«Il mio Mar­co non si uc­ci­se la pro­cu­ra in­da­ghi per omi­ci­dio»

La ma­dre del 17en­ne mor­to sotto il tre­no: «In­ter­ro­ga­te i suoi ami­ci»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - M.Cit. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VILLORBA «L’au­top­sia non chia­ri­sce i dub­bi sul­la mor­te di mio fi­glio, la pro­cu­ra non de­ve ar­chi­via­re l’in­da­gi­ne. Mar­co è sta­to mas­sa­cra­to e uc­ci­so, il tre­no non l’ha nep­pu­re toc­ca­to». A par­la­re è An­na Cat­ta­rin, mam­ma del 17en­ne che il 16 gen­na­io scor­so è mor­to do­po es­se­re sta­to in­ve­sti­to da un tre­no a Lan­ce­ni­go. La don­na non si è mai ras­se­gna­ta all’ipo­te­si che suo Mar­co pos­sa es­ser­si tol­to la vi­ta e per que­sto si è af­fi­da­ta agli esper­ti di Stu­dio 3A: «Vo­glio sia fat­ta chia­rez­za» di­ce, ri­ve­lan­do an­che che «la no­ti­zia del pre­sun­to investimento sa­reb­be cir­co­la­ta già mezz’ora pri­ma del pas­sag­gio del tre­no». Di­chia­ra­zio­ni che sca­tu­ri­sco­no dal­la pe­ri­zia me­di­co-le­ga­le ese­gui­ta dal dottor Al­ber­to Fur­la­net­to, che in­di­vi­dua co­me cau­sa più plau­si­bi­le del­la mor­te quel­la del sui­ci­dio senza pe­rò esclu­de­re l’omi­ci­dio: «La le­si­vi­tà ri­scon­tra­ta ap­pa­re com­pa­ti­bi­le con più ri­co­stru­zio­ni. La co­sa più pro­ba­bi­le è che sia sta­to un ten­ta­ti­vo di sui­ci­dio mal ese­gui­to, che ha pro­vo­ca­to gra­vis­si­me le­sio­ni». L’uni­ca co­sa sta­bi­li­ta con cer­tez­za è che un soc­cor­so tem­pe­sti­vo non avreb­be sal­va­to Mar­co, sca­gio­nan­do di fat­to i tre fer­ro­vie­ri in­da­ga­ti per omis­sio­ne di soc­cor­so.

Mar­co ave­va sof­fer­to per la mor­te del pa­dre, uc­ci­so­si nel­lo stes­so mo­do po­chi me­si pri­ma. «Ma in quel pe­rio­do sta­va be­ne, ave­va una fi­dan­za­ta e un ca­ne che ado­ra­va», spie­ga mam­ma An­na, che ha in­vi­ta­to la pro­cu­ra a in­da­ga­re sul­le «brut­te com­pa­gnie del fi­glio». La mam­ma e Stu­dio 3A sot­to­li­nea­no con for­za che la pe­ri­zia an­che se al­la fi­ne con­clu­de che «la le­si­vi­tà ri­scon­tra­ta e le cir­co­stan­ze del ri­tro­va­men­to in­du­co­no a ri­te­ne­re più pro­ba­bi­le un ten­ta­ti­vo di sui­ci­dio» non esclu­de l’omi­ci­dio. Mar­co sa­reb­be sta­to pic­chia­to e poi spin­to con­tro il tre­no, ipo­te­si che spie­ghe­reb­be il per­ché di un «trau­ma cra­ni­co pro­vo­ca­to da una su­per­fi­cie li­scia che non ha esco­ria­to il ca­po, co­me avreb­be do­vu­to fa­re l’ac­ciot­to­la­to dei bi­na­ri». O, ter­za ipo­te­si, un vio­len­to pe­stag­gio nel qua­le il tre­no non avreb­be avu­to al­cun ruo­lo. Ma su que­sto in pro­cu­ra i dub­bi so­no po­chi: «Non ab­bia­mo ele­men­ti – spie­ga il pro­cu­ra­to­re Mi­che­le Dal­la Co­sta - per ri­te­ne­re che il ra­gaz­zo sia sta­to vo­lon­ta­ria­men­te o in­vo­lon­ta­ria­men­te spin­to con­tro il tre­no».

Il luo­go del­la tra­ge­dia La sta­zio­ne fer­ro­via­ria di Lan­ce­ni­go, do­ve il ra­gaz­zo si sa­reb­be tol­to la vi­ta get­tan­do­si sotto a un tre­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.