«Die­ci mi­liar­di da re­cu­pe­ra­re, la sfi­da di Sga»

Marchesano, la gior­na­li­sta che ha stu­dia­to il caso Sga

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mo­ni­ca Zic­chie­ro

«Sul­le ban­che ve­ne­te non ven­go­no for­ni­te in­for­ma­zio­ni chia­re. Non ta­li da po­ter af­fer­ma­re con sicurezza che Sga rie­sca a re­cu­pe­ra­re die­ci mi­liar­di di cre­di­ti de­te­rio­ra­ti», av­ver­te la gior­na­li­sta Mariarosa Marchesano.

VE­NE­ZIA «Sul­le ban­che ve­ne­te non ven­go­no for­ni­te in­for­ma­zio­ni chia­re. Non suf­fi­cien­ti, ad ogni mo­do, ad af­fer­ma­re con sicurezza che Sga che ha ac­qui­sto la bad bank rie­sca a re­cu­pe­ra­re die­ci mi­liar­di di cre­di­ti de­te­rio­ra­ti». Mariarosa Marchesano è una gior­na­li­sta fi­nan­zia­ria che da Milano sta se­guen­do con gran­de in­te­res­se la vi­cen­da del­le ex po­po­la­ri ve­ne­te. Ha im­pie­ga­to due an­ni a stu­dia­re ven­ti an­ni di bi­lan­ci di Sga e la scor­sa estate ha pub­bli­ca­to un li­bro che rac­con­ta co­me ha fat­to la so­cie­tà na­ta nel 1997 co­me bad bank del Ban­co di Na­po­li a re­cu­pe­ra­re il 92% dei 6,4 mi­liar­di di cre­di­ti de­te­rio­ra­ti: Mi­ra­co­lo bad bank. La ve­ra sto­ria del­la Sga a vent’an­ni del crac del Ban­co di Na­po­li. Do­ma­ni c’è l’as­sem­blea di Sga e il Mi­ni­ste­ro dell’Eco­no­mia e del­le Fi­nan­ze rin­no­ve­rà i ver­ti­ci. In po­le, se­con­do au­to­re­vo­li fon­ti, sa­reb­be Ma­ri­na Na­ta­le, con­si­glie­ra di am­mi­ni­stra­zio­ne di Me­dio­ban­ca, già top Ma­na­ger di Uni­cre­dit ai tempi dell’ipo­te­si di ac­qui­si­zio­ne di ban­ca Etru­ria.

Marchesano, Te­so­ro e Bankitalia pon­go­no gran­de fi­du­cia nel­le ca­pa­ci­tà di Sga di re­pli­ca­re il mi­ra­co­lo fat­to col Ban­co di Na­po­li. Sa­rà co­si?

«Le con­di­zio­ni so­no mol­to di­ver­se. Vent’an­ni fa Sga com­prò le sof­fe­ren­ze del Ban­co di Na­po­li al 70%. Era il più gran­de crac di tut­ti tempi, l’isti­tu­to ave­va cin­que se­co­li di sto­ria ed ero­ga­va pre­sti­ti in tut­ta Ita­lia a gran­di im­pren­di­to­ri e fa­mi­glie: Li­gre­sti, Ferlaino, Ital­gra­ni Am­bro­si­no fi­ni­ro­no nel crac. Al tem­po i pre­sti­ti ve­ni­va­no ero­ga­ti con gran­de at­ten­zio­ne al­le ga­ran­zie, che era­no tut­te im­mo­bi­lia­ri. E Sga si tro­vò dun­que a po­ter con­ta­re su abi­ta­zio­ni bel­lis­si­me in via Pe­trar­ca a Na­po­li, a Milano, cen­ti­na­ia di edi­fi­ci di sva­ria­ta na­tu­ra in tut­ta Ita­lia. E quan­do ha co­min­cia­to a ven­de­re gli as­set sot­to­stan­ti a quei cre­di­ti de­te­rio­ra­ti, ha in­cro­cia­to la bol­la im­mo­bi­lia­re».

Pra­ti­ca­men­te, si tro­vò a ven­de­re ca­se ed edi­fi­ci nel pe­rio­do in cui i prez­zi di mercato era­no sem­pre in sa­li­ta. Ades­so pe­rò so­no sce­si e con­ti­nua­no a ca­la­re.

