Con­fin­du­stria Ve­ne­zia per il do­po Zop­pas sfi­da tra Ma­ri­ne­se e Za­nar­do

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Al­ber­to Zor­zi © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA Si è pre­sen­ta­to di fron­te ai sag­gi ot­to mi­nu­ti pri­ma di mez­zo­gior­no, giusto in tempo uti­le per de­po­si­ta­re la sua can­di­da­tu­ra al­la pre­si­den­za di Con­fin­du­stria di Ve­ne­zia e Ro­vi­go. Un bri­vi­do la­st mi­nu­te, an­che se or­mai era da­ta per scon­ta­ta, do­po l’ap­pel­lo lan­cia­to gio­ve­dì se­ra da 101 im­pren­di­to­ri che, sep­pur sen­za ri­ve­la­re i lo­ro no­mi, gli ave­va­no lan­cia­to un en­dor­se­ment di quel­li a cui non po­te­va di­re di no. E in­fat­ti, al­la fi­ne, Da­ma­so Za­nar­do, ti­to­la­re dell’omo­ni­ma azienda della lo­gi­sti­ca di Mar­ghe­ra, ha ac­cet­ta­to, su­pe­ran­do i dub­bi ini­zia­li. Sa­rà lui a sfi­da­re il gran­de fa­vo­ri­to, quel Vin­cen­zo Ma­ri­ne­se, al­la gui­da di Si­rai (azienda spe­cia­liz­za­ta in bo­ni­fi­che) e vi­ce­pre­si­den­te ne­gli ul­ti­mi ot­to anni, «benedetto» dall’uscen­te Mat­teo Zop­pas e dal suo pre­de­ces­so­re e at­tua­le sin­da­co di Ve­ne­zia, Lui­gi Bru­gna­ro.

«Vor­rei rin­gra­zia­re uno per uno gli im­pren­di­to­ri che han­no fir­ma­to l’ap­pel­lo - ha det­to ie­ri Za­nar­do -. Ho let­to nel­le lo­ro pa­ro­le pas­sio­ne per il no­stro la­vo­ro e un gran­de amo­re per il no­stro ter­ri­to­rio. L’in­vi­to è frut­to della vo­lon­tà di ga­ran­ti­re un fu­tu­ro di be­nes­se­re e cre­sci­ta al no­stro ter­ri­to­rio e far riav­vi­ci­na­re l’as­so­cia­zio­ne all’in­te­ro tes­su­to im­pren­di­to­ria­le, so­cia­le e cul­tu­ra­le». Pro­prio da qui na­sce­reb­be la can­di­da­tu­ra di Za­nar­do, ap­pog­gia­to – tra i 101 – già da cir­ca me­tà dei qua­ran­ta re­fe­ren­ti ter­ri­to­ria­li e, con un pas­sa­pa­ro­la di una gior­na­ta, da una quin­di­ci­na di azien­de ro­di­gi­ne. Pic­co­le e me­die im­pre­se che, spie­ga uno dei suoi so­ste­ni­to­ri, da anni sot­to­po­ne­va­no ai re­fe­ren­ti al­cu­ne istan­ze che sa­reb­be­ro ri­ma­ste igno­ra­te: ec­co dun­que la ri­chie­sta di una di­scon­ti­nui­tà con il pas­sa­to e di un cam­bio di pas­so. «Ho ac­cet­ta­to l’in­vi­to a can­di­dar­mi con la pro­mes­sa di col­la­bo­ra­re in­sie­me quo­ti­dia­na­men­te al­lo svi­lup­po e al­la cre­sci­ta della com­pe­ti­ti­vi­tà del no­stro tes­su­to in­du­stria­le e all’at­tra­zio­ne di nuo­vi in­ve­sti­men­ti», con­clu­de Za­nar­do.

