Car­tel­li «fa­sci­sti»: ri­schio li­cen­zia­men­to per l’ani­ma della spiag­gia chiog­giot­ta

I so­ci del­lo sta­bi­li­men­to pren­do­no le di­stan­ze. Ma l’as­ses­so­re Do­naz­zan lan­cia il party del Ven­ten­nio

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Be­ne­det­ta Cen­tin © RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIOG­GIA Tra­vol­ti, lo­ro mal­gra­do, dall’on­da del­le po­le­mi­che sui car­tel­li che so­no val­si al lo­ro sta­bi­li­men­to l’eti­chet­ta di «spiag­gia fa­sci­sta», par­la­no i ve­ri ti­to­la­ri della con­ces­sio­ne bal­nea­re di Pla­ya Pun­ta Can­na a Chiog­gia. Che non esclu­do­no di li­cen­zia­re l’ex ge­sto­re e at­tua­le ba­gni­no, Gian­ni Scar­pa, l’au­to­re dei car­tel­li in­cri­mi­na­ti de­nun­cia­to per apo­lo­gia del fa­sci­smo. A parlare per tut­ti è uno dei gio­va­ni so­ci, An­drea Del­le Don­ne. «Dob­bia­mo va­lu­ta­re con av­vo­ca­to e com­mer­cia­li­sta se pren­de­re prov­ve­di­men­ti ma po­trem­mo ar­ri­va­re al li­cen­zia­men­to sì, anche per da­re un se­gna­le co­me so­cie­tà - spie­ga il 28en­ne -. So­cie­tà che, sia ben in­te­so, si dis­so­cia da quei car­tel­li, nes­su­no di noi fa par­te di par­ti­ti, qui la po­li­ti­ca non c’en­tra».

Il gio­va­ne im­pren­di­to­re fa sa­pe­re che con gli al­tri so­ci ave­va­no pen­sa­to ad un co­mu­ni­ca­to stampa, per chia­ri­re la lo­ro po­si­zio­ne, ma l’idea è sta­ta boc­cia­ta. «Non è no­stra in­ten­zio­ne but­ta­re al­tra ben­zi­na sul fuo­co, ba­sta cla­mo­re, non vo­glia­mo che se ne par­li an­co­ra -chio­sa Del­le Don­ne - ; che va­da avan­ti nel suo iter la giu­sti­zia ma che gior­na­li e ti­vù smet­ta­no di scri­ver­ne, vo­glia­mo so­lo la­vo­ra­re e ri­pren­de­re a dor­mi­re: sia­mo tut­ti gio­va­ni, ab­bia­mo su­bi­to il col­po». Gio­va­ni che han­no in­ve­sti­to nel lo­ro fu­tu­ro, che ci han­no cre­du­to in quel­la spiag­gia di cui Scar­pa è sta­to per an­ni il ge­sto­re. E che an­co­ra og­gi con­ti­nua in qual­che mo­do a rap­pre­sen­tar­la. «Ab­bia­mo se­gui­to lui, la gen­te ri­de­va e scher­za­va leg­gen­do i suoi car­tel­li, af­fis­si tre an­ni or so­no» spie­ga Del­le Don­ne, pun­tua­liz­zan­do che quei car­tel­li so­no sta­ti ri­mos­si già do­me­ni­ca se­ra, an­co­ra prima dell’or­di­nan­za fir­ma­ta dal pre­fet­to di Ve­ne­zia. «Era uno show di Gian­ni - con­ti­nua il 28en­ne - un qual­co­sa di fol­clo­ri­sti­co e go­liar­di­co: co­sì so­no sem­pre sta­ti in­ter­pre­ta­ti quei car­tel­li, ora pe­rò so­no sta­ti tra­vi­sa­ti, la no­stra spiag­gia è sta­ta so­lo un pre­te­sto per parlare della di­scus­sio­ne del pro­fet­to di leg­ge sul rea­to di pro­pa­gan­da fa­sci­sta». Ed an­co­ra: «Noi non ab­bia­mo col­pe, non ci dob­bia­mo scu­sa­re di nul­la».

E in ef­fet­ti Gian­ni Scar­pa, im­pe­gna­to tra un’intervista e l’al­tra che pe­rò non sta leg­gen­do o ascol­tan­do («lo fa­rò a fi­ne sta­gio­ne» di­ce) si ac­col­la tut­te le col­pe. «Mi di­spia­ce per i ra­gaz­zi, lo­ro mi han­no da­to car­ta bian­ca, han­no ac­cet­ta­to che stes­si qui quan­do mi sen­to rac­con­ta l’ex ge­sto­re - , mi pren­do io tut­te le re­spon­sa­bi­li­tà, cer­to ora pos­so ri­schia­re il po­sto». Una de­ci­sio­ne, que­sta, che i so­ci do­vran­no va­lu­ta­re.

Nel frat­tem­po i so­ste­ni­to­ri del «pi­ra­ta» au­to­re del­le scrit­te in­neg­gian­ti a Mus­so­li­ni si so­no più che mol­ti­pli­ca­ti su Fa­ce­book in so­le 24 ore: i «mi pia­ce» nel­la pa­gi­na «Io sto con Gian­ni di Pla­ya Pun­ta Can­na» in due gior­ni si so­no av­vi­ci­na­ti a quo­ta cin­que­mi­la.

Ma le po­le­mi­che non si smor­za­no. Da Si­ni­stra Ita­lia­na che ha an­nun­cia­to per og­gi un sit in da­van­ti al­lo sta­bi­li­men­to di Chiog­gia, il più chiac­chie­ra­to della sta­gio­ne, all’as­ses­so­re re­gio­na­le di For­za Ita­lia Elena Do­naz­zan che ha lan­cia­to l’idea di un party in ma­sche­ra del Ven­ten­nio, pro­prio nel­lo sta­bi­li­men­to Pla­ya Pun­ta Can­na.

L’as­ses­so­re sa già co­me si ve­sti­rà: da Mar­ghe­ri­ta Sar­fat­ti, scrit­tri­ce e gior­na­li­sta ve­ne­zia­na, aman­te di Mus­so­li­ni. «E al­lo­ra so­no cu­rio­sa di ve­de­re co­sa si in­ven­te­rà il pre­fet­to» fa sa­pe­re Do­naz­zan.

E se l’im­por­tan­te è che se ne par­li, nel be­ne o nel ma­le, non è da­to an­co­ra sa­pe­re se tan­ta pub­bli­ci­tà ab­bia fat­to be­ne al­le cas­se del­lo sta­bi­li­men­to: «Se ci ha por­ta­to più clien­ti lo ve­dre­mo so­lo nel me­dio pe­rio­do - di­co­no i ge­sto­ri -, per ora ci aiu­ta il bel tem­po».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.