Gli ultrà dell’Hel­las: «La no­stra festa? La pa­ga Adolf Hi­tler»

Co­ri per il Fuh­rer in un vi­deo gi­ra­to al ra­du­no dei ti­fo­si Il ca­po di For­za Nuova: «Vo­le­vo so­lo fa­re una goliardata»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Andrea Prian­te © RI­PRO­DU­ZIO­NE RISERVATA

Vi­deo e foto-ri­cor­do

A si­ni­stra, la sva­sti­ca rea­liz­za­ta con le au­to nel 2014. A de­stra, Luca Ca­stel­li­ni «rin­gra­zia» Hi­tler al­la festa dell’1 lu­glio mon­di che non do­vreb­be­ro ave­re mai nul­la a che fa­re: quel­lo fe­sto­so del cal­cio e quel­lo in­san­gui­na­to, im­ma­gi­na­to dal Fuh­rer e dal suo «del­fi­no».

In po­che ore il vi­deo del­la festa gial­lo­blù ha rag­giun­to le ses­san­ta­mi­la vi­sua­liz­za­zio­ni e rac­col­to cen­ti­na­ia di com­men­ti sui social. «Co­ri bel­li co­me que­sto, non ave­te idea di quan­to li ap­prez­zi», «Chi non è ti­fo­so dell’Hel­las non può ca­pi­re», «Ma era sol­tan­to uno scher­zo...».

C’è an­che chi cri­ti­ca du­ra­men­te il si­pa­riet­to al qua­le si so­no pre­sta­ti gli ultrà ve­ro­ne­si, a co­min­cia­re dai si­ti in­ter­net più vi­ci­ni al­le ti­fo­se­rie ne­mi­che, co­me quella del Na­po­li: «La festa del­la Cur­va Sud dell’Hel­las Ve­ro­na è sta­ta un co­vo di na­zi­sti» ac­cu­sa Il Na­po­li­sta.

Più o me­no le stes­se ac­cu­se che si era­no sca­te­na­te nel 2014: altra se­ra­ta di festa, ma quella vol­ta il «po­po­lo gial­lo­blù» si im­pe­gnò a rea­liz­za­re una sor­ta di co­reo­gra­fia na­zi­sta, par­cheg­gian­do le au­to­mo­bi­li in mo­do da trat­teg­gia­re una sva­sti­ca.

Pri­ma an­co­ra - era il 2011 - ci fu­ro­no le ac­cu­se di raz­zi­smo, pio­vu­te ai tem­pi del­la pro­mo­zio­ne in Se­rie B. An­che in quel ca­so fu un vi­deo a im­mor­ta­la­re l’al­le­na­to­re, Andrea Man­dor­li­ni, men­tre fe­steg­gia­va esor­tan­do la cur­va a can­ta­re «Ti amo ter­ro­ne».

Ora è la vol­ta dei co­ri in­neg­gian­ti ad Adolf Hi­tler e Ru­dolf Hess. Per l’Hel­las, re­du­ce dal col­po di mer­ca­to che ha per­mes­so al­la so­cie­tà di ac­ca­par­rar­si An­to­nio Cas­sa­no, una brut­ta fi­gu­ra. Ma an­che ie­ri la so­cie­tà ha scel­to di non commentare l’epi­so­dio.

In­tan­to Luca Ca­stel­li­ni non ci sta a fi­ni­re sul­la gra­ti­co­la. «È sta­ta sol­tan­to una goliardata, chi fre­quen­ta la cur­va del Ve­ro­na sa che la po­li­ti­ca non c’en­tra nul­la con le fe­ste che or­ga­niz­zia­mo al­la fi­ne del cam­pio­na­to. Di­co­no che so­no un ca­po-ultrà ma non è ve­ro: so­no un ti­fo­so co­me tut­ti gli al­tri». Re­sta da ca­pi­re co­sa ci fa­ces­se, al­lo­ra, sul pal­co con il mi­cro­fo­no in ma­no. Ma Ca­stel­li­ni tie­ne più che al­tro a smar­ca­re il suo ruo­lo di coor­di­na­to­re per il nord Ita­lia del par­ti­to di estre­ma de­stra dal­la sua pre­sen­za in Cur­va Sud: «Al­lo sta­dio ci va­do da ol­tre vent’an­ni ma co­me For­za Nuova la po­li­ti­ca, quella ve­ra, la fac­cia­mo fuo­ri dal Ben­te­go­di, sul ter­ri­to­rio, ogni vol­ta che lot­tia­mo al fian­co dei cit­ta­di­ni per im­pe­di­re l’ar­ri­vo dei pro­fu­ghi».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.