Pa­do­va­na uc­ci­sa dal en­ce­fa­lo­pa­tia, ma non è muc­ca paz­za Esa­me sul cor­po, la Pro­cu­ra non in­ter­vie­ne: non c’è rea­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - © RIPRODUZIONE RISERVATA Mil­va­na Cit­ter © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA Tutto era ini­zia­to in apri­le, con qual­che di­stur­bo al­la vi­sta, se­gui­to da uno sta­to con­fu­sio­na­le e dal­la dif­fi­col­tà nel coor­di­na­re i mo­vi­men­ti. Do­po un me­se, la dia­gno­si fa­ta­le per una pa­do­va­na di 75 an­ni: mor­bo di Creu­tz­feldt-Ja­kob, ma­lat­tia neu­ro­de­ge­ne­ra­ti­va co­no­sciu­ta an­che co­me en­ce­fa­lo­pa­tia spon­gi­for­me spo­ra­di­ca. La pa­to­lo­gia ri­chia­ma il «mor­bo del­la muc­ca paz­za», che pe­rò sta­vol­ta non c’en­tra. L’an­zia­na, pri­ma ri­co­ve­ra­ta all’ospe­da­le Sant’An­to­nio di Pa­do­va, era sta­ta poi tra­sfe­ri­ta a Ve­ro­na, al­la Neu­ro­lo­gia di Bor­go Ro­ma, spe­cia­liz­za­to nel­la dia­gno­si del­le en­ce­fa­lo­pa­tie. «E’ una ma­lat­tia mor­ta­le nel 100% dei ca­si — spie­ga il pri­ma­rio, pro­fes­sor Sal­va­to­re Mo­na­co —. È pe­rò sba­glia­to par­la­re di muc­ca paz­za, una for­ma del­la ma­lat­tia pra­ti­ca­men­te scom­par­sa e che vent’an­ni fa ha cau­sa­to 200 vit­ti­me. Esi­sto­no di­ver­se for­me di en­ce­fa­lo­pa­tia en quel­la di cui non si co­no­sco­no le cau­se è pro­prio la spo­ra­di­ca, non con­ta­gio­sa e non tra­smis­si­bi­le. Non esi­ste cu­ra, so­lo te­ra­pie pal­lia­ti­ve». Un esa­me dia­gno­sti­co sa­rà ef­fet­tua­to sul ca­da­ve­re ma la Pro­cu­ra di Pa­do­va non en­tra nel­la vi­cen­da per­ché si esclu­de che la ma­lat­tia pos­sa di­pen­de­re da car­ne in­fet­ta. Quin­di non c’è ipo­te­si di rea­to.(a.t.c.) qual­sia­si luo­go di va­can­za, un pa­zien­te po­treb­be tro­va­re i suoi me­di­ci­na­li di­ret­ta­men­te in far­ma­cia». E poi ci so­no i ta­gli, quel­li del­la spesa far­ma­ceu­ti­ca pro-ca­pi­te sce­sa in due an­ni da 130 a 110 eu­ro e del mon­te ore di ri­co­ve­ri ospe­da­lie­ri: «Con pa­zien­ti, an­che cri­ti­ci — in­ter­vie­ne Sal­va­to­re Cau­chi, se­gre­ta­rio re­gio­na­le Sna­mi — di­mes­si in mas­sa il ve­ner­dì e che do­vreb­be­ro es­se­re ge­sti­ti da un’as­si­sten­za ter­ri­to­ria­le che pe­rò man­ca». Il tutto, sot­to­li­nea­no i me­di­ci di fa­mi­glia: «Men­tre ci ac­cu­sa­no di te­ne­re aper­ti i no­stri am­bu­la­to­ri so­lo 3 ore al gior­no — pre­ci­sa Cau­chi —. Ma co­me si fa a dir­lo a fron­te di 80 mi­lio­ni di pre­sta­zio­ni ero­ga­te ogni an­no in Ve­ne­to?».

In­som­ma tra Re­gio­ne e sin­da­ca­ti il cli­ma è te­so, lo sta­to di agi­ta­zio­ne pro­cla­ma­to e un’as­sem­blea, già fis­sa­ta per l’ini­zio di set­tem­bre, che ser­vi­rà a sti­la­re il pro­gram­ma del­le azio­ni di pro­te­sta. Com­pre­so lo scio­pe­ro. «A fron­te di un im­mo­bi­li­smo ge­ne­ra­le, il pre­si­den­te Lu­ca Za­ia se ne viene fuo­ri con il me­di­co di fa­mi­glia di­pen­den­te — con­clu­de Cri­sa­rà —. A noi sta be­ne tutto, ma ci di­ca­no chia­ra­men­te co­sa vo­glio­no fa­re. E so­prat­tut­to lo di­ca­no ai cit­ta­di­ni, per­ché stia­mo par­lan­do di pro­ble­mi che ri­ca­do­no sui pa­zien­ti. Noi vo­glia­mo ca­pi­re co­sa c’è al di là di que­sta bar­rie­ra e far ca­pi­re che, se i progetti non par­to­no, non è per no­stra vo­lon­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.