Bel­li­ni, la na­sci­ta del nuo­vo lin­guag­gio

La mo­stra in cor­so a Pa­laz­zo Sar­ci­nel­li di Co­ne­glia­no. I te­mi e la pit­tu­ra

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Spettacoli - di Gian­do­me­ni­co Ro­ma­nel­li

Ul­ti­mo ap­pun­ta­men­to con la mo­stra Bel­li­ni e i bel­li­nia­ni in cor­so a Pa­laz­zo Sar­ci­nel­li, (Co­ne­glia­no, Tre­vi­so), fi­no al 28 giu­gno con ope­re di Gio­van­ni Bel­li­ni e di suoi al­lie­vi e se­gua­ci dall’Ac­ca­de­mia dei Con­cor­di di Ro­vi­go (www.mo­stra­bel­li­ni.it)

Acin­que­cent’an­ni dal­la mor­te, at­tor­no al­la fi­gu­ra di Gio­van­ni Bel­li­ni per­man­go­no an­co­ra dub­bi e mi­ste­ri: a co­min­cia­re pro­prio dal­la sua da­ta di na­sci­ta e dal­la sua po­si­zio­ne all’in­ter­no di un al­be­ro ge­nea­lo­gi­co che sem­bra­va fi­no a ie­ri chia­ro e con­so­li­da­to e che ri­ve­la, in­ve­ce, cre­pe e in­cer­tez­ze.

Mi­ste­rio­sa­men­te non no­mi­na­to nel te­sta­men­to del­la pre­sun­ta ma­dre (An­na Rin­ver­si, mo­glie di Ja­co­po e ma­dre cer­ta di Gen­ti­le, Ni­co­lò e Ni­co­lo­sia) e re­pu­ta­to per que­sto co­me il­le­git­ti­mo Gio­van­ni è sta­to di re­cen­te ipo­tiz­za­to con pre­ge­vo­li pun­tel­li ar­chi­vi­sti­ci co­me fra­tel­lo di Ja­co­po e zio, quin­di, di Gen­ti­le. An­che le te­sti­mo­nian­ze let­te­ra­rie oscil­la­no pau­ro­sa­men­te: da Va­sa­ri in poi egli vien fat­to na­sce­re in un ar­co cro­no­lo­gi­co di­ste­so tra il 1524 e il 1540. Nel 1505 Du­rer, che lo in­con­tra a Ve­ne­zia, lo di­ce «mol­to vec­chio»: espres­sio­ne ra­gio­ne­vo­le per un uo­mo na­to nel 1425 ma mol­to me­no per uno che fos­se na­to nel 1440. Ma se co­sì fos­se, mol­te cer­tez­ze cri­ti­che en­tre­reb­be­ro in cri­si, com­pre­so il suo rap­por­to con An­drea Man­te­gna che spo­sa la già ci­ta­ta Ni­co­lo­sia. Al­tro da­to in­te­res­san­te è quel­lo per cui sa­rà Gen­ti­le a ere­di­ta­re la bot­te­ga pa­ter­na, men­tre Gio­van­ni ne av­via un’al­tra di pro­pria, quel­la che è og­get­to del­la mo­stra at­tual­men­te in cor­so a Co­ne­glia­no.

In­som­ma, e sen­za vo­ler con­ti­nua­re a elen­ca­re pro­ble­mi aper­ti, va det­to che que­sto pit­to­re ap­pa­re sot­to ogni pro­fi­lo con cui lo si vo­glia ri­trar­re, un pas­sag­gio ob­bli­ga­to per l’ar­te del pri­mo Ri­na­sci­men­to, per la con­si­de­ra­zio­ne e il ruo­lo gio­ca­to dall’ar­ti­sta nel­la so­cie­tà del suo tem­po (non più sem­pli­ce se pur raf­fi­na­to ar­ti­gia­no ma in­tel­let­tua­le a pie­no ti­to­lo e a tut­to ton­do), per la stre­pi­to­sa in­ven­zio­ne di una pit­tu­ra sfu­ma­ta e «to­na­le», co­strui­ta per pas­sag­gi cro­ma­ti­ci im­per­cet­ti­bi­li e ve­la­tu­re. Per la cu­ra del pae­sag­gio che as­sur­ge spes­so a pro­ta­go­ni­sta del­la sce­na; per la ric­chis­si­ma com­po­nen­te di pen­sie­ro teo­lo­gi­co non me­no che fi­lo­so­fi­co di cui è so­stan­zia­ta ogni rap­pre­sen­ta­zio­ne, dan­do vi­ta a uno dei più ric­chi ex­ploit cul­tu­ra­li del nuo­vo uni­ver­so uma­ni­sti­co. Per la sua ca­pa­ci­tà, in­fi­ne, di ag­gior­na­re il suo lin­guag­gio sen­za ti­mo­re di os­ser­va­re e mi­su­rar­si con gli ar­ti­sti del­la ge­ne­ra­zio­ne più gio­va­ne, cu­rio­so, spe­ri­men­ta­to­re e ge­nia­le fin sul­la so­glia del­la mor­te (sia che egli aves­se 90 an­ni o «so­lo» 75!).

Co­lo­ri Ge­ro­la­mo da San­ta­cro­ce «Ma­don­na con il Bam­bi­no, quat­tro San­ti e un do­na­to­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.