LA PROFEZIA DI BORSELLINO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Front Page - Di Mas­si­mi­lia­no Me­lil­li

«Ri­cor­do ciò che mi dis­se Nin­ni Cas­sa­rà (vi­ce­ca­po della Squa­dra mo­bi­le di Pa­ler­mo ucciso dal­la ma­fia il 6 ago­sto 1985 n.d.r.) al­lor­ché ci sta­va­mo re­can­do sul luo­go do­ve era sta­to ucciso il dot­tor Bep­pe Mon­ta­na al­la fi­ne del lu­glio 1985. Mi dis­se: ‘Con­vin­cia­mo­ci che sia­mo dei ca­da­ve­ri che cam­mi­na­no’ (…) Ec­co per­chè an­che og­gi, qui, tra voi, ho la sen­sa­zio­ne di es­se­re un so­prav­vis­su­to…”.

E’ la profezia di Pao­lo Borsellino, non l’uni­ca pur­trop­po, agli stu­den­ti dell’Isti­tu­to pro­fes­sio­na­le per il com­mer­cio Re­mon­di­ni di Bas­sa­no del Grap­pa. E’ il 26 gen­na­io 1989 e il giu­di­ce si­ci­lia­no, sep­pu­re pres­sa­to da­gli im­pe­gni in Si­ci­lia, ac­cet­ta l’in­vi­to della scuo­la ve­ne­ta. Tre anni do­po Borsellino sa­rà ucciso a Pa­ler­mo da Co­sa No­stra: è il 19 lu­glio 1992. Con lui muo­io­no an­che gli agen­ti di scorta Ema­nue­la Loi, Clau­dio Trai­na, Vin­cen­zo Li Mu­li, Wal­ter Ed­die Co­si­na e Ago­sti­no Ca­ta­la­no. So­lo An­to­ni­no Vul­lo so­prav­vi­ve­rà a quell’in­fer­no. Ven­ti­cin­que anni do­po la stra­ge di via d’Ame­lio a Pa­ler­mo, le pa­ro­le del giu­di­ce a Bas­sa­no, ac­qui­sta­no un si­gni­fi­ca­to mol­to par­ti­co­la­re. Pro­prio per­ché pro­nun­cia­te in Ve­ne­to e in tem­pi non so­spet­ti, pro­prio per­ché han­no co­me sce­na­rio un ter­ri­to­rio a lun­go con­si­de­ra­to dal re­sto d’Ita­lia «mo­del­lo» al­la vo­ce le­ga­li­tà. Anni do­po, sot­to i col­pi dei tan­ti, trop­pi scan­da­li, lo stes­so Ve­ne­to scoprirà di aver per­du­to la ver­gi­ni­tà e non sa­rà più im­mu­ne dal ri­schio di in­fil­tra­zio­ni ma­fio­se. Quel gior­no Borsellino, da­van­ti a stu­den­ti e in­se­gnan­ti del Re­mon­di­ni, non usa mez­zi ter­mi­ni nel­la de­fi­ni­zio­ne del rap­por­to ma­la­to fra ma­fia e po­li­ti­ca, an­che a Nord st: «L’equi­vo­co su cui spes­so si gio­ca è que­sto: si di­ce, ‘quel po­li­ti­co era vi­ci­no ad un ma­fio­so’, ‘quel po­li­ti­co è sta­to ac­cu­sa­to di ave­re in­te­res­si con­ver­gen­ti con le or­ga­niz­za­zio­ni ma­fio­se’, pe­rò la ma­gi­stra­tu­ra non lo ho ha con­dan­na­to, quin­di quel po­li­ti­co è un uo­mo one­sto’. Eh no! – sbot­ta Borsellino da­van­ti agli stu­den­ti – Que­sto ra­gio­na­men­to non va, per­ché la ma­gi­stra­tu­ra può fa­re un ac­cer­ta­men­to so­lo di ca­rat­te­re giu­di­zia­le». Nel­la sua lun­ga car­rie­ra, Borsellino ha sem­pre cre­du­to che Co­sa No­stra fos­se un fe­no­me­no non so­lo tra­sver­sa­le ma an­che trans­na­zio­na­le, ca­pa­ce di ol­tre­pas­sa­re i con­fi­ni si­ci­lia­ni e ar­ri­va­re an­che al nord Ita­lia, in Europa e nel mon­do. Con Gio­van­ni Fal­co­ne, l’ami­co-ma­gi­stra­to ucciso sem­pre da Co­sa No­stra a Ca­pa­ci il 23 mag­gio 1992, Borsellino fir­mò de­ci­ne di ro­ga­to­rie in­ter­na­zio­na­li, da­gli Sta­ti Uni­ti al Sud Ame­ri­ca fi­no al Sud Afri­ca.

Agli stu­den­ti dell’Isti­tu­to Re­mon­di­ni Borsellino di­rà di più. Nel ri­spon­de­re ad una do­man­da di un gio­va­ne sul­la pre­sun­zio­ne d’in­no­cen­za, af­fer­ma: «Dim­mi un po’, tu non ne co­no­sci gen­te che è di­so­ne­sta ma non è sta­ta mai con­dan­na­ta per­ché non ci so­no le pro­ve per con­dan­nar­lo, pe­rò c’è il gros­so so­spet­to che do­vreb­be quan­to­me­no in­dur­re i par­ti­ti po­li­ti­ci a fa­re gros­sa pu­li­zia, a non sol­tan­to es­se­re one­sti ma ap­pa­ri­re one­sti, - sot­to­li­nea il ma­gi­stra­to - fa­cen­do pu­li­zia al lo­ro in­ter­no di tut­ti co­lo­ro che so­no rag­giun­ti co­mun­que da epi­so­di o da fat­ti in­quie­tan­ti, an­che se non co­sti­tuen­ti rea­ti». Pa­ro­le che in Ve­ne­to, ven­tot­to anni do­po, do­vreb­be­ro far ri­flet­te­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.