta­re a cu­ra­re le vit­ti­me del­la guer­ra in sen­so la­to, ma bi­so­gna agi­re per fer­ma­re i con­flit­ti».

Ep­pu­re, con il con­flit­to si­ria­no or­mai in­can­cre­ni­to o i pre­oc­cu­pan­ti ven­ti che spi­ra­no dal­la pe­ni­so­la co­rea­na, sem­bra che la guer­ra sia un se­gno dei tem­pi.

«Il te­ma del­la guer­ra è la que­stio­ne più ur­gen­te che va af­fron­ta­ta, per­ché è la ma­lat­tia più pe­ri­co­lo­sa, per la qua­le bi­so­gna tro­va­re una cu­ra e so­prat­tut­to un vac­ci­no. Ba­ste­reb­be co­min­cia­re a ri­flet­ter­ci, in­ve­ce sul­la guer­ra si leg­go­no so­lo bu­gie. An­che se per co­no­sce­re la ve­ri­tà del­la guer­ra sa­reb­be suf­fi­cien­te guar­da­re al­le vit­ti­me».

A pro­po­si­to di vac­ci­ni, co­me ve­de il re­cen­te de­cre­to leg­ge che ne rein­tro­du­ce l’ob­bli­ga­to­rie­tà per l’iscri­zio­ne ad asi­li ni­do e scuo­le?

«Am­met­to di non aver­lo let­to e non vo­glio en­tra­re nel­le po­le­mi­che po­li­ti­che. Vac­ci­na­re i bam­bi­ni è una co­sa in­tel­li­gen­te e chi non lo fa è un pir­la».

Co­sa ne pen­sa del­le ac­cu­se del pro­cu­ra­to­re di Ca­ta­nia Car­me­lo Zuc­ca­ro nei con­fron­ti di al­cu­ne Ong?

«Non lo so e non lo sa nes­su­no, per­ché que­sta mi pa­re una polemica me­dia­ti­ca co­strui­ta su del­le chiac­chie­re. Io ho il so­spet­to che die­tro si na­scon­da in­ve­ce la vo­lon­tà di spo­sta­re fon­di de­sti­na­ti al­la coo­pe­ra­zio­ne in­ter­na­zio­na­le all’uti­liz­zo dei mi­li­ta­ri».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.