Pa­drin in­da­ga­to, gli al­tri sin­da­ci so­li­da­li: «Non ha si­ste­ma­to la stra­da del mor­ta­le? Col­pa del­lo Sta­to, non dà sol­di ai Co­mu­ni»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - Fe­de­ri­ca Fant © RI­PRO­DU­ZIO­NE RISERVATA

LON­GA­RO­NE «Se il sin­da­co è re­spon­sa­bi­le, qual­cu­no è com­pli­ce». E’ la­pi­da­rio il sin­da­co di Ca­lal­zo, Luca De Car­lo, nel commentare la vi­cen­da giu­di­zia­ria che coin­vol­ge il col­le­ga di Lon­ga­ro­ne, Ro­ber­to Pa­drin, in­da­ga­to per omi­ci­dio stra­da­le per non es­se­re in­ter­ve­nu­to su un trat­to di stra­da do­ve a mar­zo è av­ve­nu­to un in­ci­den­te mor­ta­le. A cau­sa del­le stra­ti­fi­ca­zio­ni di asfal­to il guar­drail era di­ven­ta­to trop­po bas­so e di fat­to in­ser­vi­bi­le, tan­to da non con­te­ne­re l’au­to di una don­na, che sban­dan­do fi­nì nel­la scar­pa­ta. Le no­vi­tà in­tro­dot­te dal­la nuova leg­ge sull’omi­ci­dio stra­da­le com­bi­na­te con ciò che pre­ve­de il Co­di­ce del­la stra­da si­gni­fi­ca­no una co­sa pre­ci­sa: per non in­cor­re­re in guai giu­di­zia­ri se­ri, tut­ti i sog­get­ti in­ve­sti­ti dall’ob­bli­go di cu­ra­re al me­glio le stra­de do­vreb­be­ro in­ten­si­fi­ca­re i lo­ro in­ter­ven­ti, per evi­ta­re in­ci­den­ti gra­vi le­ga­ti a di­fet­ti o ca­ren­ze evi­den­ti del­le stra­de.

«Non ci si la­men­ti se non si tro­va­no per­so­ne che si can­di­da­no a fa­re il sin­da­co — sbotta De Car­lo —. Noi sia­mo re­spon­sa­bi­li di qual­sia­si co­sa suc­ce­da, che sia una ca­la­mi­tà na­tu­ra­le o un in­ci­den­te. Il sin­da­co è di­ven­ta­to il ca­pro espia­to­rio idea­le per tro­va­re qual­cu­no da sbat­te­re in ga­le­ra». De Car­lo si au­gu­ra di fi­ni­re in­den­ne gli ul­ti­mi due an­ni del suo se­con­do man­da­to, vi­sto che «so­no pa­rec­chi i no­di sul­la via­bi­li­tà da noi se­gna­la­ti all’Anas e che for­se ver­ran­no ri­sol­ti con i 70 mi­lio­ni di Cor­ti­na 2021». «Il pun­to è uno so­lo — in­cal­za il pri­mo cit­ta­di­no — bi­so­gne­reb­be ave­re ri­sor­se da po­ter spen­de­re. Lo Sta­to do­vreb­be ga­ran­ti­re il mi­ni­mo es­sen­zia­le, in­ve­ce ci fa fa­re gli esat­to­ri per col­ma­re vuo­ti di al­tre am­mi­ni­stra­zio­ni». E so­no mol­te le pro­ble­ma­ti­che le­ga­te al­la mo­bi­li­tà su tut­to il ter­ri­to­rio pro­vin­cia­le.

Ne par­la an­che il sin­da­co di Cor­ti­na, Gian­pie­tro Ghe­di­na, che lot­ta con lo smot­ta­men­to di Ac­qua­bo­na: «Ab­bia­mo re­spon­sa­bi­li­tà mol­to se­rie e tal­vol­ta sia­mo coin­vol­ti in si­tua­zio­ni che ne esu­la­no. Con Cor­ti­na 2021 ar­ri­ve­ran­no ri­sor­se im­por­tan­ti, spal­ma­te nei pun­ti più cri­ti­ci». A Bel­lu­no in­ve­ce di via­bi­li­tà se ne oc­cu­pa l’as­ses­so­re Bia­gio Gian­no­ne, il qua­le as­si­cu­ra che co­min­ce­rà a gi­ra­re per le fra­zio­ni quan­to pri­ma: «Ci so­no ol­tre 400 chi­lo­me­tri di stra­de co­mu­na­li, spe­ro che gli uf­fi­ci ab­bia­no fat­to un pro­spet­to dal qua­le par­ti­re, sa­rà mia cu­ra ve­ri­fi­ca­re le si­tua­zio­ni più im­pel­len­ti». Co­me quella del­la stra­da del Col Ca­va­lier, che ha un’ana­lo­gia con la vi­cen­da di Pa­drin: an­che lì, in­fat­ti, pro­ba­bil­men­te per mo­ti­vi geo­lo­gi­ci — co­me ave­va a suo tem­po se­gna­la­to l’al­lo­ra as­ses­so­re Luca Sal­ti — il guar­drail è fra­na­to.

Luca De Car­lo Bi­so­gne­reb­be ave­re ri­sor­se da spen­de­re. Ro­ma ci fa fa­re gli esat­to­ri e ba­sta

Ro­ber­to Pa­drin Il sin­da­co di Lon­ga­ro­ne è in­da­ga­to per omi­ci­dio stra­da­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.