Se­gre­te­ria Pd, caso Ri­nun­ci­ni scel­to un sin­da­co sen­za tes­se­ra (e con i dem all’op­po­si­zio­ne)

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mo. Zi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA Non ha la tes­se­ra del par­ti­to, an­zi il Pd nel Co­mu­ne del qua­le è sin­da­co sie­de all’op­po­si­zio­ne. Ep­pu­re En­ri­co Ri­nun­ci­ni è en­tra­to a far parte del­la se­gre­te­ria re­gio­na­le del Par­ti­to De­mo­cra­ti­co. È il sin­da­co di Pon­te San Ni­co­lò con una mag­gio­ran­za ci­vi­ca (la li­sta si chia­ma Pon­te San Ni­co­lò Co­mu­ni­tà Vi­va) e con all’op­po­si­zio­ne il Pd in ver­sio­ne ci­vi­ca (Pon­te San Ni­co­lò de­mo­cra­ti­co) e l’ha vo­lu­to il se­gre­ta­rio ren­zia­no Ales­san­dro Bi­sa­to per se­gui­re gli en­ti lo­ca­li. Ta­glia­ti fuo­ri dalla se­gre­te­ria, gli or­lan­dia­ni non l’hanno pre­sa be­ne. An­zi.

«Ma­le la se­gre­te­ria non uni­ta­ria. Ma­lis­si­mo Ri­nun­ci­ni: una pro­vo­ca­zio­ne inac­cet­ta­bi­le - sbot­ta Gior­gio To­nel­la, presidente dell’as­sem­blea re­gio­na­le del par­ti­to - È un sin­da­co che ha il Pd all’op­po­si­zio­ne: se gli al­tri com­po­nen­ti del­la se­gre­te­ria no­mi­na­ti hanno un bri­cio­lo di di­gni­tà, si dis­so­ci­no. Siamo all’anal­fa­be­ti­smo po­li­ti­co». In­fu­ria­to è dir po­co.

«Per for­tu­na che To­nel­la vo­le­va col­la­bo­ra­re - ri­bat­te Bi­sa­to - Co­mun­que Ri­nun­ci­ni ades­so si sta iscri­ven­do al Pd e la co­sa è ri­sol­ta. Rin­cor­ria­mo il so­li­to sche­ma vec­chio, io in­ve­ce sono per al­lar­ga­re». Al­lar­ga­re a chi non è iscrit­to e la­scia­re fuo­ri chi è già den­tro è il par­ti­to do­po grandi di­scor­si sul­la se­gre­te­ria con­di­vi­sa ha in­ne­sca­to pe­rò un ma­lu­mo­re di­vi­si­vo. «Non vo­glio ba­na­liz­za­re le dif­fi­col­tà dei ter­ri­to­ri e fa­rò un con­fron­to con gli iscrit­ti del cir­co­lo - pro­met­te il se­gre­ta­rio - Nel­la ci­vi­ca di Ri­nun­ci­ni ci sono espo­nen­ti del Pd. Mi pia­ce guar­da­re all’aspet­to ge­ne­ra­le: è fi­gu­ra che può far be­ne nel la­vo­ro di ter­ri­to­rio. Se vo­glia­mo ave­re una ra­gio­ne di fu­tu­ro nel Pd, dob­bia­mo sen­tir­ci parte di un’uni­ca co­mu­ni­tà e crea­re con­nes­sio­ni con gli elet­ti nei ter­ri­to­ri, che sia­no del Pd o di area. Lui fa una po­li­ti­ca di cen­tro­si­ni­stra sui mi­gran­ti e le unio­ni dei Co­mu­ni». Ma se per re­cu­pe­ra­re quel­li di area si per­do­no quel­li con la tes­se­ra? «La­vo­ria­mo sui con­te­nu­ti e lì ver­ran­no fuo­ri gli ar­go­men­ti che ci ten­go­no insieme - ri­bat­te Bi­sa­to - La se­gre­te­ria non è uni­ta­ria ma con­di­vi­sa e per me si­gni­fi­ca aver da­to la gui­da dell’as­sem­blea a To­nel­la. Sono mol­to se­re­no. Ne è uscita una bel­la squa­dra fat­ta di espe­rien­za e in­no­va­zio­ne in ter­mi­ni di vol­ti nuo­vi».

«Bi­sa­to ha ini­zia­to ma­le», scuo­te la te­sta Ema­nue­le Ro­ste­ghin. Che, co­me To­nel­la, è presidente or­lan­dia­no dell’as­sem­blea me­tro­po­li­ta­na di Venezia con una se­gre­te­ria Pd tut­ta ren­zia­na. «Mi pa­re­va ci fosse idea di col­la­bo­ra­re al re­gio­na­le e ho la sen­sa­zio­ne che, co­me sem­pre, il se­gre­ta­rio sia rimasto già vit­ti­ma del­le cor­ren­ti ren­zia­ne: ci hanno mes­so pa­rec­chio a fa­re una se­gre­te­ria tut­ta ren­zia­na di die­ci per­so­ne». Il ban­co di pro­va di que­sta en­ne­si­ma la­ce­ra­zio­ne in­ter­na ai dem sarà la con­fe­ren­za pro­gram­ma­ti­ca sul re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia del Ve­ne­to. «Chiu­de­re al 40% del par­ti­to è un er­ro­re, ge­ne­ra un Pd ancora più de­bo­le pre­ve­de Ro­ste­ghin - O fac­cia­mo squa­dra o con le con­ti­nue di­vi­sio­ni non fac­cia­mo stra­da. Il cen­tro­de­stra mo­ri­bon­do lo ab­bia­no ria­ni­ma­to noi e sta rial­zan­do la te­sta gra­zie ai no­stri at­teg­gia­men­ti».

«Si la­vo­re­rà sul go­ver­no del par­ti­to e sui te­mi po­li­ti­ci e lì si tro­ve­rà il mas­si­mo del­la sin­te­si». Lu­cio Tioz­zo, vi­ce­se­gre­ta­rio re­gio­na­le, è fi­du­cio­so. Po­li­ti­co di lun­go cor­so, tre man­da­ti in Re­gio­ne, a suo agio con le di­na­mi­che di par­ti­to, svol­ge­rà il ruo­lo di trait d’union tra la se­gre­te­ria, i con­si­glie­ri re­gio­na­li e i par­la­men­ta­ri. «Qua­lun­que co­sa por­ta a di­vi­sio­ni è un er­ro­re - ri­flet­te - Sono pre­oc­cu­pa­to se ci sa­ran­no nuo­ve di­vi­sio­ni, nuo­ve fuo­riu­sci­te. Ci sa­ran­no ag­giu­sta­men­ti, il cam­mi­no è lun­go e la se­gre­te­ria ha la mas­si­ma buo­na vo­lon­tà di un agi­re uni­ta­rio sulle co­se da fa­re».

Ales­san­dro Bi­sa­to Si sta iscri­ven­do al Pd E poi è un sin­da­co di area che am­mi­ni­stra secondo prin­ci­pi di cen­tro­si­ni­stra

Dem

Non è iscrit­to al Pd En­ri­co Ri­nun­ci­ni, se­gre­te­ria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.