Ta­glia­ti gli uli­vi del­la te­nu­ta Zo­nin

«La­dri di le­gna­me, esclu­dia­mo una ri­tor­sio­ne per la ban­ca»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Be­ne­det­ta Cen­tin © RIPRODUZIONE RISERVATA

BRIN­DI­SI «Stra­ge» di al­be­ri di uli­vo nell’azien­da vi­ti­vi­ni­co­la e olea­ria pu­glie­se di pro­prie­tà del­la fa­mi­glia Zo­nin. Qual­cu­no, pro­ba­bil­men­te più per­so­ne, han­no scel­to una zo­na de­fi­la­ta del­la te­nu­ta di Tor­re di San­ta Su­san­na, nel Brin­di­si­no, un lot­to di ter­re­no non il­lu­mi­na­to, e lì, nel cor­so di una not­te, for­se più not­ti, han­no ra­so al suo­lo un’ot­tan­ti­na di al­be­ri di una tren­ti­na di an­ni.

Scat­ta­ta la de­nun­cia con­tro igno­ti da par­te del di­ret­to­re dell’azien­da «Al­te­mu­ra», i ca­ra­bi­nie­ri han­no av­via­to in­da­gi­ni. Ar­ri­va­re ai re­spon­sa­bi­li ap­pa­re ar­duo. Ma il mo­ven­te, per quan­to non vi sia­no ri­ven­di­ca­zio­ni ad oggi, sem­bra chia­ro per Fran­ce­sco Zo­nin, vi­ce­pre­si­den­te del­la ca­sa vi­ni­co­la «Zo­nin 1821»: «Han­no ta­glia­to gli al­be­ri per far­ne le­gna, pur­trop­po ca­pi­ta in agri­col­tu­ra, co­sì co­me ru­ba­no le bar­ba­tel­le dai vi­gne­ti: si de­ve met­te­re in con­to, un po’ co­me la gran­di­ne». E pen­sa­re che c’era chi ave­va az­zar­da­to un col­le­ga­men­to con il crac Ban­ca Po­po­la­re di Vicenza, di cui Gian­ni Zo­nin è sta­to pre­si­den­te. «La ban­ca non c’en­tra nul­la, lo esclu­do – chio­sa Zo­nin ju­nior – , è ca­pi­ta­to a noi ma ca­pi­ta an­che ai vi­ci­ni, cer­to non ci vo­le­va vi­sto la peg­gior bri­na­ta de­gli ul­ti­mi se­co­li che si è re­gi­stra­ta».

Il dan­neg­gia­men­to, nel si­to de­no­mi­na­to «Mon­te­ver­de» che si tro­va lun­go la pro­vin­cia­le per Cel­li­no San Mar­co, è sta­to mes­so a segno tra il 12 e il 18 giu­gno scor­so. Co­sì in­fat­ti ri­sul­ta dal­la de­nun­cia for­ma­liz­za­ta ai ca­ra­bi­nie­ri di Tor­re di San­ta Su­san­na. Un’area, quel­la de­pre­da­ta, che si tro­va lon­ta­no dal­le strut­tu­re ri­cet­ti­ve dell’azien­da inau­gu­ra­ta nel 2012 dal Mi­ni­stro per le po­li­ti­che agri­co­le co­mu­ni­ta­rie Ma­rio Ca­ta­nia. So­lo una par­te dei 300 et­ta­ri di pro­prie­tà, col­ti­va­ti a vi­gne­ti, uli­ve­ti e mais. E non è un ca­so che sia sta­ta pre­sa di mira la zo­na di aper­ta cam­pa­gna più «de­fi­la­ta», quel­la in con­tra­da Pa­lom­ba­ra.

Chi ha agi­to ap­pro­fit­tan­do del buio era ben or­ga­niz­za­to, con tut­ti gli stru­men­ti ido­nei a ta­glia­re i gran­di tronchi e far­lo nel mi­nor tem­po pos­si­bi­le. Mo­to­se­ga al­la ma­no e pro­ba­bil­men­te ca­mion ca­ri­co pron­to a ri­par­ti­re i la­dri di le­gna avreb­be­ro fat­to piaz­za pu­li­ta in una, for­se due not­ti stan­do al­le pri­me in­for­ma­zio­ni. Sta di fat­to che i re­spon­sa­bi­li dell’azien­da non se ne so­no ac­cor­ti su­bi­to, an­che per­ché in quell’area i la­vo­ra­to­ri non pas­sa­no tut­ti i gior­ni. Una sce­na de­so­lan­te quel­la al­la qua­le si so­no tro­va­ti da­van­ti, che ha por­ta­to poi al­la de­nun­cia, con­tro igno­ti. Co­sì co­me di re­cen­te un po­li­ti­co lo­ca­le ha de­nun­cia­to l’in­cen­dio di ven­ti al­be­ri d’uli­vo di con­tra­da «Gran­di­zia».

Di cer­to non ci so­no sti­me pre­ci­se sul dan­no ar­re­ca­to al­la mas­se­ria Zo­nin. «Il dan­no è re­la­ti­vo, si trat­te­rà di qual­che cen­ti­na­io di bot­ti­glie di olio» fa sa­pe­re Fran­ce­sco Zo­nin che par­la so­prat­tut­to di un «dan­no dal pun­to di vi­sta na­tu­ra­le» per la te­nu­ta in cui si è la­vo­ra­to fin dal pri­mo gior­no, dal lon­ta­no 2000, per far ri­na­sce­re una va­sta area di cam­pa­gna in pie­no ab­ban­do­no, per pre­ser­va­re la bio­di­ver­si­tà. Il fur­to è sta­to una ve­ra e pro­pria raz­zia, com­piu­ta in na­tu­ra e ai dan­ni del­la na­tu­ra. Ai dan­ni di quel ter­re­no di ar­gil­la ros­sa in cui so­no ri­ma­ste af­fon­da­te so­no le ra­di­ci de­gli ot­tan­ta al­be­ri. Ma si guar­da già avan­ti, non si può fa­re al­tri­men­ti: «Ri­pian­te­re­mo pre­sto gli uli­vi e il­lu­mi­ne­re­mo l’area – di­chia­ra an­co­ra il vi­ce­pre­si­den­te di “Zo­nin 1821” - e ci da­re­mo da fa­re, ci rim­boc­che­re­mo le ma­ni­che da buo­ni ve­ne­ti».

Mas­se­ria La gran­de te­nu­ta Al­te­mu­ra nel Brin­di­si­no, di pro­prie­tà del­la fa­mi­glia Zo­nin, ha per­so una par­te di un uli­ve­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.