An­co­ra con­trol­lo­ri ag­gre­di­ti da uno straniero sen­za tic­ket

Treviso, col­lut­ta­zio­ne sull’au­to­bus in pie­no cen­tro

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mil­va­na Cit­ter © RIPRODUZIONE RISERVATA

TREVISO Non è ba­sta­to un ver­ti­ce sul­la si­cu­rez­za e sull’or­di­ne pub­bli­co, né la de­ci­sio­ne di di­spor­re l’or­ga­niz­za­zio­ne di cor­si di di­fe­sa pas­si­va per il per­so­na­le in ser­vi­zio su­gli au­to­bus.

Ie­ri si è con­su­ma­ta l’en­ne­si­ma ag­gres­sio­ne a due con­trol­lo­ri di Mom, l’azien­da tre­vi­gia­na di tra­spor­to pub­bli­co. E que­sta vol­ta è suc­ces­so in pie­no cen­tro cit­tà e in pie­no gior­no. L’epi­so­dio si è ve­ri­fi­ca­to, in­fat­ti, in via­le Luz­zat­ti, su un au­to­bus della li­nea 4 in­tor­no al­le 13.40. I due con­trol­lo­ri, ap­pe­na en­tra­ti in ser­vi­zio, so­no sa­li­ti sul mez­zo e l’au­ti­sta li ha av­ver­ti­ti che uno straniero di co­lo­re non ave­va obli­te­ra­to il bi­gliet­to.

I con­trol­lo­ri han­no quin­di cer­ca­to di rag­giun­ger­lo, men­tre il bus era an­co­ra fer­mo, ma l’im­mi­gra­to ha cer­ca­to di scen­de­re dal­le por­te po­ste­rio­ri. Fra i tre è na­ta una col­lut­ta­zio­ne: spin­to­ni e ma­na­te da par­te dell’im­mi­gra­to, che sa­reb­be riu­sci­to a get­ta­re a ter­ra i due di­pen­den­ti Mom. Poi l’uo­mo è scap­pa­to, in­se­gui­to da­gli stes­si con­trol­lo­ri che han­no pro­va­to va­na­men­te a rag­giun­ger­lo, men­tre il col­le­ga dall’au­to­bus chie­de­va aiu­to al­la po­li­zia. Ma il pas­seg­ge­ro è spa­ri­to nel nul­la, scap­pan­do tra le vie del cen­tro, prima dell’ar­ri­vo del­le vo­lan­ti. Per i due con­trol­lo­ri è sta­to ne­ces­sa­rio un pas­sag­gio al pron­to soc­cor­so, do­ve so­no sta­ti me­di­ca­ti e di­mes­si con pro­gno­si di tre gior­ni per esco­ria­zio­ni e con­tu­sio­ni ri­por­ta­te nel­la col­lut­ta­zio­ne con l’uo­mo.

Per l’azien­da si trat­ta dell’en­ne­si­mo epi­so­dio, in un’esca­la­tion che ve­de sem­pre di più nel mi­ri­no il per­so­na­le in ser­vi­zio sui mez­zi. Va­ri gli epi­so­di nel­le li­nee più pe­ri­fe­ri­che della Pe­de­mon­ta­na e in ora­ri se­ra­li e not­tur­ni. Mai prima d’ora, pe­rò, si era ve­ri­fi­ca­to un epi­so­dio co­sì se­rio in pie­no gior­no e nel cen­tro cit­tà. No­no­stan­te tut­te le con­tro­mi­su­re adot­ta­te dall’azien­da, dal far la­vo­ra­re in cop­pia i con­trol­lo­ri al do­ta­re i mez­zi di un sensore, col­le­ga­to a un isti­tu­to di vi­gi­lan­za pri­va­ta, che ac­cer­ta la pre­sen­za di persone a ter­ra.

Non so­lo, do­po la bru­ta­le ag­gres­sio­ne su­bi­ta a maggio da due au­ti­sti, at­tac­ca­ti da al­cu­ni ra­gaz­zi sen­za bi­gliet­to al Bi­scio­ne di Co­ne­glia­no, si era te­nu­to un ver­ti­ce sul­la si­cu­rez­za e il pre­fet­to Lau­ra Le­ga ave­va di­spo­sto l’av­vio di cor­si di au­to­di­fe­sa pas­si­va per il per­so­na­le, che do­vreb­be or­ga­niz­za­re la que­stu­ra. Ma nul­la sem­bra es­se­re suf­fi­cien­te a fer­ma­re le ag­gres­sio­ni.

Scon­tro sull’au­to­bus Due con­trol­lo­ri di Mom so­no sta­ti ag­gre­di­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.