Ma­ri­ne­se, per ora, in­cas­sa con fair play. «Ci sa­rà una cam­pa­gna di con­fron­to, che au­spi­co ri­man­ga all’in­ter­no di Con­fin­du­stria, nel ri­spet­to del­le re­go­le, dei nostri as­so­cia­ti e so­prat­tut­to dell’isti­tu­zio­ne che ha sem­pre rap­pre­sen­ta­to gli in­te­res­si di tut­ti gli im­pren­di­to­ri - af­fer­ma - Un con­fron­to è sem­pre uti­le per cre­sce­re e mi­glio­rar­si». L’uni­ca sci­vo­la­ta sul fron­te po­le­mi­co è pro­prio sul­la tan­to sot­to­li­nea­ta «di­scon­ti­nui­tà». «Sia io che Da­ma­so eravamo nel con­si­glio di pre­si­den­za gui­da­to da Zop­pas e lui è sta­to an­che de­le­ga­to in se­no al­la Camera di Com­mer­cio sul­la Cit­tà me­tro­po­li­ta­na Vin­cen­zo Ma­ri­ne­se, a de­stra, e Da­ma­so Za­nar­do si con­ten­de­ran­no la pre­si­den­za - con­ti­nua - Io cre­do che il pas­sa­to non va­da mai rin­ne­ga­to». Non è un mi­ste­ro che Ma­ri­ne­se sia sta­to pe­rò in­di­spet­ti­to dal­la di­sce­sa in cam­po di Za­nar­do, a cui non più di un me­se fa ave­va pro­po­sto un ac­cor­do che pre­ve­de­va la vi­ce­pre­si­den­za, ot­te­nen­do una ri­spo­sta po­si­ti­va, san­ci­ta da una stret­ta di ma­no.

Le co­se poi so­no cam­bia­te e i sup­por­ter di Ma­ri­ne­se ora ri­cor­da­no il suo ruo­lo di «eter­no can­di­da­to», per esem­pio al­le co­mu­na­li di Ve­ne­zia del 2010, do­ve fu a ca­po della li­sta di Re­na­to Bru­net­ta (scon­fit­to da Giorgio Or­so­ni), o al­la gui­da dell’Au­to­ri­tà por­tua­le. Il ti­mo­re è pe­rò so­prat­tut­to una cam­pa­gna elet­to­ra­le che di­vi­da gli im­pren­di­to­ri, e la men­te va al­la or­mai fa­mo­sa «guer­ra» tra En­ri­co Mar­chi e Pao­lo Tro­vò che nel 2009 portò all’az­ze­ra­men­to e al­la no­mi­na di Bru­gna­ro. Il pri­mo obiet­ti­vo di Za­nar­do è con­qui­sta­re quel 20 per cen­to dei vo­ti «pe­sa­ti» de­gli as­so­cia­ti per po­ter accedere al­la sfi­da fi­na­le di fron­te al con­si­glio ge­ne­ra­le. Dal­la par­te di Ma­ri­ne­se sem­bre­reb­be­ro es­ser­ci i co­los­si co­me Eni, Enel, Fin­can­tie­ri e Sa­ve, da sem­pre de­ci­si­vi nel­la scel­ta del pre­si­den­te, per cui Za­nar­do do­vrà pun­ta­re a con­vin­ce­re tan­ti im­pren­di­to­ri a sta­re con lui. Qual­cu­no ve­de in­fi­ne in que­sta mossa an­che un at­tac­co al pre­si­den­te uscen­te Mat­teo Zop­pas, da feb­bra­io al ver­ti­ce di Con­fin­du­stria Ve­ne­to, ca­ri­ca per la qua­le era sta­to spinto a la­scia­re la gui­da di Ve­ne­zia che ave­va con­qui­sta­to nel 2013.

Cor­sa

Pren­de l’esi­to di una cor­sa a due tra Vin­cen­zo Ma­ri­ne­se e Da­ma­so Za­nar­do la suc­ces­sio­ne a Mat­teo Zop­pas (nel­la fo­to) al­la pre­si­den­za di Con­fin­du­stria Ve­ne­zia: le can­di­da­tu­re so­no sta­te de­po­si­ta­te ie­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.