«Esat­to. Riu­sci­ro­no a met­te­re sul mercato gli im­mo­bi­li a va­lo­ri di mercato, mol­to su­pe­rio­ri a quel­li di ca­ri­co. E il suc­ces­so del set­to­re del re­cu­pe­ro dei cre­di­ti de­te­rio­ra­ti è le­ga­to qua­si esclu­si­va­men­te al mercato im­mo­bi­lia­re. Mercato che in que­sto pe­rio­do è in di­sce­sa. E le re­go­le per la con­ces­sio­ne di pre­sti­ti nel frat­tem­po si so­no al­len­ta­te. Fac­cia­mo un esem­pio: le ban­che ve­ne­te al tem­po del­la bol­la im­mo­bi­lia­re con­ces­se­ro un mu­tuo di 100mi­la eu­ro per l’ac­qui­sto del­la ca­sa. Ma quell’abi­ta­zio­ne che i con­traen­ti fanno fa­ti­ca a pa­ga­re sul mercato og­gi non va­le più cen­to­mi­la eu­ro. E poi bi­so­gna ve­de­re co­me ve­ni­va­no ero­ga­ti i pre­sti­ti, dal­le ban­che ve­ne­te».

Sga ha già fat­to un mi­ra­co­lo ma è sta­ta aiu­ta­ta dal­la bol­la im­mo­bi­lia­re Og­gi il mercato è in di­sce­sa Inol­tre non si sa che ti­po di sof­fe­ren­ze sia­no quel­le ve­ne­te

Par­la del­le ope­ra­zio­ni ba­cia­te?

«Sì, per re­sta­re nell’esem­pio: si chie­de­va­no 100mi­la eu­ro per la ca­sa, la ban­ca te ne da­va 150mi­la a pat­to che tu con i 50mi­la in più com­pras­si le lo­ro azio­ni. Ora quel­le azio­ni non val­go­no nien­te e quei 50mi­la eu­ro non esi­sto­no. Un mo­ti­vo di gran­de in­cer­tez­za sul­la ca­pa­ci­tà di re­cu­pe­ro. Sga ha ac­cu­mu­la­to una gran­dis­si­ma espe­rien­za, tut­ta­via bi­so­gne­reb­be ave­re in­for­ma­zio­ni più det­ta­glia­te su che ti­po di sof­fe­ren­ze ci so­no in Ve­ne­to».

Nel suo li­bro lei rac­con­ta che nel caso del Ban­co di Na­po­li le non era­no sof­fe­ren­ze do­vu­te a fal­li­men­ti del­le im­pre­se fi­nan­zia­te. Sem­pli­ce­men­te, la Le­ga al go­ver­no chiuse da un mo­men­to all’al­tro i ru­bi­net­ti del­la Cas­sa del Mez­zo­gior­no. E in Ve­ne­to?

«C’è la ri­pre­sa, il Ve­ne­to è ter­ra la­bo­rio­sa che si dà da fa­re e si­cu­ra­men­te ci so­no buo­ne ba­si. So­no 50mi­la le po­si­zio­ni cer­ti­fi­ca­te da Bankitalia, che al mo­men­to la so­la è in pos­ses­so di tut­te le in­for­ma­zio­ni. Sa­ran­no pro­ba­bil­men­te re­se pub­bli­che quan­do le ac­qui­si­rà ma­te­rial­men­te Sga. Che pe­rò, a dif­fe­ren­za del 1997 non ac­qui­si­sce un cre­di­to ma un de­bi­to».

In che sen­so?

«All’epo­ca, con un pre­sti­to da Bankitalia ad un tas­so al­tis­si­mo, 9%, com­prò le sof­fe­ren­ze. Que­sta vol­ta si è ac­col­la­ta i mi­liar­di di de­bi­to del­le ban­che ve­ne­te. E ogni an­no de­ve per co­sì di­re ri­pa­gar­li, co­me se fos­se un mu­tuo. Ov­via­men­te que­sto mec­ca­ni­smo fa sì che Sga cer­chi di re­cu­pe­ra­re il più ve­lo­ce­men­te pos­si­bi­le i 10 mi­liar­di da gi­ra­re al­lo Sta­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.